My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

João Gilberto
Il concerto del 2 novembre 2000

Milano. Mentre all'Alcatraz di via Valtellina Melanie C, la Sporty Spice delle Spice Girls, lanciava al cielo i suoi urletti di gioia sulle note di "Forever" (Gesù, ma quanto è ingrassata la ragazza, a dispetto delle sue

sbandieratissime propensioni ginniche!), a un paio di chilometri di distanza in linea d'aria, nello splendido teatro Strehler di largo Greppi, si celebrava l'elegia del silenzio. Oppure anche, se preferite, il primato del sussurro, l'apoteosi del soffio rivitalizzante, l'esaltazione della carezza sonora bisbigliata in punta di lingua. Il tutto grazie a quel Genio della canzone che è João Gilberto: ovvero il Padre Nobile della bossa-nova, lo chansonnier capace di materializzarsi a sorpresa (di rado, oh, quanto di rado...) come un miraggio tropicale, il Benedetti Michelangeli della chitarra - anzi, del "violão" - abile com'è a ottenere, soltanto con la sua presenza e il suo ineguagliabile carisma, il più catacombale dei silenzi mentre si esibisce. Di modo che il suo soffio vitale - già straordinariamente tenue ai tempi del suo esordio, verso la fine dei Cinquanta, e oggi ancor più trattenuto e rarefatto - è una sorta di "nota dell'anima", distinguibile soltanto aguzzando per bene incudine, martello e organo del Corti. E proprio questo, ovviamente, lo rende così fascinoso e inimitabile: come facilmente si evince dall'ascolto del suo ultimissimo album, "Voz e violão".
Ma c'è dell'altro, ovviamente. C'è, attualissimo ancor oggi, il pensiero espresso da Antonio Carlos Jobim, il compositore più grande che la bossa-nova abbia mai avuto, alcuni anni dopo aver ascoltato João la prima volta, nel 1958: "C'erano moltissimi ragazzi profondamente coinvolti nel tentativo di "depurare" la musica brasiliana dai suoi eccessi percussionistici, ma João Gilberto apparve subito come una luce, come una stella rilucente nel firmamento del nostro paese. Egli divenne subito un termine di paragone assoluto, perché era l'unico capace di condurre la sua chitarra lungo una via e il suo canto lungo un'altra via totalmente difforme, e questo apparente paradosso creava una "terza dimensione" straordinariamente originale e profonda. Sì, non c'è alcun dubbio: il ragazzo che ha portato la bossa-nova in giro per il mondo è stato proprio João Gilberto".
Ritornavano in mente queste parole profetiche del grande Jobim la sera di giovedì 2 novembre, ascoltando quel lievissimo sussurro che proveniva dal palco dello Strehler, appena illuminato da un paio di "occhi di bue" tenuti volutamente al minimo, quasi a voler assecondare l'impalpabilità della materia sonora. E allora lo sguardo correva verso quell'omino quasi settantenne (la data di nascita iscritta all'anagrafe è 10 giugno 1931, località Juazeiro, stato di Bahia), ripiegato e spesso quasi afflosciato sul suo inseparabile "violão", vezzeggiato e accarezzato come un'amante fedelissima e generosa. E l'orecchio ascoltava rapito le canzoni che galleggiavano nell'aria come delicatissime bolle di sapone, sempre le stesse da quarant'anni in qua, eppure sempre così nuove, fresche, commoventi, struggenti. E la mente soppesava con enorme ammirazione, e a volte quasi con sgomento, la pulsione alla perfezione assoluta che risuonava in quelle note celestiali: la stessa pulsione che - narra la leggenda - ha imposto a João di provare per ben sette anni (!!!) una delle canzoni più celebri di Bruno Martino, "Estate", prima di eseguirla in concerto e inciderla su disco. Cose da non credere, in un'epoca in cui sempre più vale la legge del "buona la prima!" (vero, Mina?).
E così, come in un'apparizione onirica, il Maestro Venerabile cominciava a intessere il suo dialogo subliminale con i tanti (più di cinquecento) aficionados presenti. Dapprima con "Samba de una nota só", classicissimo "incipit" dei suoi concerti, poi con "Rosa Morena" (dove stai andando, Rosa, con quel fiore fra i capelli e quell'andatura orgogliosa? vieni qui a danzare con noi, perché tutti quanti stiamo aspettando proprio te...) e "Corcovado", e poi ancora con "Doralice" (te l'avevo detto quanto è stupido innamorarsi... ti ho incontrata in un giorno meraviglioso, e mi son sentito come trascinare via...), "Eclipse" (una delle poche canzoni nuovissime, di Caetano Veloso), l'allegrissima "O pato" (l'anatra, l'alzavola, l'oca e il cigno svolazzano tutti insieme verso la laguna, per cantare un gioioso samba...). E poi arrivava il momento di "Estate" (dove, come sempre, le vocali quasi scomparivano, per dar modo alle consonanti di trasformarsi in altrettanti elementi di ritmo), "Manha de carnaval" (che mattino meraviglioso, una nuova canzone della vita mi sta raccontando dei tuoi occhi, del tuo sorriso e delle tue mani: ci sarà un giorno in cui arriverai a me come il suo della mia chitarra...), "Vivo sonhando" e "A primeira vez" (la prima volta che ti ho incontrato, ho sognato di essere felice con te... ma quando te ne sei andata, la mia chitarra si è ammutolita e la mia voce è morta dentro di me...).
Più di due ore, incredibile a dirsi, durava questa meraviglia a occhi aperti. Poi arrivava il momento canonico dei "bis", e qui l'imprevedibile si sommava all'incredibile già presente. Perché il Maestro Venerabile, dopo aver completato una versione da leggenda dell'immancabile "Desafinado", cominciava a sorridere (!), a chiacchierare con il pubblico (!!), perfino a "improvvisare" (!!!) un'antica canzone del grande compositore messicano Agostin Lara: "mi piacerebbe proprio farvela ascoltare, perché è una canzone davvero bellissima: ma - sarà l'età - non riesco a ricordare nè le parole nè la melodia...", diceva il Venerabile, mentre tentava di rintracciare sulle corde del suo "violão" gli accordi di quella canzone sconosciuta a tutti. Roba da non credere, per uno che ci ha messo sette anni prima di convincersi a rifare "Estate"!

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble