My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Jovanotti
"Autobiografia di
una festa"

Milano. E’ proprio vero che per un rappatore la parola è tutto, e anche qualcosa di più. A maggior ragione se questa stessa parola deve circuire non soltanto un prodotto, ma addirittura due. E se questi due prodotti sono

attesi da tempo immemorabile, e riguardano novità assolute, e sono stati tanto accuditi, vezzeggiati e coccolati da far dire al loro creatore: "sono davvero felicissimo, perché posso affermare, senza false modestie, di aver portato a compimento un lavoro eccezionale!". Applausi scroscianti in sala e sorriso stellare sulle labbra del protagonista, mentre il di lui cane - di nome Pinocchio - zampetta giocoso sul palco del Teatro dell’Arte, e la di lui figlia - Teresa - abbozza un accenno di pianto fra le braccia di mamma Francesca, e la di lui band - Saturnino in primis - osserva l’intera scena con una gioia e una rilassatezza che hanno davvero pochi parametri di paragone nel panorama musicale di casa.

  Già l’avrete abbondantemente capito: è di Lorenzo Cherubini che stiamo parlando. E cioè di Jovanotti, che nella tarda mattinata di mercoledì 18 ottobre, appollaiato su un buffo sgabello a forma di gnomo rosso e verde davanti a una platea gremita fino all’inverosimile - "uhé, ragazzi, da quando abito in un piccolo paese dell’Umbria non sono più abituato a trovarmi davanti così tanta gente: sono emozionato..." - ha parlato a raffica per un’ora e mezza abbondante. Per presentare il suo primo album "live" ("Autobiografia di una festa", Mercury) e il suo web-site nuovo di zecca (www.soleluna.com). E, soprattutto, per travolgere cronisti e fans lì convenuti con un fuoco di fila scintillantemente pirotecnico di pensieri, battute, gag e commenti salaci. Dimostrando così di aver edificato attorno al nucleo forte del suo postulato originario - penso positivo - una "Weltanschauung" di tutto rispetto, da far invidia a intere orde di meditabondi filosofi contemporanei. "Weltanschauung" che ora - impresa alquanto ardua - cercheremo di riassumere per sommi capi.

Il disco, innanzi tutto.

"Non mi sono mai piaciuti i "live", perché in genere rappresentano un piccolo trucco per riempire il vuoto fra un disco e l’altro. Li concepisco soltanto quando contengono vibrazioni eccellenti, e un’energia identica a quella che ho potuto godere nel corso del concerto. E’ quanto succede in questa "Autobiografia", e devo dire in tutta onestà che mi sarei davvero rifiutato di produrla, se non ci avessi trovato dentro, intatta e vibrante, quell’atmosfera di festa così tipica dei miei concerti. Per farla breve, sono due ore e quaranta di musica - per trenta canzoni: 29 già conosciute e una inedita, "File not found" - che ancor oggi mi danno una carica eccezionale! E poi, lì dentro, c’è davvero di tutto: una parte grafica che è un vero e proprio racconto; un libretto di 48 pagine bello profumato, perché il mio ultimo tour era pregno di un sacco di profumi meravigliosi; una tessera contenente un bonus di 50 "sacchi" spendibili nel mio sito Internet. E se qualcuno - prevengo la domanda - mi chiede che cosa sono i "sacchi", rispondo subito che sono l’unità monetaria vigente dentro "soleluna". Insomma, se nei villaggi turistici la spesa si fa con i gettoni, qui la si fa con i "sacchi". Che valgono circa mezzo euro cadauno (vabbè, diciamo mille lire...) e servono a scaricare canzoni tratte da tutti i miei concerti. Bello, no?".

E’ per questo che indossi un cappellino con la scritta "Napster"?

"E già (ride abbondantemente)! In realtà, questa è solo una piccola provocazione che ho voluto indirizzare ai miei discografici, che sono tutti terrorizzati dalle faccende tipo MP3 e Napster... Ma io da tempo cerco di convincerli che la musica non morirà di certo per queste robe qui: tant’è vero che negli Stati Uniti, lo scorso anno, c’è stato un incremento di vendite di oltre il sei percento, a dispetto di tutto. E dunque il "downloading" spazzerà via dal mercato soltanto i dischi costruiti esclusivamente attorno a un singolo, mentre per gli altri, paradossalmente, sarà addirittura una nuova forma di pubblicità, come insegna il caso di Madonna... E comunque sappiate che io sono favorevole al "downloading", tant’è vero che nel mio sito, a partire dal 23 ottobre, ci saranno tre pezzi inediti da scaricare. E sappiate anche che il "downloading" non sarà di certo la morte dei cantanti: male che vada, gli impedirà soltanto di costruirsi una seconda villa con piscina...".

Sul retro-copertina del disco compare la "Pietà" di Michelangelo. Come mai?

"E’ una storia lunga. La "Pietà" di Michelangelo è da sempre la mia opera d’arte preferita, e mi ricordo che ci rimasi di stucco, da bambino, quando un pazzo la prese a martellate. E allora, adesso che sono grandicello e anche un po’ famoso, ho pensato: rendiamo omaggio alla "Pietà" dedicandole un a canzone per ogni martellata. Però le canzoni sono trenta e le martellate, per fortuna, erano un po’ di meno. Non bastasse, non siamo neanche riusciti a trovare tutte le foto che ritraevano la sequenza dei singoli colpi. Così, a dispetto della nostra buona volontà, alla fin della fiera è rimasta soltanto l’idea originaria. Che però è forte e positiva, non vi pare?".

Il tuo disco è dedicato a una nutritissima schiera di associazioni che difendono i diritti umani, da Greenpeace a Emergency: alla quale hai deciso di devolvere tutte le royalties della canzone "Il mio nome è mai più". Che cosa pensi, invece, del cosidetto "popolo di Seattle"?

"Ne penso assolutamente bene, anche se ritengo che il problema della globalizzazione sia alquanto più vasto e complesso della diffusione dei McDonald’s nel mondo. Sono convinto che la globalizzazione sia la forma moderna di quella che un tempo veniva chiamata colonizzazione, e sono altresì convinto che i diritti che abbiamo noi, cittadini fortunati dei paesi dell’occidente industrializzato, debbano valere per tutti. Però penso anche che le sanzioni non possano essere comminate ai singoli paesi, che già hanno un debito enorme da fronteggiare, ma alle multinazionali. Nel mio modo di vedere, insomma, ci dovrebbe essere una struttura sovranazionale - magari un’emanazione dell’Onu - capace di imporre alle multinazionali il rispetto dei diritti umani in tutti i paesi del mondo. Forse è un’idea infantile, o forse è soltanto utopistica: ma non sono un politico, per fortuna, e mi piace pensare che si possa arrivare a una soluzione di questo tipo qua. In questo senso, in definitiva, sono totalmente d’accordo con il "popolo di Seattle"".

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble