Alice

Amparanoia

Ani Di Franco

Antonella Ruggiero

Badmarsh & Shri

Baixinho

Beth Orton

Bjork

Bruce Springsteen

Carmen Consoli

Carmen Consoli

Claude Challe

Cornershop

Cranberries

Cristiano De Andrè

David Gray

Diana Krall

Dido

Elio e le Storie Tese

Faithless

Francesca Mineo

Françoiz Breut

Gabin

Gemma Hayes

Gianna Nannini

Goldfrapp

Hooverphonic

Jackson Browne

Jewel

Joe Strummer

Joe Zawinul

John Cale

John Mayer

Koop

Kristin Hersh

Kristin Hersh&Throwing Muses

Laurie Anderson

Le Vibrazioni

Macy Gray

Madredeus

Maria Pia De Vito

Mariza

Massimo Ranieri

Michael Franti

Moby

Natasha Atlas

Neffa

Negrita

Nitin Sawhney

Nitin Sawhney 2

Noa

Norah Jones

Orishas

Pat Metheny

Patrizia Di Malta

Pete Yorn

Rap

Res

Richard Ashcroft

Rokia Traoré

Rosalia De Souza

Rosana

Roy Paci & Aretuska

SA (Sound Alchemist) Robin Neko

Sarah Jane Morris

Scott4

Sergent Garcia

Shawn Colvin

Sheryl Crow

Simple Minds

Si*Sé

Subsonica

Tanya Donelly

The Folk Implosion

Vincente Amigo

 

Links

Cerca nel sito

 

 

 

 

Musica per i golosi

a cura di Francesca Mineo

 

 

 


Cranberries

L'intervista

Forse sarà stato il profumo del caffè mattutino, nella sua casa di Limerick, a risvegliare Dolores O' Riordan da un periodo non proprio favorevole. E a farle capire che l'anima di un gruppo è intangibile, malgrado le regole del music business tentino di spingere verso sentieri insidiosi.
Quello che, ad esempio, era stato intrapreso con l'ultimo album, 'Bury the hatchet': forse spinti dalle regole del mercato, i Cranberries si erano allontanati dal sound che li caratterizzava: un rock troppo elettrico che, di conseguenza, li convogliava in un calderone indistinto.
<Siamo tornati alla ricetta originale dei Cranberries - dice la cantautrice irlandese, 30 anni appena compiuti.

E' bello tornare alle radici, anche se sappiamo di essere cambiati molto in dieci anni. Siamo sicuramente più maturi, nella composizion e nell'interpretazione. Abbiamo ritrovato l'energia e la passione che ci ha fatto iniziare la nostra avventura. Non a caso è tornato a lavorare con noi Stephen Street, che aveva prodotto i nostri primi due album, e che ci ha sempre tenuti insieme>.Così "Wake up and smell the coffee" (Universal) è la raccolta di nuovi brani che - fortunatamente - respirano di rock e Irlanda. 

Dolores O' Riordan sembra rinata. Le due gravidanze le hanno ridato nuova luce, i capelli cortissimi che esaltano i lineamenti delicati del viso. 
<E' un disco ottimista e impegnato, ma non certo con finalità politiche - aggiunge O'Riordan - E' il frutto di un momento positivo per tutti noi, specialmente nella nostra vita privata. Non sono l'unica ad avere figli, perciò adesso le prospettive sono diverse per tutti. E molto più serene. Basti pensare che in studio i discorsi ricorrenti sono: come vanno i dentini? Hai provato questa pappina? Prima perdevo tempo a preoccuparmi di come apparivo, volevo assomigliare alle ragazze anoressiche delle riviste. Avere figli ti cambia talmente la vita e le prospettive che tutto sembra senza significato, in confronto>.

Dopo "Bury the hatchet", malgrado i tour forsennati e le vendite discrete, il gruppo stava vivendo un periodo di scarsa creatività.
<Sembrerà strano, ma oltre al calore della mia famiglia, ad avermi salvato dalla negatività è stato un fiore - interviene candidamente l'artista irlandese -. Non riuscivo a ritrovare forza in me stessa, e trascorrevo molto tempo nel mio giardino a riflettere. Un giorno trovai un fiore particolarmente bello e profumato: guardarlo e respirarne il profumo mi riconciliò con la natura e il mondo, facendomi capire che tutto doveva ripartire da me>.

Dolores, i fratelli Hogan e Fergal Lawler hanno oggi ritrovato gli affetti e gli amici di sempre
<E' bello tornare nella tua città e incontrare i vicini che ti fanno festa e ti chiedono 'come stai? È bello rivederti!'> - e, al tempo stesso, la carica per ripartire. Hanno scritto quattordici canzoni che, su melodie accattivanti, parlano di interiorità e di istinto ('Never grown up'), di cuore e sentimenti ('Analyse', il singolo), ma anche di difesa dell'ambiente (Time is thicking out'). Una rivincita su brani che hanno ossessionato perfino la carriera del gruppo, come 'Zombie'.
<Non ce la facevo più - dice Dolores - ogni volta che avevo un'intervista la domanda era: c'è un'altra 'Zombie' nel nuovo album?>.

Suono e contenuti del disco sono ora più maturi, pur essendo stretto il legame con le radici del loro rock. 
<Dopo il successo dei primi album, le aspettative su di noi erano troppe, e questo ci ha bloccato per un po' di tempo - racconta Dolores - Per questo non siamo mai stati a nostro agio con la popolarità: ti esalta ma ti controlla la vita. Siamo esplosi quando eravamo ancora troppo giovani, e questo ci ha fatto perdere di vista cose importanti.> 
Scrivere il nuovo album <è stata una bellissima esperienza: non mi sembrava neanche di lavorare!>, confessa l'artista che oggi è mamma per la seconda volta. <Sto organizzando la mia carriera in base alle esigenze dei miei figli, Taylor e Molly - aggiunge - Cerchiamo di stare tutti insieme, anche nelle date del tour>. Il marito, Don Burton, è infatti road manager dei Cranberries, dopo esserlo stato per i Duran Duran. <Oggi mi sento circondata dall'amore - conclude Dolores - Non potrei desiderare altro>


 

 


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

 

 

 

 


Pubblicità



Pubblicità

[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]

 


[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]


-

[_private/root_princ/juiceadv_overlay.htm]