My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

The Chieftains
"tears of stone"
vedi anche la recensione di
"THE WIDE WORLD OVER

 

Metti una sera insolitamente calda - sabato 5 dicembre, per la precisione - al Castello di Dublino, misterioso e altero nella luce fioca delle lampade a olio.
Aggiungi un centinaio di giornalisti provenienti da tutta Europa,

barili di Guinness spumeggiante, vini bianchi, fermi e frizzanti, fatti arrivare dall’Italia per l’occasione. Guarnisci gli ingredienti di cui sopra, già inebrianti di per sè, con la presenza dei Chieftains e dei loro straordinari ospiti - i Corrs e l’ensemble vocale Anuna - convocati appositamente per celebrare l’avvenimento. Miscuglia il tutto con la ben nota imprevedibilità irlandese, con una passionalità spasmodica e una gioia di vivere senza luogo e senza tempo. Otterrai così il leit-motiv di un concerto a dir poco irripetibile, architettato ad arte per presentare a una ristrettissima cerchia di fortunati il nuovissimo album di Paddy Moloney & compagni: "Tears of stone"   in uscita contemporanea in tutti i paesi del globo verso la fine di gennaio 1999.
Quasi inutile soffermarsi su questo meraviglioso appuntamento, che probabilmente verrà testimoniato con uno "home video" girato per l’occasione. Molto meglio acchiappare al volo, a notte inoltrata, al bancone del bar dell’hotel Alexander, il "vecchio" Paddy Moloney - 62 anni portati con una baldanza e un entusiasmo a prova di bomba - e carpirgli un po’ di notizie su questa sua nuova avventura con i sodali di sempre: l’ennesima, a partire da quel lontanissimo 1967 quando i Chieftains emisero i loro primo vagiti...

Allora, mister Moloney: proviamo innanzi tutto a chiarire il senso del titolo...

«Certamente. Per realizzare "Santiago", l’album precedente a questo, avevo convocato un meraviglioso suonatore galiziano di cornamusa, Carlos Nuñez. Bene, in un vecchio disco realizzato da Nuñez - non mi chieda il titolo, perché non lo ricordo proprio: sono i guai dell’età... - c’era una bellissima canzone spagnola che si chiamava "Lacrime di pietra". Mi è sembrato un titolo meraviglioso per quel che avevo in mente...».

E che cosa aveva in mente, di grazia?

«Un album interamente dedicato all’amore in tutte le sue sfaccettature, dalla gioia alla tristezza, dalla passione all’odio, dall’estasi mistica all’"inferno" dei sensi. Tutto, insomma, dalla a alla zeta. E interpretato esclusivamente da "vocalist" al femminile, perché penso che il talento interpretativo delle donne contemporanee sia un qualcosa di assolutamente enorme, da diffondere capillarmente in ogni angolo del globo. Tre anni filati ho lavorato su questo progetto, e ora i risultati sono alla portata di tutte le orecchie...».

Ritorniamo per un attimo alle "vocalist", se non le dispiace. Scorrendo l’elenco delle sue ospiti, si ha come l’impressione di avere a che fare con un vero e proprio Gotha della vocalità al femminile: Bonnie Raitt e Natalie Merchant, Joni Mitchell e le tre sorelle Corr, Sinead O’Connor e Mary Carpenter, Loreena McKennitt e Akiko Yano, Sissel e Joan Osborne, le Anuna e Diana Krall... Un’autentica pacchia!

«Già, e nel disco che le è appena stato dato manca Dadawa, la grande cantante di Singapore che compare soltanto nella versione per il mercato giapponese di "Tears of stone". Mi piace talmente tanto Dadawa, che per lei ho appositamente realizzato una musica molto particolare, diciamo "cino-irlandese", che lei ha abbellito con una sensibilità poetica assolutamente straordinaria. Si chiama "Tears lake" questa canzone, e racconta di una giovane che canta al suo amore lontano con una tale intensità emotiva...che le lacrime che le sgorgano dagli occhi inondano la terra fino a formare un immenso lago.Un lago di lacrime, appunto».

Molto toccante. Ma mi dica qualcosa a proposito delle altre interpreti: di Joni Mitchell, per esempio...

«Ah, la carissima Joni... L’ho conosciuta in Giappone, dove abbiamo tenuto insieme un concerto straordinario in una splendida abbazia, c’era perfino Bob Dylan! Ah, Joni... In quel concerto, lei interpretava una canzone, "Magdalene laundries", che affrescava un convento che gestiva una lavanderia, e il sentimento prevalente - fra prostitute, orfane, ragazze-madri e donne depravate - era di una tristezza devastante: una vera e propria disperazione, insomma. In tutta sincerità devo dire che a me quella canzone non piaceva più di tanto, ma lei insisteva nel volerla ripetere: "ci sento dentro una specie di sentimento religioso, che può funzionare benissimo nell’album dedicato all’amore che hai in mente tu", continuava a ripetermi. Così ho voluto accontentarla, mi sono messo a lavorare come un forsennato sulle armonie di "Magdalene laundries" fino a farle diventare quel che si ascoltano ora nel disco. E devo ammettere che i risultati, ora, mi soddisfano appieno...».

E Diana Krall?

«Prima di lavorare con lei non la conoscevo proprio, devo dirlo in tutta sincerità. Tant’è vero che, per il progetto di "Tears of stone", avevo pensato di ingaggiare Aretha Franklin: ma Aretha è così difficile da raggiungere... Allora qualcuno mi ha presentato Diana Krall, e quando ho ascoltato i suoi nastri sono rimasto totalmente basito: è un qualcosa di assolutamente straordinario, una nuova Sarah Vaughan per intenderci! A quel punto ho capito che la sua voce era davvero l’ideale per quel che avevo in mente, una sorta di "irish gospel" con tanto di cori in stile "jubilee", infiorettato dai voli al violino del nostro Sean Keane. Fantastico, no?».

Assolutamente. Ma anche "Sake in the jar", la canzone di Akiko Yano, mi pare del tutto particolare...

«Ha proprio ragione. Ah, Akiko... Lei è un’interprete grandiosa, capace di gettare un meraviglioso ponte fra Oriente e Occidente! Mi ricordo quando ci siamo incontrati a Okinawa, con tutti quei danzatori e cantanti e strumenti di ogni tipo che facevano sembrare il mondo intero un piccolo villaggio multimediale! E’ stata un’esperienza stupefacente, e credo proprio che si avverta un’atmosfera del genere dentro "Sake in the jar". Una canzone che magari può sembrare un tantino "etilica" - lei sa benissimo che il "sake", per i giapponesi, è un po’ come il nostro whiskey - ma che, in realtà, parla d’amore dalla prima strofa all’ultima. Prosit!».

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble