My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

David Byrne
"LOOK INTO THE EYEBALL"
Leggi la recensione

Milano. L’ultima volta che era capitato da queste parti, quattro anni fa, per promuovere il suo disco d’allora ("Feelings"), il grande David Byrne aveva un’aria alquanto scorbutica,
 

i nervi facilmente irritabili, i capelli di un marròn alquanto sospetto. Ora è qui per un motivo sostanzialmente identico - promuovere "Look into the eyeball", il suo album in uscita l’8 maggio prossimo per i tipi della Luaka Bop - ma il "mood" che lo sostiene è completamente diverso da allora: infatti è allegro, sorridente, parla poco (ma di buon grado), ha i capelli color sale e pepe (molto più sale che pepe, a dire il vero). E, soprattutto, sembra infinitamente più giovane di prima. E questa è l’ennesima conferma del fatto che non è vero che il rock è solo Musica Giovane per i giovani di tutto il mondo, come implicitamente sostenevano nei Fabolous Sixties l’incommensurabile Bob Dylan (ricordate quando diceva, lo sciagurato, che non bisognava fidarsi di gente che avesse più di trent’anni?) e gli indimenticabili Pete Townshend e Roger Daltrey (voglio morire prima di diventare vecchio, cantavano in "My generation": e meno male che non hanno mantenuto la promessa...). E’ vero semmai il contrario, e cioè che il rock, proprio come il vino, migliora, e molto, con il trascorrere degli anni: come dimostrano ad abundantiam gli stessi Bob Dylan, Pete Townshend e Roger Daltrey, e poi Lou Reed, Bruce Springsteen, Neil Young, Johnny Cash e chissà quanti altri ancora. David Byrne compreso, ovviamente.

Ma non divaghiamo. Il nostro eroe ormai quasi cinquantenne (li compirà nel 2003, se la memoria non ci inganna) arriva dunque di gran carriera, il pomeriggio di mercoledì 11 aprile, nella sala delle conferenze dell’Hilton di Milano, e ci mette davvero poco a creare lì dentro l’atmosfera che più gli aggrada. E cioè... "quella stile seduta psichiatrica", spiega lui affabile: "con l’unica differenza che io - il paziente - sono da solo, e invece voi - gli psichiatri - siete tanti, tantissimi!". E giù una gran risata, candida e innocente come quella di un fanciullo. Dunque si può cominciare, sparacchiando nel mucchio qua e là.

Da un primo ascolto, molto sommario, questo disco sembra molto più romantico e "morbido" dei precedenti. E’ vero?

"Penso proprio di sì, anche se devo dire che è "romantico" a modo mio: vale a dire in una maniera molto "matematica" e "scientifica". Questo perché sono convinto che il romanticismo in senso stretto tenda a trasformarsi, a lungo andare, in una sorta di cliché, che deve poi essere limato e corretto a dovere. E per far questo io uso il ritmo, i tamburi e le percussioni: che mi consentono di bilanciare l’eccesso di malinconia che, a volte, fa capolino nelle melodie e nelle armonie...".

Sembra proprio molto "scientifico" questo modo di procedere...

"E in parte lo è davvero, anche se vorrei ricordare che il primo motore delle mie composizioni è, ancor oggi, l’intuizione. Magari passeggio per strada, e all’improvviso mi viene l’idea - la folgorazione - di una melodia. Allora la incido al volo sul registratore portatile che ho sempre con me, e poi a casa la riprendo e la sistemo. Mi piace molto, questo modo di lavorare!".

Nella "sistemazione", come la chiami tu, c’è anche l’intrusione di molti materiali etnici...

"Oh, sì, non ne potrei più fare a meno... Li butto dentro come piace a me, creando una specie di mix fra un sacco di cose diverse: samba, merengue, cha-cha, rumba, rock... Certo, da me non sentirete mai un tango canonico o una milonga classica: li lascio fare a chi ne sa infinitamente più di me! Io cerco di arrangiarmi alla mia maniera, con le cose che so e con gli strumenti che ho...".

E in questo disco, fra gli strumenti, ci sono anche molti violini...

"Sì, è vero. Forse li ho messi perché, inconsciamente, volevo sottolineare l’aspetto romantico di molte delle mie ultime composizioni. E in ogni caso l’ispirazione mi è arrivata direttamente dalla collaborazione che ho avuto di recente con il Balanescu Quartet. Volevo anche ingaggiarli per questo mio disco... ma erano troppo cari!".

Qualche anno fa, a "Rolling Stone", tu hai dichiarato che "Creuza de mä", di Fabrizio De Andrè, è uno dei dieci migliori album degli anni Ottanta. Hai trovato qualcosa di altrettanto buono, nella produzione italiana degli ultimi tempi? E non ti è mai venuto in mente di fare una "cover" di una canzone di Fabrizio?

"Alla prima domanda devo rispondere di no: purtroppo, non ho più sentito nulla di lontanamente paragonabile a "Creuza de mä", che infatti continuo a duplicare - illegalmente! - per un sacco di amici americani. Quanto alla possibilità di una "cover"... perché no? L’idea mi attira parecchio, e probabilmente l’avrei già realizzata se non fossi stato trattenuto dall’enorme difficoltà di tradurre dal genovese all’inglese! Vedremo in futuro...".

Ma, per il momento, il futuro è qui, in uno dei locali più trendy dell’underground milanese: il Tunnel di via Sammartini, a due passi dalla stazione Centrale. Dove la sera di mercoledì il grande David Byrne si esibisce in un piccolo concerto per un ristrettissimo manipolo di ospiti, alla testa del suo trio abituale (Paul Frazier al basso, Mauro Refosco alle percussioni e David Hilliard alla batteria) rafforzato da un sestetto d’archi tutto italiano, selezionato per l’occasione da Morgan, il leader dei Bluvertigo. E’ un’ora di musica fantastica, scoppiettante, ai limiti del calor bianco. Dove convivono con splendida armonia composizioni del passato recente e remoto ("Nothing but flowers", composta in coppia con Caetano Veloso, "And she was", "Once in a lifetime", mirabolante reperto dei primi Talking Heads, "Sax and violins", composta per Wim Wenders) e melodie dell’ultima ora: "Revolution", "UB Jesus", "Like humans do", "The accident", "The great intoxication". E’ una straordinaria sarabanda di colori, di suoni, di profumi e di richiami alle memorie ancestrali di ogni angolo del mondo, quella che ascoltiamo con le orecchie ben dritte. Dove il nostro (quasi) cinquantenne dimostra una maestrìa vocale e interpretativa a dir poco sublime, e una carica energetica da lasciare a bocca aperta. Buon segno, visto che a luglio David Byrne ritornerà in Italia: per un tour pieno di appuntamenti e di magica alchimia sonora.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble