My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Natacha Atlas
gedida
anche in musica per golosi

 

Trasferirsi a Northampton, nel cuore
più cupo e malinconico dell’Inghilterra industriale, dopo aver trascorso l’intera giovinezza nel quartiere arabo di Bruxelles. 
Messa in termini tanto crudi, la faccenda potrebbe sembrare la trasposizione geografica del famoso

aforisma di Freak Antoni: quello per cui "la fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo". Un maledettissimo accidente, insomma, in grado di mettere ko anche il più tetragono dei combattenti. Ma per Natacha Atlas, dolce fanciulla di ascendenze per metà palistinesi e per metà egiziane, questa interminabile odissea fra due città parimenti improbabili si è trasformata, alla fine, in un autentico pellegrinaggio alla Mecca. Perché a Bruxelles, nello "slum" islamico, grazie all’aiuto provvidenziale di genitori e zii, ha messo a punto i caposaldi fondamentali dello "shaabi" (cioè del pop egiziano di questi ultimi anni) e della "belly dance", o danza del ventre che dir si voglia. E invece a Northampton, a dispetto della miserevole tetraggine della vita quotidiana, il destino l’ha portata a imbattersi nelle propaggini estreme della "techno" inglese d’avanguardia, quella architettata da nomi come Asian Dub Foundation, Talvin Singh e Transglobal Underground. Di modo che miss Atlas, una volta trasferitasi definitivamente a Londra dopo un’altra rapidissima capatina in quel di Bruxelles, ha potuto ragionevolmente affermare di aver imparato l’arte e di averla messa giudiziosamente da parte. In attesa di giorni migliori.

Giorni che stanno arrivando proprio ora, allo scadere del secondo millennio, grazie a un tour europeo che ha toccato anche Milano (la Festa della Musica dello scorso mese di giugno) e il Montreux Jazz Festival, dove alcune centinaia di fans hanno atteso fino alle 2 del mattino pur di vederla comparire sull’enorme palcoscenico dell’Auditorium Stravinski. Giorni che lei ha preparato con una pazienza e una metodicità degne di miglior causa, dapprima collaborando come "vocalist" e "belly dancer" con i già citati Transglobal Underground, e poi realizzando in proprio tre album interessantissimi - "Diaspora", "Halim" e "Gedida", tutti editi dalla Beggars Banquet - dove prende forma e vigore un’osmosi nuovissima, e potenzialmente esplosiva, fra Oriente e Occidente. Una sorta di "Islam pop", per dirla con una formuletta ultra-sintetica, in cui le millenarie salmodie vocali d’Arabia leggiadramente copulano con le macchine da ritmo metropolitane, e gli strumenti della tradizione più pura - l’oud, il bouzouki, le tablas, il dulcimer, il riqq, il bendir - si alternano con grandissima naturalezza con lo "scratch" dei di-gei più tendenziosi d’oltre Manica.

A proposito di questo originalissimo métissage, che in Francia vanta già legioni di adepti e promette di essere il "must" per antonomasia dei mesi che verranno, la minuscola Natacha - 156 centimetri tacchi compresi, incantevoli occhi verdi, forme giunoniche come si conviene a ogni "belly dancer" di razza - dimostra di avere le idee meravigliosamente chiare. «Qualcuno ha definito "nuovo raï" questo mix, mettendolo indirettamente in relazione con le cose che fanno Khaled, Cheb Mami, Rachid Taha e Bellemou Messaoud: ma io non sono per niente d’accordo», dice decisa.«Io infatti, vuoi per questioni familiari, vuoi per sentimenti profondi, sono molto più vicina a un modo egiziano di intendere le cose, piuttosto che algerino. Per questo trascorro al Cairo tutto il tempo libero che mi rimane fra un tour e l’altro: per migliorare sempre più la mia conoscenza della lingua e della musica arabe. Per questo i miei modelli di riferimento privilegiato sono i grandi cantanti della tradizione egiziana antecedente allo "shaabi". Tutta gente che potrebbe interagire benissimo con i "miei" mostri sacri d’Occidente: Sinead O’ Connor, Asian Dub Foundantion e, soprattutto, Björk, una chanteuse con cui mi piacerebbe moltissimo collaborare in futuro».

Se questi sono i desideri del domani, l’oggi di Natacha è contrappuntato da canzoni salmodiate un po’ in arabo e un po’ in inglese, fascinosamente fluttuanti attorno a quel "tono di indeterminatezza" che pare essere la cifra essenziale della musica mediorientale. Sono ballate leggiadre e impalpabili, le sue, che cantano soprattutto l’amore, il sentimento e le emozioni senza tempo. Come in "Bahlam", dove volteggiano leggerissimi «i sogni di tante ragazze che non sono mai cambiate da mille anni a questa parte». O come in "Mon amie la rose", che è «un rifacimento a modo mio, vorrei dire in forma di lamento, di una delicatissima canzone interpretata da Françoise Hardy più di trent’anni fa». E se i temi di natura politica e sociale rimangono per il momento totalmente preclusi, in questo universo soffice come la rugiada di primo mattino, il perché è presto detto. «Il mio desiderio più grande è che i miei dischi vengano ascoltati e diffusi anche in Egitto», racconta miss Atlas con grande convinzione. «E da quelle parti, nonostante ci siano state negli ultimi anni alcune timide aperture, parlare di queste faccende è ancora proibito. Quindi... meglio andare con i piedi di piombo, con la speranza che prima o poi qualcosa succeda». E non c’è alcun dubbio che le cose andranno proprio così. Nulla è precluso a chi è riuscito ad agguantare il successo a dispetto di quel tremendo handicap di partenza: partire da Bruxelles per arrivare a Northampton.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble