My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Henry Grimes
recensione del concerto al Teatro Manzoni di Milano

Milano. Ha scelto il primo giorno di inverno vero, il Redivivo, per farsi acclamare dal pubblico domenicale dell’“Aperitivo in concerto” milanese. Vento gelido fuori e calor bianco dentro il teatro Manzoni, gremito in ogni ordine di posti: da fans accorsi fin lì per dire

“welcome back” a quel distinto signore di 68 anni appena compiuti (il 3 novembre scorso, per la precisione) che nascondeva tutta la sua timidezza, tutta la sua emozione, dietro il ventre voluminoso del suo contrabbasso luccicante. La storia di Henry Grimes - perché è di lui che stiamo parlando - comincia proprio in questi giorni a essere sufficientemente nota, ma conviene ugualmente ricostruirla, almeno a grandissime linee. Perché pare tratta di peso dal film di Frank Capra “La vita è meravigliosa”. Perché pare un manuale di sopravvivenza redatto a uso e consumo delle giovani generazioni, affinché non si arrendano di fronte alle prime difficoltà della vita: per quanto insuperabili possano apparire.
E dunque, l’avevano dato tutti per morto, Henry Alonzo Grimes da Philadelphia. Alcuni, come la scrittrice Valerie Wilmer, nel 1971. Altri, più benevoli, nel 1984. Scomparso nel nulla di chissà quale altra galassia, dopo aver partecipato a centinaia di concerti, jam session e registrazioni varie fra la fine dei Cinquanta e tutti i Sessanta, con gente che ha fatto la storia del jazz: Benny Goodman e Gerry Mulligan, Sonny Rollins e Stan Getz, Thelonious Monk e Tony Scott, Albert Ayler e Don Cherry. Ma per buona fortuna di Henry, c’è anche chi non crede a questa verità, tanto di comodo da sfiorare la leggenda metropolitana. Il tipo in questione si chiama Marshall Marrotte, e fa l’assistente sociale ad Athens, la città della Georgia famosa in tutto il mondo grazie ai Rem. Lui racconta di essere stato folgorato da Grimes nel 1986, quando, entrato in un negozio di dischi di New Orleans, gli capitò di ascoltare “The Call”, l’unico album da leader mai inciso da Henry: «Gesù, le note emesse da quel contrabbasso mi misero letteralmente KO. Comprai il disco - il mio primo disco di jazz - e uscii in strada col capogiro: ero letteralmente disfatto. E dopo che mi fui ripreso, cominciai immediatamente a informarmi su quel fenomeno di contrabbassista. Sentii le cose più strane: che era morto nel 1971 o nel 1984, che aveva abbandonato la musica e si era fatto prete, che aveva seri disturbi mentali, che viveva in mezzo a una strada, che s’era fatto i capelli verdi, che si era messo a suonare il basso elettrico in una rock band... Tutte cose che non facevano altro che enfatizzare le qualità eteree della sua musica».
Ed è così che, lo scorso anno, dopo molto tempo speso a lambiccarsi il cervello su postulati di chiara derivazione New Age - «a nulla c’è mai una vera risposta, la verità è sempre un qualcosa di molto relativo: tutto ciò che esiste dimora nel qui e ora!» - Marshall Marrotte decide di passare all’azione. Si mette a spulciare tutti i reperti più minuti relativi alla “scomparsa” di Henry Grimes: carte di tribunali, certificati di morte, racconti di musicisti e amici, archivi di giornali e di preture sparse in ogni angolo degli States, contatti con la famiglia del “disperso”, ci manca solo che scriva alla redazione di “Chi l’ha visto?”... E dopo mesi e mesi di lavoro certosino, sorretto dalla fede che solo un fan assoluto e integerrimo può nutrire, alla fine lo rintraccia: in un polveroso alberguccio di South Central, Los Angeles. E allora gli chiede perché mai sia sparito nel nulla, e che abbia mai combinato in tutto questo periodo più lungo della Guerra dei Trent’anni. E Grimes, tranquillo, gli risponde che con il jazz non riusciva a campare, e che nessuno l’aveva mai voluto ingaggiare come attore di teatro, e che perfino il suo amatissimo contrabbasso aveva dovuto vendere, per raggranellare quattro soldi. Dopo di che, aveva dovuto arrangiarsi con qualche lavoretto precario e con il sussidio miserabile della Social Security. Tutto lì.
Ora, gli “atti del ritrovamento” sono interamente disponibili sul sito www.allaboutjazz.com, e contengono alcuni momenti assolutamente toccanti. Per esempio, l’enorme commozione nell’apprendere che moltissimi dei suoi antichi sodali - i vari Albert Ayler, Don Cherry, Ed Blackwell, Sonny Sharrock, Call Cobbs, Billy Higgins, Jimmy Lyons, Charles Moffett, David Izenzon - sono tutti morti: «Oddio, che brutta notizia... E’ terribile!». Oppure il ricordo, ancora vivissimo, dei suoi problemi mentali: «Sono andati avanti per un po’, e sono anche stato all’ospedale. Mi era stata diagnosticata una sindrome maniaco-depressiva, che mi curavano con un farmaco, la Torazina. E’ stato molto brutto, sono stato depresso per molto tampo. Ma ora, per fortuna, sto bene!». Oppure le sue impressioni su Albert Ayler, un Immortale del jazz (e non solo) troppo a lungo misconosciuto: «Albert era un improvvisatore fantastico, un musicista meraviglioso. Aveva idee dell’altro mondo, che gli venivano dappertutto. Abbiamo suonato insieme tanto, in jam session, e Albert produceva tutti questi suoni... La sua musica aveva un grande elemento spirituale, ma io non volevo esserne preso troppo e strasuonare, strafare... capisci?».
Capito, certo. E forse proprio per questa voglia tuttora immanente di discrezione, di non strafare e non strasuonare, il concerto del Grande Ritorno, domenica 7 dicembre, è stato un vero e proprio miracolo di equilibrio, di compostezza, di stile. Sul suo contrabbasso nuovo di zecca, regalatogli dal giovane collega e ammiratore William Parker, Henry Grimes è arzillo e poderoso come ai vecchi tempi, e forse anche di più. Il suo antico collaboratore di “The Call”, il clarinettista bianco Perry Robinson, è lieve e sognante proprio come ce lo ricordavamo in quella vetusta registrazione del 1965. E il batterista che ha preso il posto di Tom Price è addirittura il leggendario Andrew Cyrille, uno dei più grandi percussionisti viventi, collaboratore per anni e anni di Sua Maestà Cecil Taylor. Insieme, i tre fanno meraviglie sublimi, prendono assoli a dir poco stratosferici (soprattutto Andrew Cyrille, che a un certo punto si mette a tenere il tempo picchiettandosi le gote con le mani!). Non sorprende dunque che la riproposizione di “The Call” suoni ancor oggi fresca e attualissima, densa di un pathos e di un’emozionalità da brividi: come se non fossero passati quasi quarant’anni dalla sua prima (e finora unica) realizzazione. Ma forse ha proprio ragione il prode Marshall Marrotte quando esclama che «tutto ciò che esiste dimora nel qui e ora!». Ne terremo conto.

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble