My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Milano. E due, si potrebbe affermare facendo la conta degli appuntamenti di "Suoni e Visioni" finora andati in scena. La rassegna organizzata dalla Provincia di Milano, dopo aver esordito la settimana precedente con René Aubry,

ha infatti presentato al pubblico - lunedì 26 marzo - un altro rinomatissimo guru della musica d'oggidì: il compositore e performer inglese Michael Nyman, sessant'anni o giù di lì, universalmente famoso per le sue collaborazioni musicali con il regista Peter Greenaway ("The Draughtsman's Contract", "The Cook, the Thief, His Wife and Her Lover", "Drowning by Numbers", e via di questo passo), con svariati altri cineasti di gran vaglia (Jane Campion, Volker Schlondorff e Neil Jordan, tanto per citarne alcuni), e, ultimamente, per aver dato vita alla colonna sonora di "The Claim", l'ultima fatica di Michael Winterbottom. L'ha presentato in uno scenario prestigiosissimo e troppo a lungo ignorato, il Teatro Strehler di largo Greppi, vale a dire la nuovissima sede del Piccolo Teatro di Milano. L'ha presentato alla testa della sua ormai canonicissima Band di undici elementi, che prevede due violini (Ian Humphries e Ann Morfee), una viola (Kate Musker), un violoncello (Tony Hinnigan), un contrabbasso (Martin Elliott), tre sassofoni (Dave Roach e Simon Haram al contralto e al soprano, Andy Findon al baritono e al piccolo), una tromba (Steve Sidwell), un corno francese (Dave Lee), un trombone (Nigel Barr). Oltre al pianoforte gran coda dello stesso Michael Nyman, ovviamente.

Narra la leggenda che il giovanissimo Nyman degli anni Sessanta, dopo un periodo interamente trascorso a studiare la musica folklorica rumena, si sia guadagnato una robusta reputazione come critico musicale coniando, nel lontanissimo 1968, il termine "minimalismo": immediatamente utilizzato per etichettare l'estetica di compositori a lui anteriori come Philip Glass, Steve Reich e Terry Riley. Narra ancora la leggenda che i suoi primi lavori - per esempio "Bells" del 1971 e "Decay Music" del 1976, inciso per la leggendaria etichetta Obscure di Brian Eno - fossero una vera e propria estremizzazione degli stilemi più risaputi del minimalismo, elevati addirittura all'ennesima potenza. In parole povere, una volta assegnati a ogni strumento una nota e un ritmo, il gioco compositivo innescato da Nyman consisteva nel rallentare a dismisura le strutture ritmiche predefinite, accumulando un numero crescente di volte le unità ritmiche di cui esse erano composte, fino a lasciare soltanto un flusso amorfo di risonanze dalla durata infinita. E in questo senso la sua "decay music" si rifaceva esplicitamente allo "slow motion sound" di Steve Reich, acuendone però il senso di distacco mediante una progressiva scarnificazione dell'armonia. Che diventava quasi un elemento di "rarefazione ermetica".

A confronto del Nyman di vent'anni fa, quello attuale pare quasi apocalittico, segnato da un imperscrutabile fatalismo di fronte alle "miserie" del destino umano. I suoi organici orchestrali si fanno sempre più complessi e sfaccettati, con archi, fiati e voci recitanti a volontà. La sua musica si decompone per ricomporsi poi immediatamente, in senso neo-classico e, a volte, quasi mozartiano. E gli strumenti diventano parte integrante di grandiose progressioni vorticose. Gli archi incalzano in crescendo travolgenti, che ripetono con sostenuta violenza e minime variazioni frasi elementari perfettamente consonanti; i solisti di turno intessono commosse melodie da adagio settecentesco; l'alchimia sonora che ne scaturisce pare quasi uno "switch" derivante dal contrasto fra la tensione veemente delle parti martellanti e ripetitive e la sublime serenità delle parti cantabili. Ed è proprio da questa singolarissima "armonia degli opposti" che il compositore inglese, dopo aver coniato per gli altri l'etichetta del "minimalismo", ha potuto definire se stesso "post-minimalista". E va bene così.

Proprio in questa veste tanto ampia quanto vaga, che aveva un suo perfetto pendant negli "abiti di scena" (camicia bianca sbottonata sul collo, ampi pantaloni neri e flosci, giacca nera curiosamente lunga fin quasi alle ginocchia), il Maestro si è presentato lunedì sera al pubblico foltissimo ed entusiasta del Teatro Strehler: per deliziarlo con uno spettacolo meravigliosamente sfaccettato e multiforme, articolato in due tempi. Il primo edificato su una serie di composizioni antiche e recenti - "A Zed and Two Notes", "Car Crash", "Deft Waltz", "Prawn Watching", "Time Lapse", quattro movimenti della serie "Water Dances" - e, soprattutto, sulla sonorizzazione di "Ballet Mécanique": il celebre cortometraggio cubista realizzato nel 1924, a Parigi, dal pittore Férnand Léger (allora prevedeva il commento musicale d'avanguardia del compositore americano George Antheil). Il secondo tempo, invece, è stato tutto centrato sul progetto multimediale "The Commissar Vanishes" (il commissario svanisce), già presentato qualche mese fa al Barbican di Londra: un video a più mani (il produttore Christopher Kondek, il fotografo e storico David King) sapientemente architettato sulla falsificazione dei documenti fotografici "ufficiali" del periodo della dittatura staliniana (gli avversari politici "miracolosamente" scompaiono, e il Baffone rimane il padrone incontrastato della scena). Proprio da qui, da questo preziosissimo "correre in parallelo" di musica e immagini, tanto caro a Michael Nyman, sono scaturite le note più interessanti dell'intera serata. Tanto avvincenti ed esaltanti da costringere Nyman & soci a concedere un "bis" assolutamente non previsto dal copione.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble