My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

David Sylvian
Recensione concerto
vedi recensione "Everything and nothing" e "Camphor"

Milano. Partiamo dalla fine, almeno per una volta. Partiamo cioè da quel che accade verso le undici e trenta della sera di lunedì 1 ottobre, dentro un teatro Smeraldo gremito fino all'inverosimile.

David Sylvian e i suoi prodi (suo fratello Steve Jansen alle percussioni e all'elettronica, Matt Cooper alle tastiere, Tim Young alle chitarre e Keith Lowe al contrabbasso acustico e al basso elettrico) stanno sul palco da ormai quasi due ore, e stanno per intonare le note maliconiche e alquanto cupe di "Wanderlust", che è poi il terzo bis della serata. E allora, direte voi a questo punto: che c'è di strano in tutto questo? Detto in tutta onestà, proprio niente di niente. Ma il fatto è che David Sylvian, per una bizzarra combinazione di scaramanzia e di indolenza performativa, quasi mai concede un terzo bis: lo fa soltanto se il suo pubblico si spella le mani per cinque minuti filati, e fa la "ola" da un capo all'altro della platea, e lo richiama sul palco con una serie infinita di urletti e gridolini. E' proprio quanto succede la sera di lunedì allo Smeraldo. E questo è il particolare che meglio di ogni altro riesce a descrivere un concerto più unico che raro, equamente diviso fra la flemmaticità quasi zen di chi sta sul palco (dove l'unico un po' fuori registro è il tastierista Cooper, che si dimena e agita il testone riccioluto quasi fosse alle prese con tante "Honky tonk women" dei Rolling Stones) e l'entusiasmo al calor bianco del pubblico in sala: generoso come pochissime altre volte di incitamenti, ululati e gridolini di gioia.
Mancava dall'Italia da sei anni abbondanti, David Batt (in arte David Sylvian): cioè da quando vi era giunto in compagnia di uno dei suoi più grandi méntori, il chitarrista Robert Fripp._E non è certo un caso che proprio in questi giorni sia uscita in tutto il mondo, per i tipi della Virgin, la riedizione, opportunamente remixata dallo stesso Sylvian, di "Damage", il disco "live" registrato durante quel memorabile tour. Mancava da sei anni, dunque, e ora vi fa ritorno (altre date sono previste nei prossimi giorni a Bologna, Roma, Verona e Venezia) non tanto per riprendere i temi di "Damage", troppo impregnati di volatile spirito frippiano per essere rivisitati in perfetta solitudine, quanto, piuttosto, quelli di "Everything and nothing", la doppia antologia data alle stampe un paio d'anni fa. E la tournée, infatti, proprio da "Everything and nothing" prende a prestito il titolo, oltre che la sensibilità e la profonda Weltanschauung. E il concerto, infatti, prende le mosse proprio dalle prime due song contenute nell'antologia, "The scent of magnolia" e "Heartbeat": per dare fin da subito un'idea di massima - ammesso che ce ne sia il bisogno, visto che il pubblico è interamente composto da sylvaniani convinti - di quel che succederà più tardi.
Le luci sono soffuse, i colori tenui e discreti, le immagini che si accavallano sul telone in fondo al palco tanto rilassanti e accattivanti... da consigliare di seguire il concerto a occhi chiusi. Bell'idea, da acchiappare al volo. E subito, come un flash, ecco che ci ritorna alla mente la feroce stroncatura dedicata all'ex leader dei Japan da uno dei massimi guru della critica pop contemporanea, Piero Scaruffi: "Disco dopo disco, Sylvian sta dimostrando di essere semplicemente un artista di dubbio talento e di idee alquanto limitate: peraltro ripetute testardamente fino alla nausea". Ohibò, che inutile protervia! Sarà la magia della serata, saranno gli occhi chiusi, sarà il dolcissimo sciabordìo di riflessi e ombre che di quando in quando riesce a intrufolarsi fra le palpebre abbassate, ma a noi pare proprio che quelle "idee limitate" siano in realtà intuizioni strettamente correlate con una concezione quasi mistica, a tratti ipnotica, della reiterazione. Sono magari poche frasi di sintetizzatore, quietamente sostenute da magnetici giri di basso e da percussioni spesso accarezzate con i feltri, sulle quali si innesta la strepitosa voce di Sylvian. Che già da tempo ha abbandonato al loro destino le ottave più alte per privilegiare tonalità più gravi, "interne", quasi discorsive. Di modo che il suo canto sembra un flusso vitale che continuamente si dipana fra il sogno e la veglia, e chi è depresso di suo (come la giovane signora che ci sta seduta a fianco) lo scambia per un perpetuo entrare e uscire dall'anticamera dell'angoscia, e chi invece sta benone (come la stragrande maggioranza del pubblico in sala) lo prende e lo assimila per ciò che realmente è: una sorta di "healing chant", di intervento terapeutico con l'uso della voce, impregnato di meditazione, di spiritualità, di vibratile senso della trascendenza.
E' così che, una dopo l'altra, si susseguono svariate perle del canzoniere sylvaniano: "Godman", "I surrender", "Jean the birdman", "Midnight sun", "Orpheus", "Waterfront", tante altre ancora. Tutte minimaliste e quasi salmodianti, pregne di una pace e di una rilassatezza che i biografi dell'artista inglese fanno risalire al 1992: anno del trasferimento negli States e del fulmineo matrimonio con la splendida cantautrice Ingrid Chavez. Sarà certo così, non lo mettiamo in dubbio. Ma altrettanto certo è che esiste una sapienza antichissima, un'armonia "precedente", dentro queste canzoni così soavamente semplici: lo si intuisce in particolar modo quando Sylvian inizia ad accarezzare le sue song di più spiccata ispirazione orientale, i magnifici canti devozionali di "Krishna blue" e "Bhajan". Che precedono "Wanderlust", il terzo bis che - come si diceva - solo in serate eccezionali mister Batt elargisce ai suoi fedeli. E questa, per buona fortuna di tutti, è proprio una di quelle serate.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble