Alice

Amparanoia

Ani Di Franco

Antonella Ruggiero

Badmarsh & Shri

Baixinho

Beth Orton

Bjork

Bruce Springsteen

Carmen Consoli

Carmen Consoli

Claude Challe

Cornershop

Cranberries

Cristiano De Andrè

David Gray

Diana Krall

Dido

Elio e le Storie Tese

Faithless

Francesca Mineo

Françoiz Breut

Gabin

Gemma Hayes

Gianna Nannini

Goldfrapp

Hooverphonic

Jackson Browne

Jewel

Joe Strummer

Joe Zawinul

John Cale

John Mayer

Koop

Kristin Hersh

Kristin Hersh&Throwing Muses

Laurie Anderson

Le Vibrazioni

Macy Gray

Madredeus

Maria Pia De Vito

Mariza

Massimo Ranieri

Michael Franti

Moby

Natasha Atlas

Neffa

Negrita

Nitin Sawhney

Nitin Sawhney 2

Noa

Norah Jones

Orishas

Pat Metheny

Patrizia Di Malta

Pete Yorn

Rap

Res

Richard Ashcroft

Rokia Traoré

Rosalia De Souza

Rosana

Roy Paci & Aretuska

SA (Sound Alchemist) Robin Neko

Sarah Jane Morris

Scott4

Sergent Garcia

Shawn Colvin

Sheryl Crow

Simple Minds

Si*Sé

Subsonica

Tanya Donelly

The Folk Implosion

Vincente Amigo

 

Links

Cerca nel sito

 

 

 

 

Musica per i golosi

a cura di Francesca Mineo

 

 

 


Negrita

L'intervista

I Negrita sono ancora vivi, malgrado i due anni di silenzio e il titolo del nuovo album che richiama al mondo dei trapassati. 
Con 'Radio Zombie' (Mercury/Black Out) la band di Arezzo capitanata da 'Pau' e dal bassista 'Drigo' dimostra di saper tornare al rock anche dopo un periodo fin troppo felice, e come tale, rischioso.

Il disco dei Negrita arriva infatti dopo 'Reset' e dopo l'amplificazione che il cinema - in questo caso la pellicola di Aldo, Giovanni e Giacomo, 'Così è la vita' - offrirono al pezzo 'Mama maè'.
Ecco il perché dello stallo durato circa due anni. <E' stato un periodo di totale apnea - dice Pau - Sentivo il peso di quello che era successo e tutti abbiamo sofferto una sorta di ansia da prestazione, temevamo di non essere all'altezza di farcela ancora. Abbiamo ritrovato la forza solo pensando alle ragioni che ci hanno spinto a iniziare a suonare>.

Band compatta e molto emozionante nelle esecuzioni dal vivo, il gruppo ricorda con affetto i tempi in cui ad Arezzo Wave accompagnava gli artisti dall'hotel al palco. <Ripensandoci - spiega Pau - e sapendo che poi anche noi siamo riusciti ad arrivare lì, sullo stesso palco, riusciamo a emozionarci ancora. Quello che è accaduto dopo, il successo, la possibilità di suonare ovunque, può essere vissuto bene, ma può anche creare difficoltà>. 
E dunque la band toscana si è rimessa in marcia, iniziando in un primo tempo dal sound, concentrandosi invece sulle canzoni dopo aver superato lo scoglio iniziale di composizione. 

Per questo album i testi sono stati forse la parte su cui ci siamo concentrati e confrontati maggiormente - interviene Drigo - perché in fondo su una cosa siamo tutti d'accordo: il rock è chitarre, riffs, assoli. Da un lato questo potrebbe voler dire che non aggiungiamo niente di nuovo, dall'altro il rock è questo, ed è stato l'unico genere che è riuscito a parlare alle coscienze della gente>. 

Il titolo, 'Radio Zombie' fa riferimento <a quella musica che si crede passata ma che in realtà ritorna e che, nel nostro caso, fa parte del nostro bagaglio di esperienza>, aggiungono i Negrita. E così non è difficile cogliere dei riferimenti a grandi della storia del rock, dai Led Zeppelin agli U2, <perché fanno parte della nostra educazione musicale, malgrado si sia scavato nelle nostre radici - precisa Pau, che è autore di buona parte della grafica del leaflet -. E' sui testi, appunto, che abbiamo cercato di essere più omogenei. Abbiamo lavorato per sottrazione, per rendere questo album più asciutto e conciso>.

Le antenne che spuntano dal terreno - è l'immagine della copertina dell'album - vogliono essere un messaggio positivo, per quanto l'atmosfera sia da day-after. 
<In un mondo che cerca di inglobarti, di farti vivere e vedere ciò che vuole - spiega Pau - noi pensiamo che esista ancora la capacità delle persone di fare spuntare le antenne e captare ciò che è nuovo, migliore e fuori da ogni inutile buonismo>.

'Radio Zombie', in cui una novità è rappresentata dai fiati, non è comunque un concept: <E' una raccolta di momenti e di emozioni vissute in questi ultimi anni - dicono i Negrita - facendo particolare attenzione a come i media filtrano la realtà>.
E dentro le dodici tracce si trovano canzoni d'amore e ballate, un omaggio a Hemingway, le tipiche impennate dei Negrita contro un mondo che pensa di filare sempre liscio.

 

 

 


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

 

 

 

 


Pubblicità



Pubblicità

[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]

 


[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]


-

[_private/root_princ/juiceadv_overlay.htm]