Home page

 

Come usare
questo sito

 

Cerca nel sito

 

Trattamento breve ed espressione 
delle emozioni negative

 

Cos'è la
depressione

Elemento
diagnostico
fondamentale

La depressione
come forma
di tristezza

La depressione
come rottura
del sentimento
del proprio valore

La depressione
come perdita
del sentimento
della vita

La funzione della depressione

Depressione grave o melanconia

Una corretta
valutazione 
del tipo di
depressione
è necessaria e utile

Depressione e senso
di colpa

Depressione e senso
di colpa (2)

 

Cause

La depressione
più comune

La depressione
come enigma

La depressione
come malattia
d'amore

La depressione
grave

 

Cosa fare

Nel caso...
Curare le cause

Curare le cause (2)

Ampliare la coscienza

Andare dallo specialista

 

Adolescenza e depressione

Cocaina e depressione

Ansia e vita scolastica

Anoressia
e bulimia

Cosa sono l'anoressia
e la bulimia

Anoressia e bulimia (2)

Anoressia e bulimia (3)

Anoressia e bulimia (4)

I paradossi del corpo nell'anoressia

La vita sessuale nello sviluppo dell'anoressia

 

Attacchi di panico

Attacchi di panico (2)

Attacchi di panico (3)

Panico e angoscia: differenze e similitudini

Il meccanismo fondamentale
dell’attacco di panico

Relazione tra Pericolo e Angoscia

La sensazione di morte nell'attacco di panico

 

 

Chi sono
i curatori

 

Responsabilità

 

 

 

 

 

 

 


Ansia e vita scolastica

Tra le diverse forme in cui si può manifestare, l'ansia può presentarsi in connessione ad una prestazione sociale, cioè in relazione ad un impegno o ad una attività che richiede un certo tipo di abilità, cognizioni o conoscenza. 
L'ambiente scolastico costituisce un luogo in cui si può produrre un'ansia legata alla prestazione. Anche se il fine del sistema scolastico è avvicinare al mondo della cultura e della tecnica, aprendo la sua mente e la sua anima a quanto vi è di più importante nel sapere, sia per la vita sia per il lavoro, la prestazione scolastica, cioè la valutazione dell'apprendimento con un risultato che si condensa durante l'interrogazione e il voto, possono diventare l'unico oggetto della preoccupazione dell'alunno. Il piacere di studiare e il desiderio di sapere vengono così messi in secondo piano, o addirittura si perdono. 

Per affrontare il problema dell'ansia è innanzitutto necessario partire dal presupposto che le manifestazioni dell'ansia non sono tutte uguali; e tenere bene presente che anche le persone non sono tutte uguali. Niente è più deleterio del trattare le forme di ansia scolastica come se fossero tutte uguali, senza tenere conto delle differenze individuali, in un ambiente come la scuola, che già di per sé, come ogni altra istituzione, deve mantenere operante un livello sovraindividuale. Del resto tutti sappiamo, per esperienza diretta, che possiamo essere in ansia per diversi motivi; che non tutte le ansie che abbiamo provato sono delle stesso tipo; che non per tutte ci preoccupiamo come per qualcosa di patologico. 

Il fatto di provare una sensazione di ansia che oltrepassi una certa soglia, fa sì che la prestazione ne risulti compromessa o resa gravemente difficoltosa. Si crea, infatti, un circolo vizioso: ad una sofferenza (l'ansia), si aggiunge una cattiva prestazione, che accresce di fatto l'ansia successiva; in questa spirale, la persona non può fare altro che sottrarsi alle successive prove e verifiche, interrompendo di fatto la possibilità di proseguire il percorso scolastico. Queste "assenze" (dalla lezione, dalla classe quando c'è una verifica, dalla scuola e dalla vita scolastica) vanno considerate come un rimedio e non come puramente sintomatiche; la persona le mette in campo per fronteggiare una angoscia che rischia di mandare in frantumi il senso del proprio valore. Esse vanno valutate quindi attentamente: intendo qui riferirmi all'attenzione e al giudizio che su di esse può arrivare dal corpo docente o dai genitori. 

Ciò che bisogna fare come primo passo di fronte ad una situazione di questo tipo, è distinguere nel modo più preciso possibile le circostanze in cui si è prodotto il primo fenomeno ansioso rilevante o la prima circostanza in cui si è verificata l'assenza. Bisogna cioè capire se il problema che ha scatenato l'ansia sia stata la valutazione da parte dell'insegnante, oppure se non sia stato un evento problematico o traumatico, che abbia inciso negativamente sui rapporti tra l'alunno in difficoltà e i compagni di scuola. 

Va sottolineato che questa operazione può richiedere tempo; è necessario infatti mettere in un moto un processo di comprensione di quello che l'alunno sta vivendo. E' sempre auspicabile che questo processo venga coadiuvato da un esperto che può avere la funzione di creare un buon ambiente di riflessione tra gli insegnanti. Questo ruolo dell'esperto nel gruppo degli insegnanti deve essere considerato della massima importanza e non è secondario rispetto all'altro ruolo, più tradizionale, di ascolto dell'alunno. In un certo senso, questa operazione di comprensione, se bene avviata, svuota il corpo docente da eventuali tensioni o preoccupazioni che l'alunno impone: uno svuotamento che produce un ambiente affettivamente meglio orientato per l'alunno. 

(Dott. Luigi Colombo)

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

 

 

 

 


Pubblicità



Pubblicità


Pubblicità



-

[_private/root_princ/juiceadv_overlay.htm]