My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Flashback

Blue Note

Milano. E così, dalla sera di San Giuseppe, mercoledì 19 marzo, anche Milano ha il suo Blue Note. Inteso come jazz club, non certo come una delle “note blu” che da sempre contraddistinguono il blues, il papà alquanto naïf del jazz; e neppure come etichetta discografica, la mitica “label” fondata a New York nel 1939 da Albert Lion, che ha avuto fra i suoi eroi alcuni immortali della musica nero-americana come Sidney Bechet e Bud Powell, Thelonious Monk e Art Blakey, Eric Dolphy, Ornette Coleman e Cecil Taylor. Ma basta con le divagazioni, seppure in tema, e ritorniamo rapidamente al jazz club. Che ha una sede storica negli States, a New York, dove sono state scritte diverse pagine memorabili del jazz contemporaneo, con le performance indimenticabili dei vari Miles Davis, Thelonious Monk, John Coltrane, Duke Ellington, Charles Mingus, Bill Evans e Sun Ra. E ha poi due “succursali” in patria, a Los Angeles e San Francisco, e altre quattro in Giappone: a Tokio, Osaka, Fukuoka e Nagoya. E basta così.Il Blue Note inaugurato a Milano la sera di San Giuseppe, festa di tutti i papà del mondo, è dunque il primo non soltanto in Italia, ma addirittura in Europa. E questo innegabile motivo di vanto va ascritto, quasi totalmente, alla metodica e paziente opera di convincimento di un avvocato napoletano patitissimo di jazz, Paolo Colucci. Che nei suoi lunghi anni di lavoro newyorkese è riuscito a convincere la famiglia Bensusan, proprietaria del club newyorkese, a cedere il prestigiosissimo marchio anche alla sede milanese, vincendo la concorrenza di Londra, Parigi e Berlino. Città infinitamente più cosmopolite di Milano, ovviamente, ma anche infinitamente più esposte alla temibile concorrenza di altri club (per la sola Londra, basterebbe pensare allo storico Ronnie’s Scott Club di Soho). Ed è dunque così che, da mercoledì, il logo del Blue Note fa bella mostra di sè al numero 37 di via Borsieri, in piena “Isola Garibaldi”, sulla facciata Liberty di un’antica teleria, che all’interno è stata completamente sventrata e trasformata in un autentico tempio della musica. Con un effetto molto gradevole, in verità. La platea è ampia e ariosa, capace di 250 posti a sedere; il cibo sufficientemente appetibile (visto che anche qui, come in tutti gli altri Blue Note del mondo, si viene “anche” per mangiare); il palco molto spazioso; le pareti ricoperte con un tessuto di un color blu notte molto complice e tranquillizzante. E ai lati della sala, come è ormai tradizione consolidata di tutti i locali molto “cool”, è stato montato un soppalco che consente una visione privilegiata dell’artista ospite. Artista che mercoledì sera, e fino a lunedì 24 marzo, era Chick Corea con il suo quintetto: il bassista John Benitez, il batterista Jeff Ballard, il sassofonista (e flautista, e clarinettista) Tim Garland, il percussionista egiziano Hossam Ramzy. Mentre per il prossimo futuro sono attesi Branford Marsalis (25 - 27 marzo), Jimmy Scott (28 - 30), Nicola Arigliano (31 marzo), McCoy Tyner con il suo trio (1 - 6 aprile), il quintetto di Paolo Fresu (7 aprile), la grande Abbey Lincoln (10 - 13 aprile). E comunque, visto che anche il jazz è ormai entrato a pieno titolo nell’era del “villaggio globale”, per avere altre informazioni sulla programmazione del Blue Note basterà consultare il sito www.bluenotemilano.com. Oppure sintonizzarsi sulla frequenza di Radio Montecarlo: che una volta alla settimana - complice il famoso dj Nick the NIghtfly, consulente musicale del Blue Note milanese - trasmetterà dal vivo la musica dell’ospite di turno.E veniamo - finalmente! - al concerto d’inaugurazione. Che certo è cascato in una serata non propriamente idilliaca, quella dell’attacco anglo-americano all’Iraq. Ma, contrariamente alle facili previsioni di molti, non una bandiera con i colori dell’arcobaleno è stata affissa alle pareti color blu notte. Non una parola, neppure di circostanza, è stata spesa a proposito di una guerra avversata dalla stragrande maggioranza dell’umanità. E questo forse perché già la musica, di per sè, contiene nel suo intimo un nucleo profondamente pacificato e pacificatore, come saggiamente suggeriva il grande “crooner” cubano Ibrahim Ferrer durante la conferenza-stampa di settimana scorsa. Sta comunque di fatto che, mercoledì sera, l’effetto straniante era al suo climax. Si arrivava al Blue Note con la mente ancora ricolma delle dichiarazioni di mister Bush e, dentro, l’atmosfera ricordava quella del Titanic prima dell’impatto con l’iceberg, con l’orchestrina che suonava (in quel caso i valzer) e le coppie che ballavano strette strette. Qui non era proprio così, la musica era diffusa dalle casse appese al soffitto, e mai i valzer hanno avuto diritto di cittadinanza nell’estetica jazz, a parte la memorabile eccezione di “My Favourite Things” di John Coltrane: non era proprio così... ma quasi. Distinti signori in abito da sera, splendide signore profumate e scollate, tanti vip o presunti tali (Renzo Arbore, Claudia Mori, Paola Turci, Gabriella Golia, Dario Ballantini travestito da Gianni Morandi per le telecamere di “Striscia la notizia”, Jo Squillo...) a sorridere amichevoli fra un tavolo e l’altro. E Chick Corea che iniziava il concerto con uno dei suoi “must” del periodo Return to Forever, “Fiesta”: «per celebrare questa inaugurazione così felice e di buon auspicio per tutti noi». Seguivano poi una “song” dedicata a Hanna, la sua mamma novantunenne (auguri!), un altro paio di brani cantabilissimi tratti dal suo repertorio più antico e felice, una serie sterminata di assoli dei vari strumentisti: in cui brillava di luce propria la fluentissima valentìa improvvisativa di Tim Garland. Buona musica, in definitiva, molto tonica e rilassante al tempo stesso. Capace di oscurare, almeno per una sera, i nuvoloni torbidi che si profilano all’orizzonte.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble