My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Carlinhos Brown
Bahia do mundo
vedi anche: "Alfagambetizado"

Milano. Devono adorare gli svincoli autostradali, le manifestazioni di World Music che in questi giorni imperversano ai lembi di Milano. Già abbiamo detto, la scorsa settimana, della "Notte di San Lorenzo", allocata a un tiro di biglia

dalla tangenziale est della città, quella che porta all'autostrada per Brescia e Venezia. Diciamo invece ora di "Latino Americando", il festival di musica latino-americana edificato agli estremi opposti della città: nell'enorme parcheggio del FilaForum di Assago, proprio sotto l'autostrada che corre verso Genova (e anche il G8, almeno per questa settimana). E' un autentico miracolo di immaginazione architettonica e creativa, questo festival ormai giunto, con crescente successo, alla sua undicesima edizione. Perché soltanto una fervidissima fantasia e un'incrollabile fede nelle capacità taumaturgiche della musica avrebbero potuto trasformare una sterminata distesa di asfalto e cemento in un villaggetto così palpitante e colorato, zeppo di botteghe e di bar-discoteche-ristoranti, di prodotti dell'artigianato locale e perfino di mostre di pittura e scultura (per non parlare della fontana simil-azteca che sorge nella piazzetta centrale del borgo...). Ed è un vero peccato che i prodigiosi visionari responsabili del progetto non siano anche riusciti a depistare in luoghi più lontani e meno affollati le sterminate legioni di zanzare-stukas che imperversano anche da queste parti, e paiono proprio un grazioso omaggio della giunta Albertini ai milanesi rimasti in città. L'avessero fatto, meriterebbero un epitaffio elevato a futura memoria.
Ma bando alle ciance, dato che la cronaca di domenica 15 luglio incombe. E riguarda l'arrivo, per la prima volta al festival, di uno dei grandi della nuova musica brasiliana: Carlinhos Brown. Che esce sul palco alle 10 precise de la tarde, mentre alle sue spalle sfrecciano rapidi i tir diretti in riviera, e sulla piazzetta davanti a lui comincia ad affollarsi tutta la colonia brasiliana di Milano: coloratissima, effervescente, scatenata, nuda fino ai limiti dell'immaginabile (e del non punibile a norma di legge). Carlinhos la omaggia con un urlo dei suoi, molto prolungato e molto gutturale, e ostenta il solito look a metà strada fra il divo hollywoodiano e il sacerdote del candomblé: barba nera e dreadlock lunghissimi e selvaggi, sormontati da una sorta di corona alta mezzo metro; occhiali scuri fascianti, modello Apollo 13 in missione verso Marte; palandrana bianca lunga fino ai piedi, e, sotto, un gilerino di lamè argentato da lasciar cadere a terra al momento più opportuno (e il momento arriverà presto, molto presto). E' lo stesso puledro scatenato che avevamo ammirato a Montreux, qualche anno fa. E' il medesimo "cut 'n' mix" di culture diverse, un po' brasiliana e un po' nero-americana, che spesso e volentieri deflagra nel kitsch tanto caro a James Brown e soci (già, perché forse converrà ricordare una volta di più che il nostro Carlinhos si chiama in realtà Antonio Carlos Santos Freitas, e ha deciso svariatissimi anni fa di acquisire il "nom de plume" che l'ha reso famoso in esplicito omaggio a Sua Maestà James Brown, the Sex Machine).
Anche il nostro Carlinhos, quasi inutile sottolinearlo, si sente alquanto Sex Machine. Lo si intuisce da come lascia cadere a terra, uno dopo l'altro, tutti gli ammennicoli del suo costume di scena: pantaloni bianchi esclusi, per fortuna. Lo si vede da come agita il bacino flessuoso (Elvis the Pelvis era nulla, al confronto) e da come arringa la folla: che gli risponde con la devozione che si riserva in esclusiva ai semidei. Lo si sente dal furore selvaggio con cui aggredisce la sua musica, scintillante cocktail di samba brasiliano e soul nero-americano (con l'aggiunta, qua e là, tanto per rendere più appetibile il tutto, di qualche spezia latina, araba e centro-africana). E questo accade soprattutto quando i tamburi diventano il "centro di gravità permanente" dell'intera architettura musicale, e vengono percossi in stato di quasi trance dai ragazzi - bravissimi - addestrati dallo stesso Carlinhos nella sua scuola di San Salvador de Bahia. Sono i tamburi tradizionali del candomblé, il "Rum", il "Rumpi" e il "Lé": consacrati alle divinità di questa misteriosa religione sincretica, metà cattolica e metà pagana. Ma, in aggiunta, c'è anche il "timbau", tamburo più "profano" e "terreno", che Carlinhos ha voluto introdurre nel corpaccione magmatico della sua musica già alcuni anni fa, ai tempi del Trio Elétrico: e che ora è una delle chiavi di volta della Timbalada, la sterminata band di sole percussioni (120 persone in tutto) che allieta le giornate di Candeal Pequeno, la comunità nativa del nostro.
Tutto questo accade la sera di domenica 15 luglio nel parcheggio del FilaForum di Assago, mentre le zanzare-stukas hanno finalmente deciso di concedere a noi poveri mortali qualche ora di sospiratissima tregua. E che importa se l'ultimo album di mister Brown, "Bahia do Mundo" (Virgin), è francamente deludente, zeppo com'è di canzoncine mielose e di violini piagnucolanti? Qua sotto, nel gran rullare di tamburi e nello scalpiccìo dei piedi che mimano il samba più infuocato, tutto questo non si vede, non si sente e soprattutto non si ricorda. Giungono alle orecchie soltanto le parole di pace di "Shalom", sorta di trasposizione in portoghese del "Penso positivo" di Jovanotti: stessa fede, stessa teosofia, stessa bandiera bianca sventolata con enorme fierezza. Si fissano in fondo agli occhi soltanto le centinaia di mani che, a un preciso ordine di Carlinhos, cominciano a levarsi verso il cielo e a vibrare, vibrare, vibrare... Per afferrare le energie dall'alto e trascinarle verso il basso, dice una splendida ragazza di colore al biondino che l'accompagna: che le aveva chiesto se quella fosse una pratica diffusa anche in Brasile da... mago Oronzo. Che sfacciato!

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble