SALUTE DEPRESSIONE SESSUALITA' CAPIRSI GRAFOLOGIA GOLA AMBIENTE MUSICA RIDERE MIX VIDEO CERCA

 

News

Qhaqoy: dalle Ande all'Italia (16/02/2001)

Dalla rivista "Clinical Exercise Physiology" per chi è sovrappeso: effetti positivi dell'esercizio fisico anche senza perdita di peso (16/02/2001)

Secondo l'American Psychological Association siamo nell'era dell'ansia (15/02/2001)

Hexavac, il primo vaccino esavalente pediatrico (15/02/2001)

Cervello: studi sulle funzioni dei due emisferi (14/02/2001)

Curcuma Longa: studi sull'attività antitumorale dei suoi componenti (14/02/2001)

Mar Morto: proprietà terapeutiche (13/02/2001)

Morbo di Alzheimer: speranze per un vaccino? (13/02/2001)

Il bisturi ad ultrasuoni per la laparoscopia (12/02/2001)

Secondo l'American Journal of Psychiatry sono gli uomini i più chiacchieroni, e non le donne (12/02/2001)

Notizie precedenti

Chi è
Links
e-mail
Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

Per conoscere la psicosomatica:

Dalla rivista "Clinical Exercise Physiology" per chi è sovrappeso: effetti positivi dell'esercizio fisico anche senza perdita di peso (16/02/2001)


 

Quando una persona obesa o, comunque, in sovrappeso decide di praticare dell'esercizio fisico il suo obiettivo primario è, secondo logica, quello di perdere i chili in eccesso. Oltre che per un fattore estetico le persone in queste condizioni svolgono esercizi perchè convinti che, con il calare dei chili, cali anche il rischio di incorrere nei disturbi più comuni legati all'obesità: aterosclerosi, infarto, malattie cardiovascolari. Per questo motivo quando il calo di peso non è proporzionale all'attività svolta, l'individuo perde la fiducia e contemporaneamente la voglia di fare fatica senza un risultato tangibile e soddisfacente.

Per tutte queste persone arrivano oggi i risultati di uno studio statunitense pubblicato dalla rivista "Clinical Exercise Physiology" secondo il quale il rischio delle malattie sopracitate cala anche se non associato alla perdita di peso. L'attività fisica praticata con regolarità è già in grado di ridurre i rischi collegati all'obesità oltre che a migliorare lo stato di benessere generale migliorando il metabolismo. Questo è possibile perchè aumentano i livelli di colesterolo buono (Hdl) e diminuiscono quelli di colesterolo cattivo (Ldl); inoltre, il movimento induce la trasformazione del grasso in massa muscolare, quest'ultima capace di bruciare una maggiore quantità di calorie e con un metabolismo più accelerato.

L'associazione di tutti questi fattori garantisce già uno stato di salute pronto ad affrontare con successo i rischi legati all'obesità.

 

 

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti
(aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

.

  

 


Pubblicità



Pubblicità


Pubblicità


-

 

“”