My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Lena Willemark
Ale Möller

 

Due album meravigliosi si aggirano per l’Europa. Due album di "musica non occidentale", o se preferite di folk-jazz; oppure ancora, per dirla con le parole autentiche dei due protagonisti, due album concepiti «nel luogo ideale di incontro fra i musicisti del folk svedese

e quelli provenienti dal mondo dell’improvvisazione». I due dischi in questione si chiamano "Nordan" e "Agram", sono editi dalla Ecm (il primo è del 1994, il secondo di pochi mesi fa) e riportano in copertina un unico soggetto, da sempre molto caro sia alla prestigiosa etichetta discografica di Monaco di Baviera che ai due meravigliosi interpreti dei lavori: questo elemento è l’acqua. L’acqua increspata dei mari del nord, cupa e minacciosa, sormontata da un cielo in tempesta.E tanto basta per dare un’idea, almeno sommaria, di quel che possiamo trovare dentro questi due autentici capolavori di una musica al tempo stesso ancestrale e modernissima, magica ed evocativa, prodigiosamente riportata all’attualità dallo spirito di ricerca di due pionieri che meriterebbero di essere ben più universalmente conosciuti di quanto attualmente siano: la cantante Lena Willemark e il multistrumentista Ale Möller.

Lena è una deliziosa signora svedese di una trentacinquina d’anni, bionda come soltanto le svedesi doc possono essere e provvista di una voce incantevole, a metà strada fra quella grintosa di Mari Boine Persen (che però è norvegese, di origine lappone) e quella sognante di Agnes Buen Garnas. Ale, al contrario, è uno di quegli svedesi atipici che qualche volta capita di incontrare.Non soltanto perché è bruno come una latino verace, e indossa un barbone naïf stile improvvisatore berlinese degli anni Settanta (un po’ alla Peter Brötzmann, per intenderci): ma perché, soprattutto, è oggi un virtuoso riconosciuto - e stimatissimo - di uno strumento che con la Svezia c’entra assai poco, la mandola. I due se ne stanno allegramente seduti al bar di un hotel del centro di Milano, in attesa di partire per un concerto serale a Reggio Emilia, ed è un vero piacere conversare con loro: di quel "Nordan Project" che fa da filo conduttore a entrambe le incisioni, e di tante altre faccenduole annesse e connesse.

lenawillemark2.JPG (7777 byte)  L'intervista

Qual è stato il vostro percorso musicale?

(Ale). «Sono partito dal jazz, ero un discreto trombettista. Poi, per fortuna, ho incontrato un musicista greco, e mi sono avvicinato al folklore di quel paese. E’ stato un passo importante per me, perché mi ha spinto a ricercare dentro la tradizione popolare svedese, ancor oggi vivissima fra i nostri musicisti, anche giovani. Così, da quindic’anni a questa parte, suono soltanto musica tradizionale».

(Lena). «Io, invece, mi sono mossa in una maniera praticamente opposta a quella di Ale. Sono nata e cresciuta in un piccolo viaggio di montagna, con un orecchio ascoltavo la musica folk e con l’altro Radio Luxembourg. Poi, a diciott’anni, mi sono trasferita a Stoccolma: e lì sono stata folgorata dal jazz».

Ma da dove nasce questa voglia di dedicarsi al folk?

(Ale). «Un po’ dal piacere e un po’ dal modo di "sentire" la musica: che è poi l’aspetto fondamentale che deve entrarti dentro, quando suoni. Voglio dire che quando ci applichiamo al folk, noi non lo "sentiamo" affatto come una musica del passato: al contrario, ci pare modernissima. E infatti lo è».

(Lena). «Io credo che si possa amare una musica soltanto se la si rispetta, cioè se si ha un giusto rapporto di deferenza nei confronti di tutta quella gente che l’ha suonata e fatta vivere prima di te. Da qui, da questo afflato, senti crescere dentro di te un qualcosa di nuovo: una sorta di missione, se posso usare questo termine, che ti consente di diventare parte integrante dell’intero processo creativo».

Nei vostri dischi si sente, distintamente, una grande vicinanza con gli elementi della natura: caratteristica che è anche presente in tutti gli altri grandi filoni della musica del Profondo Nord, da quella celtica alla lappone. Da che cosa dipende questa straordinaria attrazione reciproca?

(Ale). «E’ molto semplice. Nei paesi dove la natura esercita ancor oggi un ruolo dominante, l’uomo non può che provare una sanissima forma di amore nei suoi confronti. E da qui a considerare la natura come una formidabile fonte di ispirazione, il passo è davvero breve».

(Lena). «E’ vero, ma forse è il caso di specificare che nella musica del Profondo Nord, come la chiami tu, esistono approcci molto diversi con la natura. Nel "joik" lappone, per esempio, gli uomini, con il loro canto, si rivolgono direttamente alla natura, alle pietre, ai fiumi e alle montagne. Noi, invece, non possediamo questa tradizione. Voglio dire che la nostra musica è più legata alla società, alla vita di relazione fra le genti».

E dunque, su che parametri si basano le "song" che eseguite?

(Ale). «Sulle tradizioni, innanzi tutto: che in genere sono soltanto vocali, e si possono danzare in compagnia. Ma queste tradizioni vogliono che le storie, le leggende, siano raccontate insieme a una melodia. Dunque quella che facciamo è anche un’operazione di recupero: riprendiamo vecchie melodie che sono state tramandate per via orale, e di cui spesso si erano perse le tracce».

(Lena). «In certi casi, poi, abbiamo creato ex novo una linea melodica originale, e addirittura nuovi testi: anche se, come è ovvio, abbiamo sempre cercato di rimanere fedeli al modello originale. Ci tengo a precisarlo perché, dal mio punto di vista, un aspetto basilare del folk è il rispetto per l’identità della musica. Priva di queste caratteristiche, la musica che andremmo a suonare sarebbe soltanto un povero canovaccio.Privo di qualunque anima».

 

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble