My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Vinicius Cantuária
concerto a Festate - Chiasso
vedi anche: l'intervista, Sol Na Cara”, “Tucumã” e “Vinicius

 

Chiasso. Forse il Signore della Meteorologia sapeva perfettamente che la tredicesima edizione di Festate sarebbe stata aperta da Vinicius Cantuària. E così si è dato graziosamente da fare. Ha trasformato

la platea del CinemaTeatro di Chiasso in una succursale di Salvador de Bahia, con temperature assai più vicine ai 40 che ai 30, un’afa opprimente, centinaia di bottigliette di acqua e gazosa tracannate in un istante (peccato che mancassero le palme e il mare, altrimenti la similitudine sarebbe stata perfetta). E comunque faceva talmente caldo, giovedì sera, a Chiasso, che perfino Marco Galli (una delle menti creative della rassegna, insieme a Paolo Belli e Tiziana Conte), nel breve discorsetto introduttivo si è lasciato andare a una condivisibilissima confessione: «L’anno prossimo presenteremo in boxer!». E anche il grande Vinicius, che pure a queste calure (e a questo tasso di umidità) dovrebbe essere perfettamente abituato, è stato colto in contropiede. Tanto da chiudere il primo tempo del concerto dopo 45 minuti appena, «per andare a bere una bottiglia d’acqua, e magari anche un caffè». E fra una canzone e l’altra salutava il pubblico osannante alzando il bicchiere: colmo non di vino, come avrebbe fatto il Guccini dei tempi d’oro, ma di acqua frizzantina assai gelata.
Premesso tutto questo a onor di cronaca (e di calura), passiamo rapidamente al concerto e ai suoi meravigliosi protagonisti. Che, a quanto pare, erano già da tempo nel mirino degli organizzatori di Festate, ma che solo quest’anno si sono materializzati fra di noi in carne e ossa. Disponendosi sul palco - curiosamente - a semicerchio, con i due primattori alle estremità: Vinicius Cantuària sulla sinistra, e il sognante trombettista Michael Leonhart sulla destra. Sullo sfondo operavano invece il bassista e i due straordinari percussionisti, Mauro Refosco in primis, e al centro, nel luogo in genere riservato al front-man... il nulla più assoluto. Un Nulla degno dell’indimenticabile Conferenza di John Cage, che ognuno poteva ovviamente riempire con i propri desideri e le proprie intuizioni. E che in ogni caso dava l’idea esattissima del modo con cui, da sempre, Vinicius Cantuària concepisce la sua musica. Un modo molto comunitario e democratico, in cui le intuizioni dei singoli si sviluppano in cerchio, corroborandosi reciprocamente di energie e folgorazioni, e in cui lui, Vinicius, neanche per un istante pensa di essere il “lìder maximo”. Semmai un “primus inter pares”, e lo dimostra, anche visivamente, collocandosi con la sua chitarra in un cantuccio del palco, defilato e discreto, come per sfuggire agli eccessi di attenzione che un front-man sempre attira su di sè. E che è l’inevitabile conseguenza della Weltanschauung sottesa a “Vivo isolado do mundo”: la meravigliosa canzone di Alcides Dias Lopes che Vinicius ha ripreso nell’album “Tucumã”, e che ha trasformato in un manifesto esistenziale di sublime bellezza (oltre che in uno dei suoi cavalli di battaglia prediletti).
Giovedì sera, curiosamente, Vinicius non ha ripescato “Vivo isolado do mundo” dal suo sterminato canzoniere. Ha però ripreso alcuni classici di “Sol na cara”, il suo primo album internazionale: citiamo (a memoria) “Sem pisar no chao”, “Samba da estrela” e “O nome dela”. E poi alcune cose - “Amor brasileiro” e “Aracajù” - da “Tucumã”. E poi, ancora, qualche “must” del suo ultimissimo lavoro, “Vinicius”, zeppo di ospiti di grandissimo lignaggio: Caetano Veloso, Bill Frisell, Brad Mehldau e Marc Ribot, tanto per citare i primi che ci vengono in mente. Ed è proprio su una delle canzoni-inno di quest’ultimo album, “Ela é Carioca”, che Vinicius ha invitato il pubblico entusiasta a cantare insieme a lui il ritornello orecchiabilissimo: l’ha fatto nella sua maniera molto timida e discreta, da autentico Lord del samba, mica come quei rockettari cafoni che quando chiedono ai fans di seguirli lungo un riff sembra che li vogliano violentare. L’ha fatto mentre i suoi formidabili compagni d’avventura aumentavano e diminuivano in continuazione il tempo della canzone, e Michael Leonhart cavava dalla sua pocket trumpet - un po’ à la Don Cherry, per intenderci - meravigliosi sussurri e sognanti cacofonie futuristiche, dando all’intero materiale musicale l’andamento di un’onda lunghissima. L’onda - a volte sonnacchiosa, a volte inarrestabile - del caldo mare di Bahia.
Sarà forse per questo - per questa “saudade” che lo coglie all’improvviso, come un compito in classe senza preavviso - che Vinicius sostiene, in tutta coerenza, di sentirsi molto più brasiliano quando è lontano dal Brasile: per esempio a New York, dove ormai vive abitualmente, che lo spinge «a fare una musica che è la quintessenza della brasilianità». E se n’è avuto un esempio - mirabile, addirittura commovente - quando, dopo un incipit tirato fino al calor bianco, è andato a riprendere le note delicatissime di uno dei capolavori di Antonio Carlos Jobim, “O barquinho”: e le ha accarezzate con una soavità che non aveva nulla da invidiare a quella, ormai proverbiale, di João Gilberto. E se n’è avuto un altro esempio nel mirabile mélange di samba do Brasil e salsa de Cuba proposto all’inizio del secondo tempo. Quando, a sorpresa, ha attaccato “Cubanos postizos”: forse un omaggio, straordinariamente ispirato, all’amico chitarrista Marc Ribot, che qualche anno fa, proprio con i Cubanos Postizos, ha concepito uno dei suoi album migliori. Glielo chiederemo certamente, prima che faccia ritorno a New York. E, per il momento, godiamoci ancora il ricordo di questo concerto memorabile, che ha aperto come meglio non si sarebbe potuto la tredicesima edizione di Festate. Evviva!

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble