My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Musica 90
Roberto Gatti a memoria di Gianpiero Gallina e di un fantastico concerto di Sun Ra

Martedì 25 maggio alle ore 11.30, presso il Cortile della Farmacia, ossia nel Museo Regionale di Scienze Naturali, in via Giolitti 36, Torino, verrà presentato il volume "Musica 90".Vent'anni di suoni e ritmi dal mondo", progetto di straordinario valore con cui si intende ricordare Gianpiero Gallina, il fondatore di Musica 90, a un anno dalla scomparsa.

Quello che segue è il testo di Roberto Gatti, scritto a memoria di Gianpiero e di un fantastico concerto di Sun Ra.

Ricordo di aver conosciuto Gianpiero Gallina molti anni prima del debutto di Musica Novanta. Doveva essere la fine di maggio del ‘78, e il luogo era sicuramente Moers: il Festival open air più famoso d’Europa. Io ci ero andato con un bel po’ di amici (fra i quali l’indimenticabile Gianni Martini di Firenze, che ci ha lasciati molto, troppo presto): eravamo tutti fans sfegatati di quella che allora veniva chiamata Great Black Music, sulla scorta della definizione coniata dalla Aacm. Per pura combinazione io scrivevo anche, ero un “fan scrivano”, si potrebbe dire: come moltissimi altri, del resto. Ma in quegli anni beati non avevamo biglietti da visita, per fortuna, nè ci si domandava mai che cavolo si facesse nella vita: semmai chi ci piaceva di più. E chi rispondeve Anthony Braxton, e chi Evan Parker, e chi Cecil Taylor, e chi Misha Mengelberg. Perché, al contrario di oggi, il minimo comun denominatore era costituito dalla passione, non dal mestiere. Anni formidabili, appunto! Proprio così ho conosciuto Gianpiero, e con lui Renzo Pognant Gros. Che poi ho rivisto una sacco di volte negli anni successivi, senza mai immaginare che potessero covare in grembo il desiderio di diventare “organizzatori di concerti”, oppure anche, per usare un termine un po’ più pomposo, e tanto caro agli amici del Club Tenco, “operatori culturali”. Nè loro, discreti com’erano, me l’hanno mai apertamente confessato.

Anche Herman Poole Blount, il leggendario Sun Ra, l’avevo incrociato ben prima dell’avvento di Musica Novanta. A Pescara Jazz nel luglio del ‘76, lo ricordo benissimo: nella prima “lunga estate jazzistica” della mia vita. E ricordo anche bene la formidabile scossa di adrenalina che il Sole mi diede, quando, finito un concerto di inaudita bellezza, si mise alla testa della sua meravigliosa Arkestra, seguito solo un passo indietro dalla deliziosa June Tyson, per marciare e danzare lungo l’intera pista di atletica dello stadio comunale al ritmo di “Space Is the Place”... Ovviamente ci fu chi, fra i “critici” presenti (di cui non dirò il nome per carità di patria), scrisse il giorno dopo sul proprio quotidiano parole di fuoco su quella “pagliacciata in costume tribale” (testuale)! Esattamente come una decina d’anni prima, al Jazz Festival di Lecco, gli stessi “critici” avevano bollato a fuoco la performance di Archie Shepp e del suo sensazionale combo, rei di fare a pezzi l’estetica del “vero jazz” di Charlie Parker e Dizzy Gillespie! Pazienza...

Capii solo alcuni anni dopo, con un minimo di esperienza in più, che Sun Ra possedeva la straordinaria capacità di separare il grano dal loglio: proprio come John Coltrane, Albert Ayler, Archie Shepp e tanti altri grandi innovatori. Lo capii in un altro memorabile concerto “live” del Re Sole: al Parco delle Basiliche di Milano, nella notte di un indimenticabile solstizio d’estate di un anno ormai lontano. Quando, con geniale intuizione, i due organizzatori del concerto (Riccardo Bertoncelli e Giacomo Pellicciotti) chiamarono a interloquire con l’Arkestra al gran completo il leggendario maresciallo Bob Caselli, forse il più grande e visionario artificiere italiano dell’epoca. Che, non pago delle meraviglie realizzate dai suoi fuochi in perfetta sintonia con la musica, durante un pianissimo Arkestrale ebbe anche l’ardire di salire sul palco, afferrare il microfono dalle mani di Sun Ra e di urlare al pubblico presente: “Il nostro palcoscenico è il cielo!”. Applausi scroscianti e ola ad libitum. Mentre l’imperturbabile Re Sole sorrideva sornione di fronte a tanto coraggio!

(Del resto, che Sun Ra fosse uomo di grande tolleranza e bonarietà, l’avevo già capito qualche tempo prima, al Teatro Ciak di Milano. Lui era lì in quartetto, con i meravigliosi e fedelissimi John Gilmore e Marshall Allen, e la prima fila del teatro era interamente occupata da alcuni musicisti di casa nostra: di cui anche in questo caso non farò i nomi, sempre per carità di patria. Fatto sta che durante un assolo incandescente di John Gilmore, un paio di questi musicisti, probabilmente folgorati sulla via di Saturno da quella musica celestiale, cominciarono a cavare dai loro strumenti un lunga sequela di suoni a casaccio, perché per molti, a quei tempi, la parola d’ordine era una soltanto: “aho’, famo er free!”. Sun Ra, paziente come Giobbe, attese un paio di minuti buoni prima di interrompere i suoi prodi. Poi prese il microfono e, rivolto ai disturbatori, disse testualmente: “Dovreste vergognarvi! Non avete neppure capito che la musica è ORDINE e DISCIPLINA! E ora vi prego di uscire!”. Impagabile!!!).

Dato per scontato che la più meditata e profonda esegesi dell’universo di Re Sole è, ancor oggi, quella contenuta nel saggio “Nuovo Teatro Americano 1968-1973” di Stefan Brecht, figlio di tanto Bertolt, vorrei chiudere questo rapido ricordo del Sun (e di Gianpiero) citando qualche passo della recensione di “Atlantis”, scritta da Dolly Quinn il 14 luglio 2007. “Nulla è in perenne movimento come quest’album, e ho paura che la Terra non avrà più la grazia di ricevere qualcosa di simile chissà per quanti altri anni ancora... Sun Ra era un eccentrico svitato che proveniva da Saturno, suonava un clavinet... e praticava il free jazz più sperimentale mai ascoltato in precedenza... Utilizzava strumenti alquanto desueti (per esempio le tastiere elettroniche, sperimentate appena un anno dopo la loro comparsa) per creare un’unica trama alla musica, che, nelle sue intenzioni, doveva essere un qualcosa di alieno e spirituale al tempo stesso. La Musica Cosmica deriva proprio da qui”.

E’ la musica che mi piace definire Saturn Sound System, ricca di percussioni assolutamente indescrivibili, di prodigiosi richiami all’alba gloriosa del jazz (per esempio il “King Porter Stomp” di Jelly Roll Morton), capaci di copulare armoniosamente con le urla e i canti degli abitanti di Atlantide, al fine di creare un tappeto di mistero che soltanto gli umani ricchi di spirito visionario erano in grado di apprezzare. Gianpiero Gallina era certo uno di questi. E il fatto che abbia voluto inaugurare la prima edizione di “Musica Novanta”, il 14 marzo del 1990, con un concerto dell’Arkestra di Sun Ra, la dice lunga sulla sua perspicacia. Adesso, forse, potrete trovarlo mentre passeggia sulla gelida crosta di Saturno insieme al suo amico Herman Poole Blount (che ha abbandonato il pianeta Terra il 30 maggio 1993, appena tre mesi prima di Bob Caselli). Grazie ancora di cuore, caro Gianpiero! Ti sia lieve Saturno!

Roberto Gatti


 

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble