My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Christoph Haas
MUSICA POVERA
"Inside the hollow cliff"

"Music is the healing force of the universe", la musica è la forza guaritrice dell’universo. Questo era l’aforisma prediletto di Albert Ayler, il grande sassofonista nero-americano  

scomparso a New York giusto trent’anni fa, in circostanze tragiche e mai chiarite. Oggi, trasformato in un "dazebao" a tutta parete, questo stesso aforisma fa bella mostra di sè nell’atelier musicale di Christoph Haas, quarantasettenne percussionista di Stoccarda. Che dopo aver militato come batterista in numerosi gruppi tedeschi di jazz e rock - e perfino punk, nelle stagioni più fulgide di quel movimento - da ormai vent’anni insegue le radici del ritmo su qualunque strumento possibile - tamburi e congas, maracas e berimbao, bodhràn e bendir - e in qualsiasi anfratto del globo queste si annidino: in Africa e in Brasile, in India, Giappone e Italia del sud. Per riproporle, poi, in concerti e seminari aperti a centinaia di persone: principianti, soprattutto, ma anche impeccabili professionisti, come si è visto nell’ultimo che ha tenuto a Milano, il 2 e 3 dicembre scorsi. Con bella immaginazione, Christoph Haas ama definire questi workshop "The ocean of rhythm", l’oceano del ritmo. Quasi a voler sottolineare che la pulsione ritmica non è un’invenzione artificiosa dell’"homo percussor", ma piuttosto un’onda delicata e travolgente al tempo stesso: che viene da lontano e va ancor più lontano, dentro e fuori di noi.

 

 

L'Intervista

 

E’ così, signor Haas?

"E’ proprio così. Il termine ritmo deriva infatti dal greco "rheo", che significa "ciò che fluisce". E’ dunque un "fluido", una "vibrazione", che agisce in tutte le strutture che noi conosciamo, da quelle microscopiche, per esempio le cellule, a quelle macroscopiche, i pianeti e le galassie. Tant’è vero che quella che Pitagora chiamava "la musica delle sfere" altro non è che una mera questione di proporzioni ritmiche. Possiamo dunque dire che ritmo e suono sono soltanto frequenze diverse della stessa energia vibratoria, e proprio per questo il ritmo è una chiave essenziale per ritrovare il centro di noi stessi".

 

"Centro", termine un po’ vago e misterioso. Lo può specificare meglio?

"Naturalmente. A seconda delle credenze e delle tradizioni, il "centro" può essere individuato all’interno di noi stessi: infatti alcuni lo identificano con il plesso solare, altri con l’osso sacro, altri ancora con il cuore. Oppure all’esterno, in qualcosa che poi noi cerchiamo di rendere oggettivo attraverso raffigurazioni di divinità create a nostra immagine e somiglianza. Nel mio caso, il "centro" è quella sorta di energia primordiale che struttura le cose, e che ci consente di vibrare in perfetta sintonia con la natura circostante. E gli strumenti a percussione sono il tramite ideale per raggiungere questo obiettivo".

 

Sta parlando del tamburo, per caso?

"Certo. Fin dai tempi più remoti il tamburo è il "veicolo" più adatto per raggiungere gli stati alterati di coscienza necessari alle pratiche di guarigione. In termini scientifici, questo modo di percuotere il tamburo si chiama "theta drumming", perché ha una connessione diretta con le onde "theta" del cervello: quelle che si producono in un campo intermedio fra il sonno e la veglia, caratterizzate da una frequenza fra i 4 e gli 8 hertz. Bene. Alcune recentissime ricerche - per esempio quelle di Mo Moxfield della Mind Center Corporation di Palo Alto, California - hanno dimostrato che percuotendo il tamburo in maniera monotona e ossessiva, a un ritmo di circa 270 battute al minuto, dopo pochissimo tempo il cervello viene stimolato a una sovraproduzione di onde theta. E questo induce nel paziente uno stato immediato di benessere e rilassamento".

 

In altre parole, si utilizza un’antica tecnica sciamanica per sconfiggere lo stress e le nevrosi della società contemporanea...

"Già. Per paradossale che possa sembrare, la "ricetta" è proprio questa: ritornare alla semplicità della natura, all’essenzialità delle cose, proprio come ho fatto io, una ventina d’anni fa, al termine delle mie esperienze jazz-rock. Riprendere contatto con il mio corpo, con i suoni prodotti con i piedi, le mani e la voce, tralasciando completamente le sonorità elettriche e sintetiche che ora sono tanto di moda, è stato, per me, un esercizio di guarigione di fondamentale importanza".

 

Proviamo a farlo insieme?

"Come no. Già il fatto di passeggiare in mezzo alla natura, magari lungo un sentiero che costeggia un fiume, è, di per sè, una piccola esperienza ritmica. I passi scandiscono una pulsazione binaria che è alla base di tanti ritmi moderni, per esempio il samba, e che può essere opportunamente sottolineata con l’uso della voce. Accompagnando regolarmente i singoli passi con le sillabe sanscrite "ta" e "ki"".

 

E’ così indispensabile, il sanscrito?

"Indispensabile no, utilissimo sì. Infatti, è assolutamente ovvio che per marcare il tempo potremmo utilizzare un qualunque nonsense: per esempio, nel caso di un ritmo quaternario, le quattro sillabe della parola "marmellata". Ma le "sillabe seminali" che utilizzo abitualmente - "ta-ki" per i due tempi, "ta-ki-te" per i tre, "ta-ka-di-mi" per i quattro, e così via - possiedono alcuni vantaggi indiscutibili. Innanzi tutto, hanno un "plusvalore armonico" capace di stimolare la nostra sensibilità fino ai livelli più profondi e sottili del nostro corpo. Poi, non avendo apparentemente alcun significato, distolgono la mente dal suo ronzìo ininterrotto. Dulcis in fundo, sono fonemi strutturati utilizzati dall’umanità fin dalla notte dei tempi: quindi, contengono in sè tutto il potere di riequilibrio energetico tipico dei "mantra"".

 

Elementare, Herr Haas. E funziona?

"Altro che se funziona. Lei non ha neppure idea di quante persone afflitte da stress e nevrosi preferiscano ormai utilizzare la terapia del suono in luogo della solita psicanalisi...".

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble