Alice

Amparanoia

Ani Di Franco

Antonella Ruggiero

Badmarsh & Shri

Baixinho

Beth Orton

Bjork

Bruce Springsteen

Carmen Consoli

Carmen Consoli

Claude Challe

Cornershop

Cranberries

Cristiano De Andrè

David Gray

Diana Krall

Dido

Elio e le Storie Tese

Faithless

Francesca Mineo

Françoiz Breut

Gabin

Gemma Hayes

Gianna Nannini

Goldfrapp

Hooverphonic

Jackson Browne

Jewel

Joe Strummer

Joe Zawinul

John Cale

John Mayer

Koop

Kristin Hersh

Kristin Hersh&Throwing Muses

Laurie Anderson

Le Vibrazioni

Macy Gray

Madredeus

Maria Pia De Vito

Mariza

Massimo Ranieri

Michael Franti

Moby

Natasha Atlas

Neffa

Negrita

Nitin Sawhney

Nitin Sawhney 2

Noa

Norah Jones

Orishas

Pat Metheny

Patrizia Di Malta

Pete Yorn

Rap

Res

Richard Ashcroft

Rokia Traoré

Rosalia De Souza

Rosana

Roy Paci & Aretuska

SA (Sound Alchemist) Robin Neko

Sarah Jane Morris

Scott4

Sergent Garcia

Shawn Colvin

Sheryl Crow

Simple Minds

Si*Sé

Subsonica

Tanya Donelly

The Folk Implosion

Vincente Amigo

 

Links

Cerca nel sito

 

 

 

 

Musica per i golosi

a cura di Francesca Mineo

 

 

 


Gianna Nannini

L'intervista

Pelle e muscoli, scivola nei suoi abiti stropicciati che la fanno sentire <come in pigiama>. Gianna Nannini trasuda personalità e passione mentre racconta la genesi di 'Aria' (Polydor/Universal), un disco di tredici canzoni scritte a quattro mani con la Isabella Santacroce. Rock sporcato di noise, grazie alle alchimie di Armand Volker, produttore artistico, e Christian Lohr, perché <la musica deve fare rumore>.

Con 'Aria' il rock Nannini dimostra grande attenzione al testo. Come è avvenuto il lavoro a fianco di Isabella Santacroce?

Non conoscevo Isabella se non per i suoi libri, che amo molto, così ho provato a coinvolgerla. Mi accorgevo, leggendo, che utilizzava parole che suscitavano visioni, e per me anche la musica deve arrivare a una visione. Così ci siamo incontrate a Milano, era un periodo in cui lavoravo a pezzi nuovi e abbiamo scoperto di avere affinità, intese, anche Isabella ad esempio, ascolta musica quando scrive. Il lavoro è stato quello di 'suonare' la parola, trovando sempre più significati.

 

L'esperienza di Santacroce ha influito anche per alcuni aspetti di concept dell'album?

E' stata importante la riflessione, che abbiamo sperimentato dopo questa lunga ricerca. Certamente con Isabella c'è stato un rinnovamento del linguaggio; una diversa geometria della frase è stato il suo grande apporto ad 'Aria'. Ma è stato bello fare un viaggio insieme, e ora siamo grandi amiche.

 

In 'Aria' canti e parli, come se ci fosse attenzione alla parola 'recitata'...

Io e Isabella abbiamo cercato di metabolizzare il testo, per sviscerare la femminilità, cosa che spesso i rocker maschi non fanno nello stesso modo, per parte loro. Abbiamo infatti realizzato dei provini sul suono delle singole parole: la mia voce è stata campionata con il vocoder e inserita come i riff, in questo caso, vocali.

 

Come definiresti la musica di 'Aria'?

Un incontro tra il Giappone e il Mediterraneo. Dopo la scomparsa di Conny Plank, mio produttore per molto tempo, non vedevo nell'elettronica le stesse svolte ritmiche che invece ho ritrovato il Volker e Lohr. Quello che amo è la 'sporcizia' dell'elettronica.

 

Dopo 'Cuore', il precedente album più introspettivo, 'Aria' torna alla musica liberante. Quali autori ti hanno influenzato?

Dopo il tour sono andata in Canada. Lì ho ascoltato molte band che fanno un rock minimalista, mi è piaciuto molto. Ho però voluto anche fare silenzio, di cui c'è sempre bisogno per essere di nuovo creativi. Del resto quando si riparte a scrivere, il lato più difficile è superare le censure che sono dentro di noi.

 

Gianna Nannini è sempre stata 'arrabbiata'. Lo sei ancora?

Ho messo da parte la rabbia perché mi sono resa conto che è improduttiva. Certo, la guerra mi fa rabbia, ma so che non la sconfiggo con la rabbia o la faziosità. Oggi preferisco interiorizzare, capire, manifestare, ma evitare lo scontro di rabbia.

 

Per questo l'impegno sociale continua. Sarai ancora a fianco di Greenpeace?

Penso proprio di sì. Sono in corso molte campagne a difesa delle foreste. Anche se ho voluto manifestare per la pace l'anno scorso, partecipando alla marcia Perugia-Assisi.

 

Come sarà il tour di 'Aria', che si snoderà in tutta Europa?

Sarà un trio: Christin Lohr, programmatore e band leader, poi il chitarrista di New York John Cabàn e il batterista Thomas Lang. Sono molto gasata perché riusciremo, spero, a essere estremi, essenziali, scarni, offrendo però uno spettacolo di grande impatto sonoro.


 

 


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

 

 

 

 


Pubblicità



Pubblicità

[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]

 


[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]


-

[_private/root_princ/juiceadv_overlay.htm]