My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Hooverphonic
"JACKIE CANE"
il concerto di Milano

Jackie Cane: chi era costei? La domanda è alquanto ardimentosa, ma stando a quanto scritto nelle note di copertina del disco - proprio dietro all'ossigenatissima vamp di rosso vestita, che ti guarda in tralice dall'alto dei suoi tacchi assassini:

"fuck me heels", come direbbero gli americani - Jackie Cane era una grande pop singer che si è distrutta la vita con le sue stesse mani inseguendo futilissime chimere di gloria, fama e denari. Ok, passiamo dunque alla seconda domanda: Hooverphonic, chi sono costoro? Qui la risposta è molto più semplice, perché trattasi del pop group più famoso del Belgio. Un trio per la precisione, che ha come eminenza grigia il multistrumentista Alex Callier e come immagine-simbolo la chanteuse Geike Arnaert: vale a dire la biondona della copertina, una dark lady dalla voce tenebrosa, enigmatica come un intrigo di Alfred Hitchcock. Proprio su questa voce - che ricorda alla lontana la Margaret Frazer dei Cocteau Twins - fa leva il trio per architettare un "concept album" dalle movenze di un musical, a volte leggiadramente pop e altre volte intriso di cupe atmosfere à la Kurt Weill. Un mélange apparentemente improponibile, per non dire indigesto, e che invece diventa sempre più appetibile canzone dopo canzone, ascolto dopo ascolto.

Il concerto

Milano. Certo che rientrare da un "ritiro" di due settimane in India e imbattersi subito in un concerto degli Hooverphonics... è un po' come tornare dalla mamma e ritrovarci gli stessi dolcetti che ci avevano deliziato in gioventù: fragranti, profumatissimi, appena estratti dal forno. Solo che, in questo caso, la "mamma" in questione è molto, molto particolare: molto giovane (trent'anni o giù di lì), molto sofisticata, molto truccata, molto platinata. Non bellissima, no davvero, ma provvista di un fascino, di uno charme, di una sensualità, squisitamente tenebrosi e intriganti. Paiono tratti di peso da un "noir" degli anni Quaranta, stile Chandler e Hammett, meglio se ambientato nei bassifondi di Los Angeles, attorno a un pianoforte a mezzacoda che ha visto stagioni migliori, in mezzo a coni di luce opalina attraversati da continue volute di fumo azzurrognolo. E poi, non bastasse, ci sono quei "dolcetti": adorabili, appunto. Dolcetti dell'ugola più che del palato, smozzicati a mezza voce con languori da femme fatale, avviluppati attorno a giri di basso che un po' ricordano l'incedere ipnotico dei Roxy Music di "Manifesto, anno di grazia 1979, e un po' gli accordi al cardiopalmo confezionati da Angelo Badalamenti per la serie di "Twin Peaks". Roba che ti afferra alla gola e non ti molla più. Musica soavemente letale, vorremmo azzardare: l'antitesi più radicale ed estrema dei "Tamil Devotional" ascoltati per quindici giorni filati dalle voci delle Tulangalam Sisters dalle parti di Tiruchirapally. Ma questo è un altro discorso.
Il discorso in questione, invece, riguarda la femme fatale di rosso vestita. Che si chiama Geike Arnaert ed è l'immagine-simbolo degli Hooverphonic, la band più famosa del Belgio: formata, oltre che da lei, dal bassista e computerista Alex Callier, la mente riconosciuta del gruppo, e dal chitarrista Raymond Geerts. Tutta gente già attiva da quasi un decennio, ma che soltanto ora, dopo gli esordii hip-hop di "A New Stereophonic Sound Spectacular" e la fusion elettro-acustica di "Blue Wonder Power Milk", sembra aver trovato la definitiva quadratura del cerchio. In parte per una messa a punto del sound sempre più matura e convincente, grazie all'inserimento di una ritmica implacabile e di una sezione fiati davvero scintillante e magmatica, degna di un "jazz combo" coi fiocchi. Ma, ancor di più, per il coraggio, davvero encomiabile, di abbandonare il presente e il futuribile per riguardare con occhio attento il passato lontano, senza però alcuna nostalgia nè sciagurato rimpianto. Un po' come aveva fatto, in pieni anni Ottanta, seppur in modo completamente diverso, Matt Bianco con la sua riscoperta della bossa-nova. 
Qui, invece, l'elemento di attrazione fatale è costituito non tanto da uno stile - la bossa, appunto - quanto da un personaggio in carne e ossa dello star system: Jackie Cane, grande pop-singer che ha visto la sua vita distrutta dalla sfrenata ambizione di successo, fama e gloria. Ed è proprio per Jackie Cane che Geike Arnaert canta, in "The World Is Mine": "Inspira la gioia, inspira il divertimento, per me è arrivato il tempo di salire sul tetto del mondo. Inspira la musica, inspira il calore, la gente è pronta a portarmi sul tetto del mondo". E proprio in Jackie Cane la nostra Geike è pronta a trasformarsi, proprio come ha fatto la grande Tori Amos nei suoi ultimi due album: platinandosi i capelli come Jayne Mansfield, incapsulandosi dentro abiti rossi dalle scollature vertiginose, ciondolandosi su tacchi a spillo alti come guglie del Duomo. "Fuck me heels", tanto per citare la ficcante definizione americana dell'articolo in questione.
Qunado Geike e i suoi sei prodi compaiono sul palco del Propaganda, verso le 10 di sera di giovedì 28 novembre, tutto, sulla scena, richiama alla perfezione gli elementi decorativi dell'ultimo album degli Hooverphonic. Rosso cupo sono i tendaggi, fioche e fumose le luci, spettrali i riverberi generati dai tecnici del mixer, quasi a voler rendere le atmosfere sonore ancor più "weilliane" che su disco. E' un mélange davvero singolare, quello cui assistono non più di trecento spettatori trepidanti e impazienti. Pare quasi il suicidio annunciato di una "pop band", da sempre insofferente a essere inserita in un filone dove sguazzano a loro piacimento tutte le Britney Spears del pianeta. Pare quasi l'annuncio ufficiale di nascita di un nuovo "filone estetico", dove convergono a loro piacimento certe cupezze à la Cocteau Twins, certi espressionismi à la Kurt Weill, perfino certe psichedelie dei primissimi Pink Floyd (senza per altro dimenticare i già ricordati Roxy Music e Angelo Badalamenti). Proprio a questo serve, in definitiva, la voce tenebrosa, enigmatica, della nostra Signora in Rosso: a connettere fra loro fili apparentemente inavvicinabili, a sussumere tutto quanto dentro uno stile unico, fascinoso, riconoscibilissimo. E questo, a pensarci bene, è l'ultimo dono lasciatoci in eredità dalla sventurata Jackie Cane.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble