My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Joe Jackson
"Night and Day II"

A volte ritornano. A quasi vent’anni di distanza dalla prima apparizione. A volte ritornano e sono anche più emozionanti, toccanti e convincenti di prima. Stiamo ovviamente parlando dei prototipi newyorkesi ritratti dal grande

Joe Jackson in questo suo ultimissimo lavoro, logica prosecuzione e complemento del "Night and day" dato alle stampe nell’ormai lontanissimo 1982. Sulla genesi di questo secondo atto, il cantautore di Burton on Trent, Inghilterra, ci racconta la deliziosa favoletta che segue: "Un angioletto mi bisbigliava in un orecchio, mentre un diavoletto mi sussurrava nell’altro. Ma tutti e due mi dicevano che era arrivato il momento di fare qualcosa che parlasse di New York. "Night and day" era solo a metà su New York, presentava più che altro il punto di vista di un nuovo arrivato, più generale. Invece questo "Night and day II" è completamente su New York, racconta storie precise di personaggi singoli con la città sullo sfondo, dal punto di vista di chi ha vissuto nella Big Apple per anni". Fra i cantori di questi "personaggi singoli", almeno tre meritano gli onori della cronaca. Innanzi tutto la fantastica Marianne Faithfull, che interpreta da par suo "Love got lost". Poi la "chanteuse" persiana Sussan Deyhim, straordinaria interprete di "Why". Last but not least, l’ultimissima scoperta di Mr. Jackson: la "drag queen" Dale DeVere, entusiasmante in "Glamour and pain". E tutto il resto è Joe Jackson allo stato puro: tagliente, sarcastico, deflagrante.

Intervista e recensione del concerto di Milano

Milano. La figura allampanata di Joe Jackson fa la sua comparsa in scena (del teatro Orfeo, stracolmo in ogni ordine di posti, giovedì 25 gennaio) alle 9 precise della sera. Perché lui è abituato alla puntualità, e se sui manifesti c’è scritto che lo spettacolo è alle nove... alle nove in punto deve iniziare. A dispetto di tutti quanti sono abituati al quarto d’ora (o anche alla mezz’ora) di "ritardo accademico", e si affollano davanti alle casse per conquistare i pochissimi biglietti ancora disponibili. Non c’è proprio tempo per aspettarli, dopo un sacco di anni (saranno cinque, o forse anche di più) di lontananza dalle scene italiane, e, soprattutto, dopo aver pubblicato un disco come "Night and day II": prosecuzione logica del volume dato alle stampe nel lontanissimo 1982, e anche questo dedicato ai drammi, alle emozioni, alle isterie e alle paranoie di New York. Vista di giorno ma soprattutto di notte.

A pensarci bene, anche la figura allampanata di mister Jackson ha dentro di sè qualcosa di profondamente newyorkese: scattante, instancabile e nevrile com’è. E, per il resto, pare quasi un burattino senza fili materializzato da un qualche esperto del teatro delle marionette: i fratelli Colla, magari. Infatti si muove di continuo, e i suoi movimenti sono sempre a scatti, e all’estremità delle interminabili gambe indossa calzari che paiono quelli delle sette leghe, e invece, all’estremità opposta, monta una faccia che sembra fatta di gomma, tale e quale a quella sfoggiata agli esordi, una venticinquina d’anni fa, ai tempi del punk più nudo, tagliente e crudo. Solo i capelli sono cambiati, nel senso che ora si sono fatti ancora più radi e completamente bianchi. E solo le gote mostrano evidenti tutti gli acciacchi del tempo che scorre, perché quella morbidissima gomma adesso è solcata da una ragnatela di rughe alquanto profonde, che danno al loro titolare un’espressione ancor più aliena e remota, tipo bambino vecchissimo appena giunto sul pianeta Terra dalla lontana stella Arturo. Ma per il resto... tutto è come prima.

Il ritmo, per esempio. Trascinante, infernale, incandescente. Meravigliosa sintesi fra le percussioni di San Salvador de Bahia e i timbales della salsa & merengue, l’energia sovrumana del punk e le raffinatezze della classica. Che è evocata e costantemente richiamata non soltanto dalla nuova collocazione discografica del nostro Joe (sono ormai quattro gli album pubblicati sotto l’egida della Sony Classical), ma soprattutto dalla presenza, dentro l’orchestra, di strumenti come il violino e il violoncello. Manovrati da due fanciulle di nome Alison (il cognome ci è sfuggito, pardon) e Dorothy Lawson, che magari non saranno avvenenti come quelle sfoggiate a suo tempo dal "tombeur de femmes" Bryan Ferry, ma, in compenso, sono straordinariamente brave. E anche abilissime, pur essendo di nuovissimo ingaggio, a integrarsi con lo straordinario lavoro percussivo della veterana Sue Hadjopoulos e con l’incedere tellurico del basso di Graham Maby, prtner ormai storico di mister Jackson.

E poi, ovviamente, c’è la voce del nostro Joe. Che il trascorrere degli anni non ha per nulla intaccato nella sua rinomata, tagliente precisione, ma ha in compenso arricchito di innumerevoli sfumature, iridescenze, sottigliezze e chiaroscuri. Di modo che, anche quando si avventura a riproporre "song" vecchie di alcuni lustri (per esempio "What you want", "Another world" e "Breaking us in two"), c’è sempre un che di inedito e interessante che svolazza nell’aria. Una sorta di sentimento nuovo, insomma, del tutto identico a quello che gli ha "dettato" la genesi dell’ultimissimo disco. Per dirla con le sue parole originali: "Un angioletto mi bisbigliava in un orecchio, mentre un diavoletto mi sussurrava nell’altro. Ma tutti e due mi dicevano che era arrivato il momento di fare qualcosa che parlasse di New York. "Night and day" era solo a metà su New York, presentava più che altro il punto di vista di un nuovo arrivato, più generale. "Night and day II" è completamente su New York, racconta storie precise di personaggi singoli con la città sullo sfondo, dal punto di vista di chi ha vissuto nella Big Apple per anni. Credo dunque che il secondo capitolo di "Night and day" abbia più humour del primo, e anche più amore per la città, nonostante tutto".

Parole sante. L’amore di cui parla Joe Jackson si è infatti visto e sentito tutto, nel concerto di giovedì sera. Nelle canzoni nuove proposte: "Prelude", "Hell of a town", "Stranger than you", "Glamour and pain", tanto per citarne alcune. E poi nella generosissima offerta - la prima in assoluto, almeno in pubblico, a quel che ci dicono i jacksoniani più rigorosi - di una meravigliosa "song" di un leggendario newyorkese d’adozione: Duke Ellington, omaggiato da Joe (da solo, al pianoforte) con una versione di "Satin doll" a dir poco eccellente. E poi ancora nel modo - molto newyorkese davvero - di rifare uno dei capolavori per antonomasia del David Bowie più straniato e metropolitano, "Heroes": riproposto con un’energia e una sapienza che non avevano proprio nulla da invidiare al modello originale. E peccato soltanto che nella serata milanese non fossero presenti le due Gran Dame ospitate nel disco, Marianne Faithfull e Sussan Deyhim. Ma mister Jackson, da quell’impeccabile interprete che è, le ha sostituite al meglio anche nell canzoni di loro indiscussa proprietà: innervando "Love got lost" e "Why" di una carica drammatica assolutamente esemplare. Brechtiana, oseremmo dire.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble