My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Susheela Raman
l'intervista

 

Alle 9 de la tarde di sabato12 luglio, luna piena del Cancro, Susheela Raman fa il suo ingresso nella Miles Davis Hall del Palazzo dei Congressi di Montreux alla testa di una band che più “nu global” di così non si potrebbe. La Grecia è rappresentata dal flautista Mamos

(il cognome è sconosciuto), il Vietnam dal bassista Mao (idem come sopra), la Guinea Bissau dal percussionista Djanuno Dabo, l’India dallo strepitoso tablista Aref Durvesh. E poi, ovviamente, c’è l’Inghilterra: nelle vesti del chitarrista Sam Mills, produttore e compagno di vita e d’avventura della splendente Susheela. Che, dal canto suo, esibisce un sorriso a 32 denti e una felicità che si taglia con il coltello. E lo dice a chiare lettere: «I’m extremely happy to be here!», esclama scandendo per bene l’avverbio, quando gli applausi le danno un po’ di tregua. E poi inizia a cantare.
Gran bel concerto, non c’è che dire: anche se un pochino discontinuo e disomogeneo. Perché Susheela, in una sorta di ricerca dell’unità, tenta saggiamente di mettere d’accordo l’anima con il corpo. Affida la prima, soprattutto, a canzoni della tradizione carnatica, ricche di secoli e di gloria, e il secondo a un repertorio più recente, a volte prodotto in proprio. Ma proprio da qui nascono gli sbalzi di tensione. Perché queste canzoni “laiche”, seppur molto intense e ben costruite, non riescono assolutamente a reggere il confronto - per fascino, profondità, sensualità sottile - con quelle “sacre”, che devono la loro fulgida bellezza alla straordinaria ricchezza interiore di chi le ha composte. E solo il tempo ci dirà se sarà possibile trovare una mediazione, fra le une e le altre. 
Comunque Susheela Raman è una vocalist superba, non a caso premiata quest’anno dalla BBC 3 come miglior esordiente nella categoria World Music. E il giorno dopo, davanti alle placide acque del lago di Ginevra, accetta con piacere di raccontarsi...

Allora Susheela, cominciamo dalle origini...
«Va bene. Sono nata a Londra, ma i miei genitori sono di Madras, la capitale del Tamil Nadu, India del sud-est. Molti miei parenti abitano ancora da quelle parti, però, per uno strano gioco del destino, io sono cresciuta in Australia. Ed è forse questo strano miscuglio di terre e di influenze quel che dà alla mia musica un carattere alquanto cosmopolita: un po’ di Inghilterra, una spruzzatina di Sidney (che è completamente diversa da Londra), una robusta dose di India meridionale... Agitare per bene, e il gioco è fatto!».

Già. Ma gira voce che il tuo rapporto con le “radici” non sia stato sempre idilliaco, vero?
«Proprio così: la crisi - come quasi sempre avviene - è coincisa con il passaggio dalla fanciullezza all’adolescenza. Allora mi è venuto davvero il disgusto per la musica della tradizione indiana: ho cominciato a rifiutarla quasi con rabbia, mi sono tuffata nel funky, nel pop, nel rhythm ‘n’ blues: Billie Holiday, Robert Johnson, Aretha Franklin, Chaka Khan, il Miles Davis elettrico... Ero selvaggia, aggressiva in una maniera spaventosa... Gettavo tutte queste mie frustrazioni nella musica che facevo: a Sidney, nei bar più “caldi” della metropoli australiana...».

Finchè, a un certo punto, sei diventata completamente afona...
«Già, è quello è stato un momento davvero tremendo! Un cantante senza la voce è come un centometrista senza polpacci: una cosa senza senso! Ma quella “menomazione” è stata anche mooolto positiva. Mi ha fatto capire che non potevo proprio continuare in quella maniera lì...»

E così, nel 1995, sei ritornata in India...
«Già, quello è stato il vero punto di svolta della mia vita - almeno fino ad oggi, è ovvio. Vedi, grazie a mia madre - che ha una voce straordinaria, pur non essendo mai diventata una cantante professionista - io sono cresciuta nel pieno rispetto della tradizione indiana: nell’intenzione (e nella voglia) di preservarne l’integrità e l’identità. Tant’è vero che fino a 14 anni non ho ascoltato altro che musica carnatica, la musica classica dell’India del sud. Mia madre mi svegliava molto presto, la mattina, e insieme intonavamo canzoni tradizionali, musiche religiose, inni devozionali. Ecco, dopo la “parentesi australiana” - molto dolorosa, ma anche molto istruttiva - sono ritornata a fare quel che ho sempre fatto: con enorme gioia e profonda partecipazione».

Hai studiato con qualcuno, in particolare?
«Oh sì, ho studiato con due insegnanti straordinarie: Shruti Sadolikar e Aruna Sairam. Shruti è una delle più grandi cantanti hindustane, una vera autorità nel repertorio dell’India del Nord; e Aruna è la sua omologa, per quel che riguarda il versante carnatico del Sud. Così, dopo un bel po’ di tirocinio, la voce mi è “miracolosamente” tornata! Ma non era la mia voce di prima, molto rock e aggressiva. Era una voce completamente diversa, molto più dolce, rotonda e grave allo stesso tempo. Un altro miracolo...».

E’ vero. E proprio con questa voce hai dato vita ai tuoi due dischi solisti: “Salt Rain” del 2001 e questo recentissimo “Love Trap”.
«Già, e per questo devo pubblicamente ringraziare Sam Mills, il mio produttore e chitarrista. Vedi, io volevo pubblicare il mio disco con la Real World di Peter Gabriel, e proprio per questo ero andata a Bath: per partecipare al progetto “Joy”. Ma la Real World non mi ha neanche preso in considerazione, e al Womad non mi hanno mai invitata, chissà mai perché... Ma io devo proprio essere una ragazza fortunata, perché a Bath, nel 1997, ho incontrato Sam. Che mi ha subito presa sotto la sua protezione e mi ha confezionato l’“abito” di questi due dischi, dentro i quali mi riconosco al 100 per cento».

E allora parliamo un po’ di “Love Trap”. La canzone che dà il titolo all’album arriva direttamente dall’Africa...
«Sì, è una canzone etiope degli anni Settanta: la cantava Mahmoud Ahmed, la superstar locale dell’epoca... Ha una melodia sensazionale, un’armonia molto strana, che mi hanno completamente ammaliata - vorrei dire ossessionata... Così sono andata fino in Etiopia a fare un po’ di ricerca sul campo, e ho scoperto un filone musicale enormemente interessante, che vorrei continuare a sviluppare. Fino a farlo diventare un’altra parte di me, delle mie radici...».

Che, in questo disco, sono davvero potenti e profonde...
«Mi fa davvero piacere che lo si senta! C’è per esempio “Sakhi Maro”, che ho imparato dalla mia maestra Shruti Sadolikar: è una canzone scritta da Meera Bai, una mistica del sedicesimo secolo, che canta il suo amore per Krishna. E poi c’è “Ye Meera Divanapan Hai”, che pare una canzone sacra ma non lo è: è tratta dalla colonna sonora di “Yehudi”, un film hindi del 1960, e me la cantavano sempre i miei genitori quando ero bambina. E poi c’è “Blue Lily Red Lotus”, una canzone del decimo secolo, che a dispetto del titolo in inglese è cantata in tamul: la mia lingua materna. E poi, ancora, c’è “Amba”, che parla di meditazione sul nome di Shiva...».

Anche tu mediti, Susheela?
«Ora non più. Ho meditato molto in passato, e ho anche fatto un po’ di yoga... ma ora sono troppo occupata per impegnarmi seriamente nella meditazione. Mi limito a fare un po’ di capoeira, tanto per divertirmi...».

Ma hai un guru personale?
«Se ho un guru? Oh, yeah... myself!».

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble