SALUTE DEPRESSIONE SESSUALITA' CAPIRSI GRAFOLOGIA GOLA AMBIENTE MUSICA RIDERE MIX VIDEO CERCA



Home page

Ultime news

Archivio news

In caso di...

Per saperne di più...

Medicina
occidentale

Medicine
complementari

Medicina cinese
e agopuntura

 

Omeopatia

 

Fitoterapia

 

Dipendenze

 

Chi è

Links

E-mail

Cerca nel sito

Per conoscere la psicosomatica:

.

Stitichezza: come evitarla

 

In Occidente la stitichezza, da recenti dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, affligge più del 50% delle donne e più del 35% degli uomini con una spesa annuale collettiva che supera i 25.000 miliardi in lassativi; il disturbo è presente nel 20% della popolazione dei Paesi a elevato sviluppo tecnologico tra i 20 e i 40 anni di età, si raddoppia tra i 40 e i 60 anni, si triplica in età superiori.

Che cosa si intende per stitichezza? Si definisce stitichezza o costipazione la difficoltà ad evacuare oppure una defecazione irregolare e troppo infrequente. Normalmente l’evacuazione si differenzia da individuo a individuo e può avere luogo una o due volte al giorno oppure a intervalli anche di due o tre giorni purché sia caratterizzata da una ritmica frequenza. Quando questa viene meno si può parlare di stitichezza, detta acuta allorché è limitata ad un breve periodo, non superiore alle tre settimane, cronica quando perdura per più di un mese. I sintomi che possono accompagnare la stitichezza sono: mal di testa, inappetenza, lingua secca e biancastra, vertigini, malessere generale con facile irritabilità, distensione addominale con senso di peso, difficoltà di respiro.

In medicina si distinguono una "stitichezza organica", che è rara, data da malattie ben individuabili come l’appendicite, la diverticolite, le aderenze post operatorie post infiammatorie, poliposi o tumori intestinali, ulcera gastroduodenale, alcune malattie ginecologiche, ecc.; una "stitichezza secondaria" conseguente all’assunzione di sostanze farmacologiche quali la belladonna, ansiolitici oppure induttori del sonno, diuretici, il calcio e, non ultimi, i lassativi utilizzati scorrettamente e per lungo tempo; una "stitichezza funzionale" che è la più frequente e che è dovuta ad abitudini alimentari inadeguate, a turbamenti emotivi, a sedentarietà, a fattori tossici.

Prima di addentrarci nell’analisi delle cause e delle terapie della stitichezza più comune, quella funzionale, è necessario esporre brevemente come funziona l’apparato digerente del corpo umano.

L’apparato, o tubo, digerente è formato da bocca, stomaco, intestino tenue, lungo 20 metri, intestino crasso, lungo 2 metri e ano o retto.

La bocca tritura con la masticazione il cibo e lo diluisce con l’acqua della saliva, trasformandolo in un bolo facile da deglutire; l’esofago spinge il bolo verso lo stomaco dove si diluisce ulteriormente grazie ai succhi gastrici, fino a diventare liquido (chimo), qui inizia l’assorbimento di alcune sostanze come la vitamina B12; l’intestino tenue raccoglie il chimo nel suo tratto iniziale (duodeno) completa la digestione arricchendo il cibo di enzimi provenienti dal fegato e dal pancreas atti a sciogliere ulteriormente i grassi, gli zuccheri e le proteine; quindi, sempre nel tenue, durante il lungo tragitto successivo tutti gli elementi nutritivi, ormai ridotti a dimensioni elementari (aminoacidi, zuccheri), vengono assorbiti per essere portati al fegato dove subiscono ulteriori trasformazioni prima di entrare nel sangue ed infine arrivare a tutte le cellule del corpo. Nell’intestino crasso o colon il chimo, divenuto ora "chilo" (una poltiglia molto liquida contenente materiali di rifiuto, acqua, vitamine e sali) subisce da un lato l’assorbimento dell’acqua con gli ultimi elementi nutritivi, e dall’altro la trasformazione via via in feci solide; l’ampolla rettale infine raccoglie le feci e a seconda della dilatazione che subisce provoca lo stimolo alla defecazione.

( Dr. Antonio Turetta )

Pag. 1-2-3-4

 

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti
(aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

.

  

 


Pubblicità



Pubblicità


Pubblicità


-

 

“”