Alice

Amparanoia

Ani Di Franco

Antonella Ruggiero

Badmarsh & Shri

Baixinho

Beth Orton

Bjork

Bruce Springsteen

Carmen Consoli

Carmen Consoli

Claude Challe

Cornershop

Cranberries

Cristiano De Andrè

David Gray

Diana Krall

Dido

Elio e le Storie Tese

Faithless

Francesca Mineo

Françoiz Breut

Gabin

Gemma Hayes

Gianna Nannini

Goldfrapp

Hooverphonic

Jackson Browne

Jewel

Joe Strummer

Joe Zawinul

John Cale

John Mayer

Koop

Kristin Hersh

Kristin Hersh&Throwing Muses

Laurie Anderson

Le Vibrazioni

Macy Gray

Madredeus

Maria Pia De Vito

Mariza

Massimo Ranieri

Michael Franti

Moby

Natasha Atlas

Neffa

Negrita

Nitin Sawhney

Nitin Sawhney 2

Noa

Norah Jones

Orishas

Pat Metheny

Patrizia Di Malta

Pete Yorn

Rap

Res

Richard Ashcroft

Rokia Traoré

Rosalia De Souza

Rosana

Roy Paci & Aretuska

SA (Sound Alchemist) Robin Neko

Sarah Jane Morris

Scott4

Sergent Garcia

Shawn Colvin

Sheryl Crow

Simple Minds

Si*Sé

Subsonica

Tanya Donelly

The Folk Implosion

Vincente Amigo

 

Links

Cerca nel sito

 

 

 

 

Musica per i golosi

a cura di Francesca Mineo

 

 

 


Alice

L'intervista

“Dopo aver ascoltato e interpretato canzoni così sublimi, devo dire che l’idea di mettermi lì a comporre di nuovo mi spaventa un po’…del resto certi brani fanno parte della mia esistenza, di anni e momenti storici che ho vissuto. E così anche questo disco è un pezzo di vita che è rimasto lì”.

Bellissima e affascinante, Carla Bissi esprime con modestia e riverenza le emozioni provate nel lavorare a ‘Viaggio in Italia’ (Nun), raccolta di quattordici brani che appartengono a una generazione ben precisa.

Quella che Alice ha osservato anche con gli occhi di De André, Battisti, Fossati, Pisolini, Gaber, De Gregori. Canzoni che fanno parte del bagaglio emozionale di Alice ma anche di una precisa ricerca artistica: ‘Auschwitz’ di Guccini è forse la più lontana nel tempo, seguita poi da ‘Un blasfemo’ di De Andrè (1071), ‘Atlantide’ di De Gregari (1976) fino a pezzi più recenti di Fossati, ‘Lindbergh’ e ‘La bellezza stravagante’, scritta appositamente per lei. Ma ancora: pagine di Pasolini musicate da De Martino (‘Febbraio’, ‘Al principe’), un omaggio alla psichedelica con ‘Golden hair’, tratto da una poesia di Joyce e cantato da Syd Barrett, appena uscito dai Pink Floyd; nonché ‘Islands’ di Robert Fripp (King Crimson), tratta da una poesia di Pete Sinfield.

Insomma, un disco che solo apparentemente è una raccolta di cover: è un esempio di come la voce possa esprimere all’esterno uno stato d’animo interiore, attraverso parole di altri. Perché se l’intento era quello di cogliere l’essenza dei brani originali, è certo che l’operazione ha reso visibile un caleidoscopio di sensazioni che sono tutti di Alice.
Fresco di stampa e della produzione di Francesco Messina, ‘Viaggio in Italia’ accoglie alcuni ospiti come Morgan (voce e chitarra in ‘Ecco i negozi’), Tim Bowness (duetta in ‘Islands’) e Paolo Fresu. 

Carla Bissi racconta le origini e il progredire del lavoro discografico. “Stavamo lavorando da qualche anno su canzoni – poche nell’ambito della musica leggera contemporanea – costruite su opere di grandi poeti e narratori. Quando però stavamo alternando ricerche a registrazioni, l’area di interesse cambiava forma, distolti dalla bellezza e dalla ricchezza della lingua italiana. Così il viaggio poetico è rimasto circoscritto, salvo due eccezioni (‘Islands’ e ‘Golden hair’), alla musica italiana d’autore”.

Un viaggio che è legato a un preciso momento storico...
È una generazione cui sono legata, prima di tutto. Inoltre non ho una conoscenza sulle nuove generazioni di cantautori o perlomeno non ne ho trovato nel mio tipo di ricerca. Ho cercato la poesia nelle parole; anche quando ascolto un disco, prima devo sentirlo così com’è, aspettando le emozioni che mi provoca. Poi cerco il significato delle parole. E queste canzoni sono quelle che meglio rappresentano, secondo me, la grande canzone italiana degli ultimi quarant’anni. 

Come è stata ‘adattata’ la sua interpretazione ai brani scelti?
Sono partita dall’idea che non dovevo emergere io, ma la canzone. Siamo partiti dalla voce, poi abbiamo lavorato sugli arrangiamenti. Ho cantato mettendomi a servizio della canzone, mi sono posta in modo diverso, entrando o cercando di entrare nello spirito della canzone stessa.

Come si trova con la sua ‘Bellezza stravagante?’
E’ una bellissima canzone di Fossati che doveva essere un inedito, ma dati i miei tempi lunghi di lavorazione, che da sempre mi caratterizzano, ora non lo è più. Fossati ha fatto in tempo a uscire con il suo disco prima di me.

Perché ha scelto brani del binomio Battisti-Panella?
Battisti è prima di tutto un cantautore molto attuale. In più, avendo pur amato il binomio Battisti-Mogol, ho riscoperto con piacere canzoni come ‘Cosa succederà alla ragazza’ e ‘Ecco i negozi’, magari meno ovvie di quelle più conosciute. Mi sono comunque lasciata trasportare dalla mia passione per le parole, dalla loro lirica.

Oggi come ripensa alle esperienze di Sanremo: la prima nel ’72, con ‘Il mio cuore se ne va’ e poi quella più nota della vittoria con ‘Per Elisa’, nel 1981?
In qualche modo devo essere devota a questo santo! In realtà all’epoca non volevo passare da Sanremo per farmi conoscere, perché ero affascinata dai cantautori. Poi però è capitato ed è stato un percorso che ha fatto parte di me. Per quanto riguarda ‘Per Elisa’ invece, ho avuto una sorta di distacco, per cui l’ho tenuto nell’ombra per molto tempo. Ho smesso di cantarla nell’83-84 e poi ho ripreso a cantarla nei concerti nel 2002. Ripescarla comunque, è stato molto bello anche se, come ‘Messaggio’, per il loro contenuto non appartengono più alla mia vita attuale.

Ha interpretato le quattordici canzoni con molto rispetto e deferenza…
Sì, perché come dicevo mi sono avventurata in opere di cantautori che ho sempre ritenuto essere a un livello altissimo. Tra le mie canzoni non potrà mai esserci qualcosa di quel tipo. Forse ‘Dammi una mano amore’ è l’unica delle mie canzoni che può, per ispirazione, accostarsi a questi colossi. In ogni caso è un’altra storia, un altro mondo. In questo album vivo, entro e esco in un mondo che non è stato mio anche se è stato un mondo di scelte condivise. Con questa esperienza ho imparato a distaccarmi dai generi e linguaggi, e ho scoperto la ricchezza che vi era contenuta.

‘Viaggio in Italia’ vede anche la presenza di ‘E’ stato molto bello’ e di ‘Come un sigillo’ di Battiato. Ricorda il primo incontro con lui?
Certo, era il 1978, periodo in cui scrivevo canzoni ma non sapevo bene se potevano piacere, se potevano avere un senso commerciale. Andai all’incontro per portargli del mio materiale e lui era vestito di nero da capo a piedi, con un cappello strano, seduto su una poltrona, in silenzio ieratico. Dopo un po’ di tempo lo incontrai di nuovo e mi disse: “Devi lavorare ancora, ma va bene”.

Non è terminata la parentesi di ricerca di musica sacra…
No, assolutamente. Suono ancora i brani dell’album ‘God is my dj’. Nel prossimo futuro vorrei però stampare un lavoro del ’94, ‘Art e decoration’, un album dal vivo con musiche di Ravel, Fauré, SaintSaens.


 

 


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

 

 

 

 


Pubblicità



Pubblicità

[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]

 


[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]


-

[_private/root_princ/juiceadv_overlay.htm]