My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Marianne Faithfull
"Kissin' Time" il concerto

Milano. "Sono una musa, non una signora nè una puttana". Così, con la sua proverbiale schiettezza, canta Marianne Faithfull nel suo ultimo album "Kissin' Time", appena pubblicato dalla Virgin. E il riferimento, di sicuro, riguarda i tempi in cui, giovane

fidanzatina di Mick Jagger, tutti i giornali britannici si dilettavano a contrapporre il suo meraviglioso visino angelico a un comportamento alquanto libertino (narra infatti la leggenda che Marianne avesse scelto Mick perché, di tutti gli Stones, era di gran lunga il più efficiente fra le lenzuola...). Altri tempi. Ora, a quasi quarant'anni di distanza da quei gossip e dalla prima canzone portata al trionfo - "As Tears Go By", scritta appositamente per lei dalla premiata ditta Jagger-Richards - Marianne ha deciso di risolvere definitivamente quella facile dicotomia rivendicando per sè il titolo onirifico di musa. Una Musa dalla voce arrochita dalle mille sigarette e da una vita sempre in bilico fra ascesi e perdizione. Una Musa umbratile, poliedrica e versatile, capace di affrontare il canzoniere espressionista di Weill e Brecht (di cui, fra l'altro, è probabilmente l'interprete più fascinosa e sofisticata) e, in parallelo, un repertorio pop (pop???) totalmente svincolato da qualsiasi banalità teenageriale: come ben dimostrano sia il già citato "Kissin' Time" - realizzato in collaborazione con artisti come Beck, Dave Stewart, Billy Corgan (ex Smashing Pumpkins), Jarvis Cocker (Pulp) e Damon Albarn (Blur) - sia i suoi lavori precedenti, primi fra tutti i sensazionali "Broken English" (1979) e "Vagabond Ways" (1994).
Quando appare sul palco del Manzoni come al solito strapieno in ogni ordine di posti, alle 9 precise di lunedì 28 ottobre, la Musa, più che da musa, è vestita come l'impeccabile donna in carriera di tanti spot pubblicitari. Vale a dire con un tailleur-pantalone nero come la pece, camicia bianca a giro collo, un paio di tacchi assassini alle estremità ben piantate sul palco. Poco male, anche questo "armanismo" fa parte dell'attuale tranche di carriera. E a vederla così da lontano, con quei capelli corti e biondissimi e il sorriso smagliante che scopre i denti candidi, non si nota per niente il volto devastato dalla fatica di vivere. In compenso si avverte la voce, così roca e smagliata, attraversata di quando in quando da un curioso "birignao" à la Bob Dylan (a proposito, chissà che in futuro non si decida finalmente ad affrontare anche classici dylaniani come "Desolation Row", "Tangled up in Blue" e "Like a Rolling Stone": quella "sua" voce li trasformerebbe in capolavori degni di quelli del Maestro...). E soprattutto si intuisce che ora, a 56 anni quasi compiuti (li farà il prossimo 29 dicembre), l'affascinante figlia di un gentleman inglese e di una baronessa austriaca, nipote di von Sacher-Masoch (e questo spiega ad abundantiam certe sue perversioni passate), pare aver definitivamente imboccato la "sunny side of her street", il lato solare del suo cammino di vita e di carriera. Infatti il quartetto che l'accompagna - il tastierista Andy May, il chitarrista Brian McFie, il bassista Garry John Kane, tutti e tre scozzesi di Glasgow, e il batterista Johnny Boyle, di Dublino - è pregno di un rockismo a dir poco esasperato: proprio come gli arrangiamenti delle canzoni, tutti curati da Andy May. E questo si spiega, forse, con il fatto che la Musa ora trascorre la sua esistenza con un uomo alquanto più giovane di lei, e a tanti colleghi giovanissimi (quelli già citati in precedenza) ha chiesto di condividere le fatiche e le gioie del suo ultimo lavoro.
Insomma, rispetto alla Faithfull che avevamo ammirato svariati anni fa ai Magazzini Generali (solo lei con un pianista al seguito, intenti a rifare straordinariamente bene il canzoniere di Weill-Brecht) questa è una Musa completamente diversa. Intrattiene il pubblico con la sua voce fumosa, lancia nell'aria anelli di fumo dell'ennesima sigaretta e fulminanti motti di spirito, ricorda episodi di un passato lontano: come l'incontro in aereo con Nico, la femme fatale dei Velvet Underground, alla quale ha appena dedicato una splendida canzone, "Song for Nico". E, soprattutto, danza attorno al microfono con una grazia e un'eleganza del tutto sconosciute alle nuove stelline del pop, Christina Aguilera e Britney Spears, Amanda Latona e le due Tatu di Russia. Segno che la classe non è acqua (e non è nemmeno birra, come disse a suo tempo, con impagabile sense of humour, l'ineffabile Paul Gascoigne). Segno che il meglio del rock è fatto, ancor oggi, da tanti dei suoi Padri Fondatori: non tanto gli Stones, che continuano ad autocelebrarsi con un patetismo degno di Dorian Gray, quanto Bob Dylan e Van Morrison, Neil Young e Lou Reed. E, perché no, Tom Waits.
Proprio di Tom Waits è infatti il magnifico bis - "Strange Weather" - che la Musa, completamente commossa, dedica a "questo pubblico davvero meraviglioso". Ma prima, in ordine sparso, per un'ora e mezza tiratissima di concerto, c'erano state le canzoni nuove nuove: "Wherever I Go" e "I'm on Fire", "Song for Nico" e "Kissin' Tilme", "Like Being Born" e "Sliding Through Life on Charm". E nel mezzo, buttate lì con soave nonchalance, alcune preziosissime perle del passato recente e remoto, prime fra tutte "Why Did You Do It?", "Broken English" e l'indimenticabile "Working Class Hero" di John Lennon. Proprio in questi casi, così colmi di pathos e di corposità espressionistica, lo show raggiunge il suo climax. Un po' per la natura intrinseca di quei capolavori, e un po' perché qui, finalmente, il rockismo indomito dei quattro musici al seguito, e massime del batterista Boyle, allenta finalmente la presa: per lasciare che la voce tormentata della Musa si elevi, libera e irraggiungibile, fino al Settimo Cielo. E per il resto sono sorrisi e ringraziamenti, fischi di giubilo e urla di tripudio. E un enorme mazzo di rose rosse, che il compitissimo valletto del teatro adagia fra le braccia della commossa Marianne.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble