My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Laurence Revey
"Le creux des fees"

Sulla copertina dell'edizione italiana di "Le creux des fees", distribuita dalla fiorentina Materiali Sonori per conto della zurighese Muve Recordings, c'è uno "strillo pubblicitario" che suona
più o meno così:

"La nuova voce scoperta da Hector Zazou". La voce in questione appartiene a Laurence Revey, la splendida cantante vallesana di Sierre che ha recentemente stregato il pubblico di Montreux con una mirabolante performance. E la notizia contenuta nello "strillo" è, al tempo stesso, assolutamente vera e ancor più fuorviante: come quasi sempre accade negli spot pubblicitari urlati troppo forte. Vera, perché è ormai di pubblico dominio il fatto che il grande compositore-produttore di origine algerina non abbia esitato neppure un attimo a inserire Laurence nell'organigramma di "Lights in the dark", il suo progetto sulle radici della musica sacra irlandese: e proprio in questa veste l'avevamo infatti ascoltata a Milano, un paio d'anni fa, nell'ambito della rassegna "La musica dei cieli". Fuorviante, perché per questo suo primo, meraviglioso lavoro solistico, Laurence ha fatto (quasi) tutto da sè. Con una sicurezza e un controllo dei propri mezzi espressivi a dir poco sbalorditivi, per una "absolute beginner" quale lei, oggettivamente, ancora è.
Già il titolo del disco ci suggerisce che qui ci muoviamo in un luogo fatato, denso di magia e di delicatissimi incantesimi. Che la splendida voce di mademoiselle Revey evoca ricorrendo al "patois", l'antica "langue d'oc" parlata ancor oggi nelle aree franco-provenzali (anche italiane). C'è dunque un incanto tutto ancestrale, nelle tredici melodie di "Le creux des fees": che si muovono armoniosamente da una tradizionalissima "Pastorelle", innervata da trame sonore tanto semplici quanto misteriose, a un "omaggio all'ombra" - "L'Ombre", appunto - che pare la trasposizione sottilmente poetica dell'intera teoria psicanalitica junghiana. Ma c'è anche, contemporaneamente, tutto l'abbraccio della moderna World Music: con i suoi strumenti, i suoi colori, le sue intuizioni, la sua enfasi. E con un approccio "quasi New Age" al materiale sonoro, che Laurence sintetizza così: "Possa la memoria condurci sempre più avanti, e possano i nostri cuori rimanere sempre aperti all'abbandonza. Io non ho mai smesso di sognare".

L'intervista

Laurence, quando è iniziato questo sogno?

"Vorrei dire da sempre, dal giorno in cui sono nata. Ma, per essere un pochino più precisi, da quando ho cominciato a riscoprire il "patois". Io volevo la libertà, e andavo sempre a ricercarla lontano da me, aldilà delle montagne, da qualche altra parte del mondo. Paradossalmente, l'ho invece trovata a casa mia, frugando dentro me stessa, attraverso un'eredità musicale ricchissima, capace di sopravvivere nei secoli. L'ho ritrovata nei simboli della vita pagana che la Chiesa Cattolica non è riuscita a cancellare del tutto. L'ho ritrovata nelle leggende di questa terra: autentici ponti gettati fra passato e futuro, che una natura formidabile ha letteralmente "imposto" all'uomo. Dulcis in fundo, l'ho ritrovata nel linguaggio orale, il "patois", che sembrava irrimediabilmente perduto da un paio di generazioni a questa parte".

Il "patois", appunto. E' stato questo il tramite che ha conquistato l'attenzione di Zazou?

"Penso proprio di sì, perché è notorio che a lui piacciano molto le... "lingue strane". Sta di fatto che un giorno il suo produttore, Jean-Michel Reusser, gli ha fatto avere un mio "demo-tape" cantato in "patois", corredandolo con un paio di paroline del tipo: "Ascolta un po' questo bizzarro dialetto...". Lui l'ha ascoltato, e mi ha subito proposto di entrare nel suo progetto di "Lights in the dark": quello che abbiamo portato anche a Milano, in una splendida chiesa di corso Italia...".

Già, la parrocchia di Santa Eufemia. E come si è trovata a cantare in gaelico?

"Non era gaelico: era "patois"! E proprio questo mi ha convinto di quanto possa essere universale anche una "lingua" del tutto sconosciuta aldifuori delle aree franco-provenzali. Perché ciò che conta non è certo la comprensione letterale delle singole parole, ma il significato subliminale evocato dal canto".

Lei canta sempre scalza. E' forse un modo per riportare lo sciamanesimo dentro il mondo un po' distratto dell'Occidente iper-tecnologico?

"Non lo so se è davvero così, e questo potrebbe comunque essere un interessante filone di ricerca (sorride amabilmente)... Dal mio punto di vista, il cantare a piedi nudi significa semplicemente ricercare un contatto forte con la terra: perché è straordinariamente importante, almeno per me, avere una base solida su cui ancorarsi. Forse perché sto cominciando a invecchiare (sorride ancora più amabilmente)...".

Anche l'uso che fa del tamburo rotondo in pelle di capra, tipo "bodhrán" e affini, fa parte di questo... come possiamo chiamarlo... "sciamanesimo inconscio"?

"Può darsi, ma anche in questo caso... non so darle una risposta precisa! So soltanto che mi piace moltissimo il suono del tamburo... Mi sembra un cuore pulsante, mi riporta anche questo al ritmo naturale di nostra Madre Terra... Cercherò di capirne di più, lo prometto!".

Laurence, sembra che lei sia alla ricerca di qualcosa...

"E' assolutamente vero. Sto attraversando un periodo di grande transizione... come credo succeda a molti, in questo passaggio di millennio. Sto cercando di affinare il mio istinto, le mie intuizioni, le mie emozioni: e forse, ragionandoci a posteriori, la riscoperta del "patois" mi serve proprio a questo. E il mio istinto mi dice che devo muovermi senza direzioni predeterminate, in maniera molto libera ed eclettica, mettendo assieme anche gli "estremi" apparentemente più inconciliabili. Che ne so, l'Africa e la lirica, le percussioni tribali e il canto celestiale".

E' per questo che recentemente ha remixato cinque brani di "Le creux des fees", con la collaborazione di Transglobal Underground, Mich Gerber, Bugge Wesseltoft, Nils Petter Molvær e Gus Gus?

"E' proprio per questo, certamente. E sono assolutamente convinta che questo mélange fra "arcaicità" e "futurismo" sia perfettamente conciliabile, vorrei dire estremamente armonioso e finanche provvisto di una logica ferrea. Dipende soltanto dalla sensibilità dei musicisti coinvolti nell'operazione, non trova?".

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble