My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Nicola Arigliano
Il concerto di Milano del 13 novembre 2000
vedi anche la recensione del disco "Nu ritratto"

l'intervista e recensione di "Go man"

Milano. Se i simpatici vegliardi di Cuba hanno assaporato il successo internazionale a ottant'anni suonati, se a giorni farà capolino nei negozi il nuovissimo disco del grande Henry Salvador, che di primavere sul groppone ne ha esattamente 83, perché mai

non dovrebbe ritornare in auge l'arzillissimo Nicola Arigliano, un ragazzino al loro confronto, visto che il 6 dicembre prossimo di anni ne farà soltanto 77? A questa domanda sciaguratamente retorica una risposta, probante e concreta, è già stata fornita: in quel curiosissimo locale che si chiama "Salumeria della musica", che a dispetto del nome che porta in ditta, alquanto greve e materialone, riesce spesso a proporre spettacoli di gioiosa e onirica levità. Come quello andato in scena la sera di lunedì 13 novembre, protagonisti Nicola Arigliano, appunto, e un manipolo di deliziosi jazzmen senza macchia e senza paura: i tre componenti del suo abituale "combo" (il chitarrista Dario Lapenna, il contrabbassista Elio Tatti, il batterista Giampaolo Ascolese) e poi il trombettista Enrico Rava, il sassofonista Gianni Basso, il chitarrista Franco Cerri, il pianista Renato Sellani, l'armonicista Bruno De Filippi. Tutti convocati a Milano, in una serata che più uggiosa e imbronciata non si sarebbe potuto, dal discografico Stefano Senardi: che dopo aver ricoperto per alcuni anni la carica di presidente della Polygram Italia, ha ora fondato una piccola etichetta indipendente - la Nun - che di qui a un paio di mesi pubblicherà su disco il resoconto fedele di questa indimenticabile serata. Compresi gli applausi a scena aperta, i cori e gli "olè" di tripudio del pubblico presente: una folla sterminata, accaloratissima, composta per una buona metà da fans d'antan del grande Nicola, e per l'altra metà da teen-agers aperti al richiamo della curiosità.

Sono le 9,30 de la tarde, dunque, quando il prode Nicola compare finalmente sul palco della Salumeria. E' di un umore a dir poco eccellente, ha gli occhi vispi del ragazzino che ha appena tuffato le mani nel vaso della marmellata, sfoggia un impeccabile spezzato di tweed irlandese e il ghigno sgherro di sempre. E, come al solito, apostrofa tutti con il nome di Pasquale. Pasquale è l'ingegnere del suono che deve provvedere alla registrazione dell'evento, Pasquale è il cameriere che gironzola fra i tavoli con le mani ingombre di bottiglie di rosso, Pasquale è perfino Vittorio Franchini del "Corriere della sera", il decano di critici jazz di casa. E per tentare di spiegare il perché di questo vezzo, di questo autentico "tic" linguistico che nel lessico ariglianesco si somma e si alterna a quell'altro ("go, man, go", rivolto al solista di turno), non resta che citare un aneddoto raccontato dallo stesso Arigliano qualche tempo fa: "Io sono di Squinzano, provincia di Lecce, e un giorno, anni fa, mi chiama il sindaco e mi dice: "Lei è il nostro cittadino più famoso, e siccome si chiama Nicola abbiamo deciso di farla suonare a San Nicola!". "E che è?", domando io. E lui: "La chiesa del Santo Patrono della nostra città...". E io: "Mi hanno chiamato Nicola, ma a me sarebbe tanto piaciuto Pasquale". E così non sono andato al concerto".

C'è dunque una vena di formidabile nonsense - e magari anche un pizzico di lucidissima follia - in questo pimpantissimo vegliardo nato pugliese e trapiantato a Magliano Sabina, nella campagna fra Terni e Rieti.Che dimostra diec'anni di meno di quelli che ha sul groppone, e attribuisce questa virtù alla "dieta" che segue da sempre - molto aglio condito con grande abbondanza di cipolla e peperoncino, un grammo ogni dieci chili di peso corporeo - e, soprattutto, al suo particolarissimo stile di vita: "Sono un satrapo, padrone assoluto della mia vita, senza donne, senza cani, senza ricordi; da anni mi alzo alle 4,30 del mattino per fare una grande camminata, tre o quattro chilometri in questa vallata". Probabilmente, è proprio questa particolarissima predisposizione, questa capacità di vivere come se il passato non esistesse e il futuro fosse un gradevole optional, ciò che impedisce ad Arigliano di cascare nella trappola del nostalgico, del patetico e del "dejà vu". Anche se il suo repertorio, pur vastissimo, è da anni sempre lo stesso. Anche se la sua voce non è certo un miracolo di timbro e di registro, tanto che a tutti quelli che lo definivano "il Frank Sinatra italiano" lui era solito rispondere: "Sbagliato, io sono il più grande cantante che non canta mai comparso al mondo". E giù una gran risata delle sue, di quelle che si aprono come una falce di luna nel bel mezzo di quella faccia da satrapo impenitente.

Il repertorio, dicevamo. Pur ridotto all'osso - si fa per dire - per ovvie esigenze di registrazione, si è snocciolato per tre ore abbondanti e per la bellezza di 35 canzoni. "Evergreen" americani come "On the sunny side of the street", "Ol' black magic", "The lady is a tramp", "Blue moon" e "Sixteen tons", ma, soprattutto, "sempreverdi" del canzoniere di casa, da sempre patrimonio privilegiato dell'ugola agra di Nicola. E dunque, svolazzando di fiore in fiore, "Il pinguino innamorato" e "Venti chilometri al giorno" (composta nel 1964 da un giovanissimo Mogol, non ancora fulminato sulla strada di Battisti, e dunque ancora ben provvisto di un ragguardevole sense of humour), "Nebbia" e "I sing ammore", "Marilù" e "Jessica", "Nebbia" e "Buonasera signorina" (conosciuta dai più per la smagliante interpretazione, in "brokkolinese verace", di Louis Prima), "E' quasi l'alba" e l'esilarante "Questione di tempo". Tutte canzoni meravigliose, ricchissime di una freschezza e di una modernità sconvolgenti, che tutti i "guest artists" della serata - con una nota di lode, in particolare, per il magnifico Enrico Rava - hanno innervato con una sagacia d'accenti e di colori davvero encomiabile. E ora non resta che attendere il disco, forse singolo o forse doppio, vista l'abbondanza di materiale depositato agli atti. Con la speranza che sappia riproporre almeno in parte lo spirito sfavillante di questa serata d'altri tempi.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble