-

Nota bene: Nelle diverse lingue i contenuti possono cambiare anche nella sostanza  -  (Italiano - English)

 

Quando il buio inverno riduce la libido maschile una luce forte può aiutare (19/10/2016)

L'esposizione ad una luce intensa fa crescere i livelli di testosterone dei maschi con poco desiderio sessuale, portandoli a  raggiungere piaceri sessuali più intensi. E' quanto emerge da uno studio italiano presentato alla conferenza dello European College of Neuropsychopharmacology a Vienna.

Dopo i 40 anni una quota significativa di uomini è interessata da un calo del desiderio sessuale: secondo alcuni studi la percentuale di uomini con questo problema arriva al 25%, con differenze legate all'età e ad altri fattori.

Gli scienziati avevano già osservato che l'interesse sessuale varia a seconda delle stagioni ed avevano ipotizzato che i cambiamenti nell'intensità della luce ambientale avesse un ruolo in queste variazioni.
Un gruppo di studiosi dell'Università di Siena, diretto dal Professor Andrea Fagiolini, ha reclutato 38 uomini in cura al reparto di urologia dell'Università di Siena per desiderio sessuale ipoattivo o per problemi di erezione, situazioni comunque caratterizzate da uno scarso interesse nei confronti del sesso.

Per ciascuno dei pazienti è stata fatta una valutazione del desiderio sessuale e dei livelli di testosterone ed inseguito il gruppo è stato diviso in due sottogruppi.

Un gruppo è stato sottoposto ad una luce calibrata intensa, mentre all'altro gruppo l'intensità è stata ridotta in modo significativo.

Ambedue i gruppi sono stati trattati di primo mattino, per mezz'ora al giorno.
Dopo due settimane i ricercatori hanno ricontrollato i livelli di soddisfazione sessuale e di testosterone.

Il professor Fagiolini riferisce di avere riscontrato significative differenze tra i due gruppi.
Prima del trattamento i pazienti avevano espresso un indice medio di soddisfazione sessuale di 2 su 10, mentre dopo il trattamento il gruppo sottoposto a luce intensa ha portato i valori della soddisfazione sessuale a 6,3, mentre il gruppo di controllo si è fermato a 2,7.

Analogo andamento per i livelli di testosterone: da 2,1 a 3,6 ng/ml dopo 2 settimane di trattamento per i pazienti esposti a luce intensa e nessun cambiamento significativo per il gruppo di controllo.

Il professor Fagiolini spiega che l'aumento dei livelli di testosterone spiega la maggiore soddisfazione sessuale. Nell'emisfero nord, la produzione di testosterone da parte del corpo dei maschi cala naturalmente tra novembre ed aprile, per risalire bruscamente in primavera con un picco in ottobre.

La conferma di questo andamento viene dal confronto con i dati sulle nascite nel corso dell'anno, da cui si vede che il maggior numero di concepimenti avvengono nel mese di giugno.

L'uso della luce artificiale mima proprio ciò che fa la natura.
Secondo i ricercatori ci possono essere diverse spiegazioni per spiegare i meccanismi sottostanti a queste variazioni.
Ad esempio, la luce inibisce la ghiandola pineale presente nel centro del cervello e questo può permettere una maggiore produzione di testosterone, ma anche produrre altri effetti sul sistema endocrino.

I ricercatori specificano di non essere ancora allo stadio in cui si consiglia la luce come trattamento terapeutico ed anche a quel punto si dovrebbe tenere conto dei pazienti con problemi agli occhi legati ad ipersensibilità da farmaci (alcuni antidepressivi ed alcuni antibiotici) o ad altre cause.
In ogni caso se i risultati dovessero essere confermati da studi di dimensioni maggiori la terapia con la luce potrebbe mostrarsi utile. Per il momento i dati si riferiscono ad un piccolo studio e la cautela è d'obbligo.

I ricercatori notano che la carenza di desiderio sessuale può dipendere da diversi fattori, anche se attualmente le terapie comprendono iniezioni di testosterone, antidepressivi ed altri farmaci.
La luce offrirebbe i benefici con minori effetti collaterali.

Quindi, come ricorda il professor Eduard Vieta (a capo del dipartimento di psichiatria e psicologia della clinica universitaria dell'ospedale di Barcellona, nonché tesoriere dell'ECNP), dopo i positivi risultati già mostrati nei confronti di alcune forme di depressione la luce potrebbe portare benefici anche nel caso di scarso desiderio sessuale e solo nuovi e più ampi studi potranno confermarne e definirne gli effetti.

Per saperne di più
The European College of Neuropsychopharmacology (ECNP)
Link...

The European College of Neuropsychopharmacology Congress
Link...

Marco Dal Negro