Alice

Amparanoia

Ani Di Franco

Antonella Ruggiero

Badmarsh & Shri

Baixinho

Beth Orton

Bjork

Bruce Springsteen

Carmen Consoli

Carmen Consoli

Claude Challe

Cornershop

Cranberries

Cristiano De Andrè

David Gray

Diana Krall

Dido

Elio e le Storie Tese

Faithless

Francesca Mineo

Françoiz Breut

Gabin

Gemma Hayes

Gianna Nannini

Goldfrapp

Hooverphonic

Jackson Browne

Jewel

Joe Strummer

Joe Zawinul

John Cale

John Mayer

Koop

Kristin Hersh

Kristin Hersh&Throwing Muses

Laurie Anderson

Le Vibrazioni

Macy Gray

Madredeus

Maria Pia De Vito

Mariza

Massimo Ranieri

Michael Franti

Moby

Natasha Atlas

Neffa

Negrita

Nitin Sawhney

Nitin Sawhney 2

Noa

Norah Jones

Orishas

Pat Metheny

Patrizia Di Malta

Pete Yorn

Rap

Res

Richard Ashcroft

Rokia Traoré

Rosalia De Souza

Rosana

Roy Paci & Aretuska

SA (Sound Alchemist) Robin Neko

Sarah Jane Morris

Scott4

Sergent Garcia

Shawn Colvin

Sheryl Crow

Simple Minds

Si*Sé

Subsonica

Tanya Donelly

The Folk Implosion

Vincente Amigo

 

Links

Cerca nel sito

 

 

 

 

Musica per i golosi

a cura di Francesca Mineo

 

 

 


Si*Sé

L'intervista

Il nome, Si*Sé, è scritto così, con un asterisco in mezzo alle due sillabe. L'asterisco, una piccola stella, è un tatuaggio impresso sul corpo di Carol C., voce ammaliante del gruppo; il nome è un gioco di parole su come si pronuncia, in inglese e in spagnolo, la lettera 'C'. Un assaggio, insomma, di quanto si ascolta nel bellissimo e omonimo album, "Si*Sé", pubblicato dall'etichetta Luaka Bop. Un disco bilingue, si direbbe, con pezzi che rimandano al calore del Caribe così come a raffinatezze metropolitane.

'Ci sta dunque per Carol Cardenas, voce, autore dei testi, mente ideatrice di tutti quei tocchi femminili e molto europei che evaporano dalle tredici tracce. Tutto è costruito intorno a lei, parole e suoni sono funzionali alla sua interpretazione. Una vocalità alla Sade, per una cantante che scrive la sua storia personale nei club di drum'n'bass e di chill out di New York, dove cantava e faceva la Dj. Al suo fianco, Cliff Cristofaro - alias U.F.Low - , cresciuto con l'hip hop e armato di tecnologia e pulsazioni. Colpo di fulmine artistico? Parrebbe di sì.

Carol C: <Chi ci ha fatto conoscere è stato un amico comune, poi nostro manager. Conoscendo Cliff, pensava che si potesse pensare a un progetto insieme. Per molto tempo ci siamo scambiati i demo, studiandoci a vicenda, cercando di capire quali gusti musicali ci accomunavano. Poi una sera, in un club, abbiamo fatto la nostra prima uscita 'ufficiale'. Da quella sera abbiamo cominciato a pensare come gruppo>.
Cliff: <Lavorare con Carol è stato da subito molto entusiasmante. Solitamente lei scrive i testi, io le melodie e poi, con il gruppo, prepariamo gli arrangiamenti. E' un lavoro di équipe, in cui il confronto è continuo. E la musica nasce spesso da circostanze casuali: Carol comincia a canticchiare, a borbottare qualche nota, e per me sono basi su cui sviluppare il sound>.

In questo disco si incontrano diverse tecniche di canto: dai vocalizzi soul alle note lunghe e tenute della tradizione africana..
Carol C: <Deriva dalla mia tradizione familiare. Io sono di origini dominicane, ma mia madre, anche lei cantante, è per metà araba. Sono cresciuta con la cultura dell'opera, ma ho trovato la mia strada imitando le voci delle cantanti che mia madre ascoltava. Lei era specializzata in canto tradizionale, quindi ho assorbito tutto questo.

Come è stato l'incontro con David Byrne?
Carol C. <Meraviglioso. Pubblicare sulla sua etichetta è stato per noi un regalo enorme. In più non ci ha condizionato per nulla nella realizzazione del disco. Ha sempre compreso le nostre ragioni, ci ha dato molti consigli; abbiamo confrontato le idee ma non ci ha mai imposto niente. Ci ha suggerito,per esempio, di ampliare le percussioni, di osare nel mix dei suoni>.
Cliff: <Volevamo fare un cd, ma non per una major. Abbiamo sempre temuto le imposizioni delle discografiche, specie nei confronti delle band emergenti. In realtà non volevamo realizzare un disco che salisse le classifiche, ma trovare un nostro sound, un nostro stile. Io ho sempre suonato hip hop, ma ultimamente cercavo qualcosa che fosse meno aggressivo, più morbido, più variegato>.

Il disco è già uscito in America. New York come l'ha accolto?
Carol C.: <New York è una piazza difficile, anche perché i gusti sono molti come i locali. Questo è un disco che pensiamo possa piacere di più in Europa, si discosta dal mainstream americano>
Cliff : <In America il pubblico non è ancora abituato a un gruppo bilingue, che abbia un tale mix di tradizioni, a parte una ristretta cerchia di appassionati di questo genere. Negli Stati Uniti si ascolta prevalentemente pop, e di quello più commerciale,realizzato su misura per 'boy' o 'girls bands'. 

Il vostro sound è frutto di un mix insolito di strumenti, come la viola, suonati dal vivo..
Carol C. : <Abbiamo mixato strumenti che solitamente non suonano insieme. Cercavamo di trovare un punto di incontro tra le nostre tradizioni musicali, compresi i beat tipici dell'hip hop, il ritmo latino e i tempi lenti dell'elettronica>.
Cliff: <L'idea di inserire la viola è di Carol ed è stata accettata subito con entusiasmo. La chitarra è in ogni gruppo, mentre la viola, suonata da Olivia Martinez e Jeannie Olivier, riesce a dare effetti insperati e delicatissimi>.

 

 

 


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

 

 

 

 


Pubblicità



Pubblicità

[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]

 


[_private/root_princ/juiceadv300x250.htm]


-

[_private/root_princ/juiceadv_overlay.htm]