My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Susana Baca
Recensione del concerto di Milano del 13/07/01
vedi anche la recensione del disco

 

Milano. In una serata piena di musica come non mai (ma è proprio così difficile programmare un minimo gli eventi?), ma soprattutto di zanzare ronzanti e aggressive come Stukas in picchiata, l’estro del momento ci conduce verso

"La notte di San Lorenzo", a Cascina Monluè: dove è previsto il concerto di Susana Baca. Le alternative sono molte, e tutte sfiziose. Ci sono per esempio, a Villa Arconati, i gitani di mezzo mondo, primi fra tutti i formidabili Taraf de Haidouks di Romania. C’è, all’Idropark Fila dell’Idroscalo, il primo appuntamento con il Festival del Blues, che si fa forte del leggendario, inossidabile John Mayall. C’è infine, al FilaForum di Assago, il solito caravanserraglio di musica latino-americana, sempre molto colorata, divertente, coreografica. Ma, insomma, la Baca è pur sempre la Baca: e non soltanto perché è la prima volta che compare in concerto a Milano, e perderla sarebbe un vero delitto. Ma soprattutto perché, di lei, il "New York Times" ha recentemente scritto le seguenti, eloquenti parole: "La voce soave e distinta di Ms. Baca ha lo stesso splendore pulito di tante cantanti pop, ma ha la forza di creare un suo personalissimo stile. Una sua propria tradizione". E’ la medesima impressione - "un’artista straordinaria, visionaria come poche altre" - che dichiara di aver avuto il grande David Byrne al suo primo impatto con la señora, e che l’ha convinto a produrre i due dischi più facilmente rintracciabili qui in Occidente: "Susana Baca" ed "Eco de sombras" (Luaka Bop). Dunque, conviene verificare quel che accade dal vivo.

La prima cosa che accade, al calar della sera di venerdì 13 luglio, è un fuori-programma drammatico ed esilarante al tempo stesso: centinaia di persone che si agitano come burattini impazziti, e sventolano qualunque oggetto a portata di mano per difendersi dagli attacchi delle zanzare-stukas di cui sopra. La seconda è una brevissima quanto succulenta anticipazione di quel che succederà la sera dopo, sabato 14: e cioè una una folgorante apparizione dei Bottari di Portico di Caserta, che per una decina di minuti ci deliziano con i loro ritmi a volte forsennati e ossessivi, altre volte lenti e meditabondi, percuotendo botti e tini di augusta, formidabile possanza. E la terza cosa che accade è - finalmente - quella che ci ha condotto fin qua, in questo angolino dell’estrema periferia milanese ritagliato fra la tangenziale est e la pista dell’aeroporto di Linate: e va in scena alle 10 in punto, quando le fameliche zanzare se ne vanno a dormire, dopo aver fieramente divorato il loro abbondantissimo pasto. Sul palco sale dunque Susana Baca, e la scena cambia come dalla notte al giorno.

La señora peruviana dall’età indefinibile (avrà cinquant’anni, o magari quaranta, o forse addirittura sessanta? chissà...) fa la sua apparizione con una grazia davvero sublime, quasi d’altri tempi, circondata dai suoi quattro abituali musicisti: un chitarrista, un contrabbassista e due percussionisti. Ha i capelli cortissimi, una lunga tunica bianca, uno sciallo candido morbidamente drappeggiato sulle spalle, e, ovviamente, i piedi nudi. Proprio come Cesaria Evora, The Barefoot Diva. Inizia a cantare uno dei suoi hit più celebrati, "Negra presuntuosa", e lo fa con una tale dolcezza, con un senso della melodia così straordinariamente profondo e accattivante su un tappeto morbidissimo di percussioni, che ritornano subito alla mente le parole con cui lei stessa si era presentata qualche anno fa al pubblico delle metropoli d’occidente. Eccole: "E’ il ritmo, solamente il ritmo, ciò che muove il mio cuore? E’ il puro ritmo delle parole, la cadenza delle note che fluiscono dentro le canzoni, ciò che dà impulso a questa nostalgia che mi chiama? E il ritmo, può avere memoria, può viaggiare attraverso il tempo e rendere nuovo l’antico? Può accarezzarci dolcemente, e riportarci la memoria di altre notti lontane? Può possedere un sentimento profondo, e farci danzare dentro la nostra pelle, e farci sentire vivi e felici?".

La risposta è una sequela infinita di sì!!!, ovviamente. E sono proprio tutti questi sì!!! reiterati e convinti a fare di questa señora di Chorillos - il quartiere alle porte di Lima che un tempo non lontanissimo era ancora una comunità di schiavi - una delle chanteuse più interessanti e ammalianti dei nostri tempi. Una sorta di Billie Holiday dell’America del sud, capace di prendere la vita di tutti i giorni e di sussumerla a viva forza dentro le sue canzoni. Capace di afferrare i ritmi della "black culture" del Perù più antico e misterioso - quelli delle processioni religiose, delle filastrocche raccontate dai nonni ai nipotini, delle cadenze poetiche alla ricerca della "quadratura" perfetta - e di farli rivivere tutti insieme, in perfetta sintonia con il ritmo più ancestrale di qualunque altro: quello del cuore, suo e nostro.

E accade così che la señora Baca, per riprendere il suo pensiero originale, riesca a vincere la sfida più eclatante che ha intrapreso con se stessa e con il mondo intero: "la sfida di trovare il vero ritmo della libertà: un qualcosa di simile al vento che permette a un uccello di volare, o a un nuovo linguaggio ben più potente delle parole di afferrarti e di portarti con sè". E che le sue canzoni - "Zamba malatò", "De los amores", "Los amantes", "Valentìn", "Molino molero", una strepitosa versione di "Luna llena" - svolazzino nell’aria con la stessa soave delicatezza di una brezzolina estiva, e richiamino alla mente la medesima, visionaria levità con cui Bob Dylan ha voluto affidare le sue risposte al vento. E che per una voce così, tanto soavemente distillata e "cool", sia valsa la pena di affrontare anche l’impatto terrificante di milioni di zanzare-stukas. Certo che sì!

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble