My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Keith Jarrett
"SELECTED RECORDINGS"

Soltanto una casa prestigiosa e sommamente autorevole come la Ecm di Monaco di Baviera avrebbe potuto concepire un'idea del genere. E cioè chiedere ai suoi artisti più rappresentativi di "autocompilarsi" nella

maniera più idonea (a loro insindacabile parere), e di formalizzare il tutto dentro un cofanetto di due cidì, per una collana giustamente battezzata "Rarum". Il primo a scendere in campo - e non sarebbe potuto essere diversamente, vista la sua più che trentennale militanza con la Ecm - è il grande pianista Keith Jarrett. Che, per l'occasione, ha scelto il meglio della sua musica eseguita in trio (quello ormai leggendario, con Gary Peacock e Jack De Johnette), oppure in quartetto (il Belonging, con Jan Garbarek, Palle Danielsson e Jon Christensen), oppure ancora, ovviamente, in perfetta solitudine (andando per esempio a ripescare un estratto del concerto di Monaco del 1981, mai pubblicato in precedenza su cidì). Come ci spiega lo stesso Jarrett nelle note di presentazione accluse, lo spirito del disco è quello di "dirigere l'ascoltatore verso registrazioni che sono state apprezzate meno di quanto avrebbero meritato, o che sono sfuggite ad attenzioni recenti". Obiettivo centrato in pieno, non c'è che dire.

Certo che uno come Keith Jarrett non poteva che nascere in quel giorno lì, l'8 maggio del 1945: il Victory Day d'America, giornata di festa nazionale, celebrazione solenne della fine della guerra con la Germania. E non poteva non avere le stelle dalla sua, il Sole in Toro e tutti i pianeti maggiori nell'Ariete: come dire la forza, la tenacia, l'irruenza e la costanza elevate alla quinta. Che poi sia nato - primogenito di cinque figli concepiti da Daniel e Irma Jarrett - ad Allentown, Pennsylvania, piuttosto che ad Albuquerque, New Mexico, non ha molta rilevanza. In queste faccende non contano tanto i luoghi, quanto i tempi e le congiunzioni astrali. E questa semplice considerazione, più di tante altre inutili elucubrazioni, ci aiuta forse a dirimere alcune contraddizioni apparenti. 
Per esempio, noi ascoltiamo il suo tocco sublime sui tasti del pianoforte grancoda Steinway (sempre quello, nient'altro che quello), e magari ci immaginiamo un Jarrett soave, etereo, da sempre pacificato con se stesso e con il mondo. E invece lui è pronto a sottolineare quanta sofferenza e quanta fatica, anche fisica, stiano alla base del suo mondo creativo: "Sono andato a New York e ho fatto la fame per cinque mesi, stando seduto a casa con le mani in mano e suonando la batteria". Noi magari diamo retta alle bestialità di un qualche critico, generalmente americano, che cerca di convincerci in tutti i modi possibili quanto Jarrett - e in special modo il suo leggendario "Köln Concert" del 24 gennaio 1975 - sia essenzialmente, intrinsecamente, New Age, e lui di rimando ci fa sapere: "La musica New Age, qualsiasi cosa essa sia, rappresenta l'esatto contrario delle ragioni per cui suono. Non bastasse, dentro di lei non c'è alcuna ferocia". E non importa poi molto sapere che "ferocia", nel lessico di Jarrett, è solo un sinonimo alquanto enfatizzato di "intensità". I termini contano, eccome: possiedono significato, tensione, energia interna. Soprattutto se, per precisare meglio il concetto, alla "ferocia" Jarrett è pronto ad abbinare l'"impossibilità di sottrarsi alla lotta", e a riportare entrambe alla "gioia della creatività". Interessante, non è vero?
Questa sorta di equazione elementare - Ferocia + Lotta = Gioia Creativa - è, da sempre, una costante della sua vita. Lui ci tiene a farci sapere di essere cresciuto in simbiosi con il pianoforte: "Ne ho imparato il linguaggio mentre cominciavo a parlare". E di essere stato un vero e proprio "bambino prodigio", in grado di compore la sua prima partitura a tre anni d'età e di improvvisare dal vivo, due anni dopo, nel famoso programma televisivo "Paul Whiteman Tv Teen Club", condotto dal celebre direttore d'orchestra Paul Whiteman per scovare nuovi talenti in erba in giro per gli States. Ci sono un paio di foto in bianco e nero che lo testimoniano, nella bella biografia scritta dieci anni fa dal jazzista scozzese Ian Carr, il fondatore dei Nucleus, e pubblicata in Italia da Arcana. E c'è, anche, la lettera che Paul Whiteman scrisse di suo pugno a Jarrett senior, contenente le motivazioni del premio - ovviamente il primo - asegnato a suo figlio: "Siamo stati molto lieti di avere Keith nel nostro programma, e pensiamo che sia un bambino eccezionalmente dotato. Tanti auguri per il suo grande futuro".
Parole profetiche, o quasi, che certo si sono indelebilmente impresse nella psiche straordinariamente intuitiva del piccolo Keith, e l'hanno accompagnato per tutto il resto della vita. Per esempio nel modo di intendere l'esistenza quotidiana: "Non puoi mai essere in una posizione sicura. Non raggiungi mai un punto in cui tutto è portato a compimento. Devi scegliere tra l'essere sicuro come un pietra oppure insicuro, ma in grado di scorrere". Oppure in quello di concepire il suo ruolo d'artista: "Credo che un vero artista debba essere innanzi tutto consapevole dell'impossibilità del suo compito, e nonostante questo continuare a svolgerlo". Oppure ancora, a mo' di corollario della considerazione precedente: "Un musicista può credere alle note che escono, oppure può credere ai sentimenti che penetrano nelle note che escono: ma non può credere a entrambe nello stesso momento, perché si tratta di cose totalmente diverse". Oppure ancora, dulcis in fundo, nella maniera alquanto "esoterica" di intendere la comunicazione: "Per me la comunicazione normale è comunicazione mistica. Non essendo possibile descrivere la comunicazione che si instaura efficacemente tra i membri di una band, potremmo definirla come mistica". 
Questi autentici aforismi sono parte integrante della personalità di Jarrett: forse, sono solo la sfaccettatura più evidente dell'enorme tesoro di talenti e sapienza che Madre Natura gli ha così generosamente donato. Oppure, forse, sono il frutto prelibato della sua frequentazione del pensiero di George Ivanovitch Gurdjieff, il maestro spirituale greco-armeno casualmente "scoperto" verso la metà degli anni Settanta, che ora ricorda così: "Non so proprio cosa pensassi prima di quel giorno, ma da quel momento in poi fui progressivamente coinvolto in un processo che mi conduceva a livelli sempre più profondi, da Gurdjieff fino al Sufismo. E poi, da questo alla consapevolezza piena e totale del mio lavoro". Sia quel che sia, non può dunque sorprendere che Jarrett sia oggi diventato quel che è diventato. Il più geniale e venerato dei pianisti jazz - e non solo jazz. Una stella di primissima grandezza, seconda soltanto - forse - ad Arturo Benedetti Michelangeli.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble