My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Rokia Traoré
L'intervista e il Concerto

 

Milano. Fino a pochissimi giorni fa, almeno in Italia, la conoscevano soltanto pochi fortunati: i giornalisti che ogni mese compilano le charts di "World Music Europe", i giurati che nel 1997 le avevano assegnato

all'unanimità il premio "African Discovery" quale rivelazione più entusiasmante del Music Festival di Angouléne, i parenti stretti e gli amici intimi delle due categorie appena ricordate. Ma ora, dopo le interviste concesse nei giorni scorsi, e, soprattutto, dopo i due entusiasmanti concerti tenuti al Café Procope di Torino martedì 3 aprile e al Teatro delle Erbe di Milano la sera di giovedì 5, Rokia Traoré rischia di diventare una delle star più richieste dei festival estivi prossimi venturi. Perché questa giovanissima (25 anni appena) strepitosa chanteuse del Mali non ha soltanto una voce da favola, di quelle che si incontrano una volta ogni dieci anni, ma può vantare una presenza scenica di debordante vitalità, di travolgente energia comunicativa: e questo non potrà non aprirle un'infinità di porte, nei cartelloni delle rassegne più aperte alle nuove tendenze. Ma andiamo con ordine, che è meglio.

 

L'Intervista

 

Signora Traoré, lei finora ha realizzato due dischi, entrambi per la francese Label Bleu: "Mouneïssa" e "Wanita". Nel secondo fa la sua apparizione anche Toumani Diabate, uno dei più grandi virtuosi di "kora" del mondo. Come è nata la vostra collaborazione?

 

"In modo molto semplice. Toumani ed io lavoriamo spesso insieme nel centro culturale di Bamako, la capitale del Mali, e quindi abbiamo già un notevole affiatamento. Ma questa è soltanto la conseguenza di un'intesa precedente e molto profonda, derivante dal fatto che lui ed io siamo molto simili caratterialmente. Siamo entrambi molto aperti alle novità, alle "musiche del mondo" intese nel senso più vasto e completo: al contrario di tanti nostri connazionali che sono ancora legati alle tradizioni in maniera un po' nostalgica e univoca. E proprio questo spirito di apertura mi ha portato a far convivere nella mia musica il "balafon", lo strumento caratteristico del Bélédougou, la regione da cui provengo, e il "ngoni", quella sorta di "chitarra indigena" prediletta dai "griots" Bambara. A voi un accostamento del genere potrà sembrare irrilevante, ma vi assicuro che per il mio paese è stata una sorta di... rivoluzione!".

Sempre a proposito di spirito di apertura, dicono che lei sia molto appassionata di jazz...

 

"E' vero, e tutto il merito è di mio padre, che fin da piccolissima mi ha fatto ascoltare un po' di tutto. Ovviamente anche il jazz, soprattutto Weather Report e Joe Zawinul, che ancor oggi è il mio jazzista preferito. E non escludo che proprio da qui, oltre alla fortuna di aver viaggiato molto all'estero, derivi quel mix di suoni e modi di intonare la voce che oggi costituisce la mia "cifra stilistica" caratteristica...".

 

Nel suo stile c'è anche un modo molto dolce, ma al tempo stesso straordinariamente forte, di comporre i testi. Ha una fonte di ispirazione privilegiata?

 

"Sì: la vita, l'esistenza quotidiana. E' da lì che deriva tutto quanto, e da questo punto di vista credo di potermi considerare a pieno titolo una "griot": anche se tutt'altro che convenzionale, per i motivi ricordati prima. E anche per il fatto che molti dei miei testi sono esplicitamente dedicati alle donne, che dal mio punto di vista sono il vero motore del futuro progresso dell'Africa: anche se, per il momento, non sono ancora molto preparate - per tradizione, educazione e cultura - a fare delle scelte: meglio, a prendersi la responsabilità di fare delle scelte. Ma sono del tutto convinta che questo momento arriverà presto, molto presto".

 

Una "griot" non convenzionale come lei come vede i "griot" ancora saldamente legati alla tradizione mandinga?

 

Con enorme rispetto, perché è assolutamente giusto preservare questa tradizione antichissima, nata quando la cultura e l'informazione si potevano diffondere soltanto in maniera orale, con il canto e la comunicazione diretta. Ora, ovviamente, questo "medium" così poetico e intimo è stato in larga parte soppiantato dai nuovi mezzi di comunicazione: la televisione, i giornali, il cinema. Ma bisogna fare ogni sforzo per preservare la nostra tradizione, anche se ormai tende a diventare minoritaria. Bisogna farlo per un senso di giustizia, di democrazia e di civiltà. Bisogna impedire, ad ogni costo, la scomparsa dei "griot": anche se molti li ritengono ormai anacronistici".

 

Anche lei, Rokia, proviene da una famiglia di "griot"?

 

Non proprio. I Diabate e i Sissoko - grandissimi musicisti del Mali ormai ben conosciuti in ogni angolo del mondo - discendono, tutti, da famiglie "griot". Io no, io provengo da una famiglia di diplomatici e, tornando indietro nel tempo, da un'antichissima famiglia di guerrieri dell'impero Mandè, che poi si è dispersa in vari paesi dell'Africa occidentale - Burkina Faso e Senegal, soprattutto - cambiando anche cognome. Da questi orgogliosissimi guerrieri, probabilmente, ho tratto la mia forza e la mia straordinaria volontà: quella che mi ha permesso di arrivare fin dove sono arrivata. Perché la volontà, quando è ben temprata, ha il potere di farci conquistare cose impensabili!".

 

Il Concerto

 

Breve, un'ora e mezza soltanto, ma intensissimo, vibrante, impregnato fino al midollo di una straordinaria energia vitale. Quella che fa letteralmente sobbalzare dalle sedie i trecento valorosi che hanno stipato all'inverosimile il minuscolo Teatro delle Erbe. Quella che conduce Rokia - elegantissima nel suo bianchissimo abito tradizionale - e i suoi sei meravigliosi compagni di viaggio - due suonatori di "ngoni" e "djembè", uno di "balafon", uno di una bizzarra percussione ricavata da una mezza zucca, di cui ci sfugge il nome, e due scatenate coriste - a fare una selezione sceltissima delle canzoni che compongono "Mouneïssa" e "Wanita", privilegiando quelle più solari, danzabili, cantabili in coro. E mettendo drasticamente da parte quelle più malinconiche, problematiche, introspettiva. Perché è festa grande a Milano, la sera di giovedì 5 aprile, e la "saudade" non è ammessa. Meglio così.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble