My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Prince
il concerto di Milano

 

Milano. Nella notte di Halloween, tiepida e leggiadra come non se ne ricordavano da tempo, Prince è ritornato. Dopo dieci anni giusti giusti (anzi, facciamo dodici, visto che il concerto del 1992 era stato annullato per contrasti contrattuali, e

soltanto nel pomeriggio del 31 ottobre sono state risolte con una complessa transazione le vertenze processuali ancora in corso). E' ritornato nello stesso luogo che l'aveva visto trionfare nel 1990, il PalaTenda di Lampugnano (ex PalaTrussardi e PalaVobis), alla testa di una band assolutamente straordinaria e con una voglia di comunicare che non gli conoscevano. Certo, il suo eloquio non ha nulla dell'approccio torrenzial-filosofico di un Carlos Santana o della verve autoironica di un Robert Plant, tanto per citarne un paio a caso: ma riempie comunque di parole e di sillabe l'etere circostante, e non soltanto i mega-schermi di fondo come accadeva ai tempi di "Alphabet Street". Dice cose semplici e quasi scontate, il Genio di Minneapolis. Per esempio, quasi a sottolineare l'affetto che da sempre lo lega alle nostre terre, ripete alcune decine di volte il nome di Milano: anzi "Milan", con grande scorno dei tantissimi tifosi interisti presenti in sala. Oppure domanda: "Vi sono mancato?"; e appena dalla platea si alza un poderoso "yeahhhhh!!!", lui urla: "voi sì, moltissimooooo!!!". E ancora: "My name is Prince... Sarò il vostro dj questa sera!". E via con una serie di riff torrenziali, a metà strada fra la fusion e il rhythm 'n' blues, tirati fino al calor bianco da una sezione di fiati da mille e una notte, dove svettano per avvenenza una bionda sassofonista olandese, Candy Dulfer, e per maestria il grande Maceo Parker, già osannato ai tempi (ormai lontani) in cui era alle dipendenze di James Brown, e ora ancor più formidabile nel modulare la voce alquanto nasale e stridula del suo sax alto.
Proprio come aveva fatto con Milano, anzi Milan, anche con Maceo Parker Prince ripete il nome decine e decine di volte, fra l'orgoglioso e l'ammirato. E anzi lo infila di prepotenza in una sorta di Gotha dei Grandi - accanto a Rufus Thomas e Chaka Khan, George Clinton e Sly dei Family Stone - per polemizzare a lungo, ferocemente, con i network radiofonici: "che non trasmettono mai "real music", la musica di questi meravigliosi artisti". E' davvero il gran forma, quello che un tempo era per tutti "il folletto di Minneapolis". Ma ora, a 45 anni suonati, "folletto" non è davvero più, anche se mantiene un'agilità di corpo e di mente davvero invidiabile. E' un uomo fatto e finito, ormai, stretto dentro un completo nero anni Trenta, pettinato con la riga di parte, quasi come un Rodolfo Valentino redivivo. Dei vezzi di un tempo, Prince mantiene intatto quello di suonare su decine di chitarre diverse e di adornarle con i simboli maschile (la freccia, proprio come il glifo del pianeta Marte) e femminile (la croce sovrastata dal cerchio, proprio come Venere): interpretati per anni come altrettante confessioni di ambiguità sessuale. Così come intatto - e non potrebbe essere altrimenti - è il suo gusto per le scenografie, le luci, il modo di miscelare i colori: un gusto davvero straordinario, anche se oggi incomparabilmente più semplice e scarno rispetto a vent'anni fa.
Ma, per il resto, molto, quasi tutto, è cambiato. Oggi Prince è un musicista completo, formidabile, colto, vitale, pienamente rispettoso della storia della Great Black Music, tanto per rievocare un termine assolutamente felice coniato dall'Art Ensemble of Chicago. E soprattutto libero, straordinariamente libero. Primo fra le star del rock & dintorni, già sei anni fa ha scelto di intrattenere con il suo pubblico un rapporto pienamente diretto, non più mediato dalle case discografiche. Ha aperto un sito web - www.npgmusic-club.com - al quale si può accedere versando una quota di iscrizione di 100 dollari all'anno, che gli serve per comunicare con i suoi fans e per vendere i suoi dischi. Il penultimo, "The Rainbow Children", si trova anche nei negozi, ma l'ultimo - "One Nite Alone", per voce e pianoforte, registrato in una notte di solitudine e di plenilunio - assolutamente no: chi lo vuole lo deve acquistare via Internet. Quanto al rapporto con i fans, Prince non si limita a coltivarlo nell'etere: appena può lo rinvigorisce di persona, proprio come è successo nel tardo pomeriggio di giovedì. Quando il Genio si è lungamente intrattenuto con i suoi 300 aficionados italiani, e proprio per questo il concerto è iniziato mentre fuori dal PalaTenda c'era ancora una fila di tremila persone almeno (su un totale di quasi diecimila).
Il concerto, appunto, è il miglior passaporto della nuova identità di Prince. E' un vulcano di invenzioni, di improvvisazioni e di variazioni: di ritmo, di strutture e di mood. E' un torrente in piena di due ore e mezza abbondanti, che spazza via tutto ciò che trova davanti a sè. E' un mélange coloratissimo di jazz, di funky, di rock e di soul, dove convergono per intero il magnifico "One Nite Alone" e alcuni reperti sceltissimi del passato presente e lontano: "Sign o' the Times", "Starfish and Coffee", "Diamonds and Pearls", "Lovesexy", "Alphabet Street", "Nothing Compares 2 U". E ovviamente l'indimenticabile "Purple Rain", capace di incendiare migliaia di accendini al solo trillare delle prime due note. Tutte cose che, a quanto pare, andranno a formare il triplo "One Nite Alone Live": il primo cidì dal vivo di Prince in 25 anni di carriera, annunciato per i mesi prossimi. Tutte cose che, nel frattempo, hanno scaldato i cuori dei diecimila del PalaTenda, in una notte di Halloween davvero memorabile.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble