My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

L’appuntamento è per  le 11,30 di un qualunque giorno dei primi di luglio, nella hall del Grand Hotel Excelsior di Montreux.  E Ryuichi Sakamoto  vi giunge  nel modo  a lui da  sempre congeniale: silenzioso  come un’apparizione celestiale,

quasi camminando su una nuvoletta, un sorriso appena percettibile sulle labbra e un lampo vivacissimo in fondo agli occhi, ben mascherati da un paio di occhialoni da vista grandi e spessi. I capelli a caschetto sono ormai completamente grigi, la mise come sempre nera, la stretta di mano franca e amichevole: straordinariamente contrastante rispetto al tono della voce, che esce dalla gola come un sussurro fioco e circospetto, e non si capisce se sia per l’innata timidezza o per la proverbiale riservatezza che contraddistingue, in genere, l’intero popolo giapponese. Sta di fatto che anche alzando la massimo il volume del registratore quel che rimane impresso su nastro è poco più che un lamento, e quindi bisogna integrare l’audio con il taccuino e la scrittura a mano, e tutti e due con la decrittazione di ciò che appare fuggevolmente sulle sue labbra. Che si muovono al ritmo di un inglese molto fluente e charmant, quasi del tutto privo di quelle taglienti durezze che tradizionalmente caratterizzano il "nippon english", e di gran lunga privilegiano le risposte secche, quasi scheletriche, all’eloquio torrenziale così caratteristico di tanti suoi colleghi. Premesso questo, si può anche cominciare...

L'intervista

Mister Sakamoto, per strano che possa sembrare questo è il suo debutto assoluto al Montreux Jazz Festival...

"E’ vero, e per me è un grande piacere e un immenso onore essere qui. Tant’è vero che per questa mia "prima volta", oltre ai miei abituali compagni di trio - la violinista inglese Sonia Slany e il violoncellista brasiliano Jaques Morelenbaum - ho invitato anche una straordinaria cantante mongola: Sharyn Chimedtseye".

Un nome praticamente sconosciuto in Occidente...

"Già, e invece lei è un vero e proprio incanto. E’ nata nel 1956 a Ohrubayan, nella provincia mongola di Suhbaatan, e ha studiato canto - il tradizionale "urtyn duu", che si può all’incirca tradurre come "forma lunga" - al Conservatorio di Ulaan Baatar. La prima volta che l’ho sentita - l’anno scorso, in Corea - ho pensato: "Mio Dio, ma com’è possibile cantare così divinamente bene?!?". Poi non ho pensato più a niente: sono rimasto ad ascoltarla a bocca aperta. E sono convinto che la stessa cosa faranno anche quelli che andranno a sentirla la sera di domenica 9 luglio, alla Miles Davis Hall..." (confermiamo in pieno, è andata proprio così: n.d.r.).

E comunque lei, per questa sua prima assoluta, ha preparato un concerto molto vario e molto mosso. Infatti, dopo Sharyn, si esibirà da solo nelle vesti di disc-jockey...

"E’ vero: avrò due giradischi, due lettori di cidì, un lettore Dat, un microfono, un sacco di armamentari elettronici. A volte mi piace lavorare in questo modo, perché con la musica elettronica si ha il controllo totale del risultato finale. Però è anche giusto non eccedere in esperimenti di questi tipo: finiscono per diventare stucchevoli...".

E infatti, subito dopo, lei introdurrà il suo trio abituale...

"Già, mi piace molto la forma del trio. Ho cominciato a sperimentarla circa tre anni fa, e trovo che il "piano trio" sia la forma minima in grado di esprimere al meglio l’essenza della mia musica: che per altro rende bene anche con formazioni molto più vaste, o almeno credo... Ma il trio, insomma... è la quintessenza stessa delle mie partiture: soprattutto le ultime, quelle contenute in "BTTB" (un acronimo che sta per Back To The Basic: n.d.r.). E poi Jaques Morelenbaum è un musicista assolutamente fantastico, non a caso è l’arrangiatore di tutti gli ultimi lavori di Caetano Veloso. E Sonia Slany - che ho conosciuto qualche anno fa, a Londra, quando ho partecipato al "Meltdown Festival" diretto da Laurie Anderson - è una violinista davvero eclettica. Ha una formazione solidamente "classica", tant’è vero che l’ensemble in cui opera abitualmente è il Solid String Quartet, ma il suo modo di suonare è tutt’altro che "classico": è un po’ minimalista, un po’ punk e un po’ rock. Insomma, l’ideale per me".

Ma lei è qui anche per presentare alcuni temi tratti dalla colonna sonora di "Gohatto", l’ultimo film di Nagisa Oshima.

"Certo: il suo primo film dopo quindici anni di "black out" totale, dai tempi di "Max mon amour"... E’ stato bello tornare a lavorare con lui, dopo l’esparienza di tantissimi anni fa con "Merry Christmas, Mr. Lawrence". Infatti Oshima è un regista che non dà mai direttive, lascia sempre una totale libertà d’azione.E’ una qualità più unica che rara nel mondo della cinematografia contemporanea, che io ho utilizzato per ideare una colonna sonora a metà strada fra l’ambient e il melodico.In altre parole, ho cercato di architettare una mediazione fra l’ambient totale di "Love is the devil" e le melodie ondivaghe di "Beauty". Spero di esserci riuscito".

Ha appena citato "Beauty": vale a dire, a detta di molti, il suo lavoro più bello da quindic’anni a questa parte. Prevede un seguito di questo splendido disco?

"Perché no? Ho molte idee che mi frullano per la testa di questi tempi - mi pare di essere un cacciatore che attende pazientemente l’arrivo della preda - e una di queste potrebbe benissimo essere un qualcosa di molto vicino a "Beauty"...Tant’è vero che sto incontrando un sacco di musicisti africani, indiani e coreani, con cui creare quelle "fusioni" fra Oriente e Occidente, e fra Ancestrale e Futuribile, che mi appassionano tanto. Un’altra "preda" potrebbe invece essere una modernizzazione dell’antica musica bizantina, che già avevo ascoltato quando ero studente e mi aveva affascinato moltissimo. L’avevo come gettata nel dimenticatoio, ma qualche tempo fa, riascoltandola per caso, mi ha riconquistato completamente. Perché ci sono, lì dentro, due radici fondamentali della cultura europea, Roma e Bisanzio: con un pochino d’Arabia a fare da spezia...".

Altri progetti cinematografici?

"Forse uno con Bernardo Bertolucci, con cui ho già collaborato in passato per "L’ultimo imperatore" e "Piccolo Buddha". Ma il soggetto per il momento è "top secret", e la discussione al riguardo ancora totalmente aperta. Se son rose..."

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble