My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Jimmy Scott
holding back the years
recensione - intervista

Jimmy Scott, "holding back the years", Wea Jimmy Scott ha 74 anni, un timbro vocale metallico, inquietante e inconfondibile quanto quello di Billie Holiday, un fisico minutissimo, quasi adolescenziale: a ricordo indelebile di una disfunzione

ormonale piuttosto rara - la sindrome di Kellmann - mai curata a dovere in gioventù.
Jimmy Scott era stato un artista di culto, quasi un Mito, negli anni in cui aveva potuto lavorare nella maniera a lui più congeniale: avanti e indietro per gli States, nelle immense "ballroom" e nelle leggendarie sale da concerto, in compagnia di Lionel Hampton nei Quaranta e di Ray Charles nei Sessanta. Chissà mai perché, Jimmy Scott era poi caduto in disgrazia, dimenticato da tutto e da tutti.E in questa tristissima situazione sarebbe rimasto fino alla fine dei suoi giorni se un paio d'anni fa, per sua buona sorte, non l'avessero riscoperto dapprima Lou Reed e poi, via via, David Byrne e David Lynch: che l'hanno riportato di peso sotto le luci della ribalta. Dove il Gran Vegliardo - perfetto "pendant" a stelle e strisce dei cubani Compay Segundo, Rubén Gonzáles e Ibrahim Ferrer - si trova tuttora perfettamente a suo agio, come abbondantemente dimostra in questo delizioso album: il primo a suo nome da tempo immemorabile. Dove riprende con invidiabile verve, alla testa di un ensemble dall'inconfondibile profumo jazzistico, alcuni "evergreen" del rock di tutti i tempi: "Jealous guy" di John Lennon, "Slave to love" di Bryan Ferry, "Holding back the years" di Mick Hucknall e "Nothing compares 2U" di Prince.

L'intervista

Milano. La "Musica dei Cieli" ritorna in una delle basiliche più belle della città, quella di San Lorenzo Maggiore, e, per l'eccezionalità dell'occasione, la sera di martedì 19 dicembre, mette in mostra uno delle sue attrattive più prelibate: Jimmy Scott da Cleveland, 75 anni compiuti il 17 luglio scorso, un passato gloriosissimo nell'ambito del jazz più sfavillante (Lionel Hampton e Count Basie, tanto per citare un paio di nomi a casaccio) e una voce sublime, che Lou Reed ha paragonato a quella di un angelo: "tanto paradisiaca e pura che ti può spezzare il cuore", parole testuali. E sacrosante.

Già incontrarlo di persona, Jimmy Scott, è un'emozione allo stato puro. E' minuscolo, filiforme, leggero come una piuma. Ha un faccino curioso, che si muove in continuazione per inseguire espressioni ora buffe, ora drammatiche, ora di pura e piacevole sorpresa. I suoi capelli sono impomatati come si usava mezzo secolo fa, fra i "mamberos" di Perez Prado e Tito Puente. La sua voce - angelica - è un enigma assoluto: a volte è squisitamente femminile, a volte efebica, altre volte mette in mostra strane raucedini aliene, quasi provenienti da Saturno (come Sun Ra) o forse, addirittura, da un'altra galassia. E' di una gentilezza squisita, da gentleman d'altri tempi, e di una sincerità quasi imbarazzante, per chi sia da tempo costretto a frequentare le furbizie e le patetiche menzogne dello show business. Dice infatti che la sua infanzia è stata turbata in maniera irreparabile da un rarissimo morbo della crescita, che si sarebbe potuto curare - forse - con una sequela infinita di iniezioni potentissime. Ma lui aveva il terrore degli aghi, dei medici, dei continui ricoveri in clinica; e quindi ha lasciato perdere. Per questo non ha potuto avere figli, che pur gli sarebbero piaciuti tantissimo (e infatti erano dieci fratelli in famiglia, cinque maschi e cinque femmine). Per questo la sua voce è questo incantevole ibrido qua: un piccolo frammento di paradiso che Little Jimmy ha utilizzato per più di cinquant'anni per evocare gli angeli - ma soprattutto i demoni - del jazz e del blues, altrimenti detto "la musica del diavolo".

Ma questa sera, a San Lorenzo, il nostro squisito vegliardo solo la "musica dei cieli" vuole cantare: quei gospel e spiritual che ha imparato in gioventù nella piccola chiesa battista di Cleveland, e che mai è riuscito a mettere su disco perché la gente da lui vuole altre cose. "E io sono ben contento di offrirgliele", dice con un sorriso dai colori dell'arcobaleno, "perché l'unica cosa che inseguo nella vita è la gioia, e so benissimo che la gioia dell'amore mondano è diversa - ma soltanto un pochino - dalla gioia dell'amore divino... Ma io voglio cercare di cantare tutte e due con la medesima passione e la stessa energia, in modo da creare un "unicum" inscindibile: un qualcosa che io definisco "enerjoy", l'energia che si trasforma in gioia, e che non ha ambiti privilegiati da accudire. Perché lo spirito dimora nella materia proprio come la materia nello spirito, e non ha alcun senso separare l'uno dall'altra".

Per enfatizzare al massimo questa verità inconfutabile - che più che alla religione battista Little Jimmy rivendica al "positive thinking", "di cui sono da sempre un fedelissimo seguace" - mister Scott si affida al suo sperimentatissimo trio (Mike Kanan al pianoforte, Hill Greene al contrabbasso, Dawyne Broadnax alla batteria) e a un repertorio di una quindicina di "song", che comprende classici come "Sometimes I feel like a motherless child", "Love lifted me", "Where could I go", "May the Lord bless and keep you", "Yes God is real" e "Whispering hope". E non gli servono i tradizionali cori del gospel, che lui ha pur sperimentato tantissimi anni fa, quando cantava con un paio delle sue sorelle nelle chiesette di Cleveland: gli serve soltanto la sua voce. Quella stessa voce che dopo un lunghissimo periodo di "black out" - dal 1975 fin verso la metà degli anni Ottanta, che lui ha trascorso lontano dalle scene per accudire il suo vecchissimo padre - ora è ridiscesa fra noi, per merito quasi esclusivo del grande Lou Reed: che lo volle accanto a sé ai tempi dell'incisione di "Magic and loss", e Dio gliene renda merito.

Ora quell'incredibile voce lambisce e accarezza la splendida volta cinquecentesca di San Lorenzo, e le sue monumentali colonne, e la piccola cappella dedicata a San Giuseppe, dove riluce un meraviglioso presepe natalizio. E ha davvero l'incanto degli angioletti che svolazzano in cielo, e si evventura su-su-su per poi precipitare giù-giù-giù, e tutti trattengono il fiato al cospetto di simile incanto, e forse si domandano come sia mai possibile che un meraviglioso vecchino come questo qua non sia subissato da offerte e ingaggi stratosferici, e possa incidere dischi solo di quando in quando._Come mai, insomma, non abbia ancora avuto il medesimo trionfo planetario tributato - a piena ragione - ai Grandi Vegliardi di "Buena Vista Social Club". Mistero...

Sta di fatto che Little Jimmy Scott, saggio e pieno di gioia di vivere com'è, non pare minimamente curarsi di questi stucchevoli interrogativi mondani. A lui basta cantare le lodi del Signore con tutto il fiato che ha in gola, e sorridere in continuazione alle genti e ai suoi tre simpatici compagni d'avventura, e inchinarsi con meraviglioso sussiego al termine di ogni canzone gospel, e benedire tutti noi con quelle mani lunghissime e ossute, da patriarca d'altri tempi. Che incantevole lezione di vita, la sua!

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble