My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Flashback

Nino Rota

Potrà sembrare strano (o forse no) che un festival dedicato a Nino Rota si svolga a Mosca invece che a Milano - la città che gli aveva dato i natali, il 3 dicembre 1911 - oppure a Roma, dove il Maestro aveva lavorato tutta la vita, prima di spegnersi il 10 aprile 1979. Potrà sembrare strano - dicevamo - ma così vanno le cose in questo bizzarro paese. E dunque, per assistere all'ottima rievocazione di colui che Federico Fellini aveva esplicitamente definito come "la musica", e Miklòs Ròsza (l'autore delle celeberrime colonne sonore di "Giungla d'asfalto" e "Io ti salverò") come "il principe delle partiture per la Settima Arte", e Luigi Dallapiccola come "un artista autentico", abbiamo dovuto abbandonare le tremebonde certezze del nostro paese (Marco Masini e Amedeo Minghi, il Festival di Sanremo da poco terminato e il Festivalbar ancora da iniziare) per cercare scampo nel cuore dell'impero sovietico.
Proprio lì, infatti, dal 27 aprile all'11 maggio, prendendo a pretesto la traduzione in lingua russa di un bel volume di Pier Marco De Santi - "La musica di Nino Rota", ormai esauritissimo in Italia - l'associazione moscovita "Movimento per la mutua comprensione" aveva deciso di varare la manifestazione: complici il Ministero della cultura dell'Unione Sovietica e, sul versante italiano, il Ministero del turismo e dello spettacolo, la società "Progettimmagine" e la rete televisiva "Superchannel", sponsor unico dell'intera rassegna. E proprio lì, nel dare il benvenuto a tutti i partecipanti, il grande regista russo Sergej Bondarchuk aveva voluto ricordare la collaborazione con Rota in occasione della lavorazione del suo film "Waterloo": "Quando ho visto la partitura della colonna sonora", ha detto Bondarchuk, "mi sono subito voluto informare, come sempre, delle necessità tecniche del Maestro. Allora ho chiesto a Rota: 'Quanti tromboni le servono?'. E lui: 'Tre sono più che sufficienti'. 'Appena tre?', gli ho ribattuto: 'certi compositori me ne chiedono cento, centocinquanta...'. E lui, di rimando: 'Tre o cento... fa lo stesso'".
Questo delizioso aneddoto, raccontato da Bondarchuk con un misto di ironia e di rimpianto, è già sufficiente per inquadrare la personalità di questo uomo mite e dolcissimo, perennemente sorridente, tanto geniale nella scrittura musicale quanto modesto, straordinariamente modesto, in tutte le altre manifestazioni della vita. Lui aveva composto più di 150 partiture, fra opere, balletti, musica da camera, musica sacra e colonne sonore; lui aveva lavorato con molti dei più grandi registi del cinema contemporaneo: da Federico Fellini (per il quale aveva scritto tutte le musiche, da "Lo sceicco bianco" ad "Amarcord") a Luchino Visconti ("Rocco e i suoi fratelli", "Il gattopardo"), da Mino Monicelli ("La grande guerra") a King Vidor ("Guerra e pace"), da Eduardo De Filippo ("Napoli milionaria", "Filumena Marturano") a Francis Ford Coppola ("Il padrino", parte prima e seconda). Eppure, nonostante questo elenco del tutto degno di un "Guinness dei primati", e nonostante lo straordinario successo sempre incontrato con i suoi lavori, si era perennemente mantenuto uguale a se stesso: "quell'omino che cercava di uscire da porte che non c'erano, e che poteva realmente uscire anche da una finestra, come una farfalla, avvolto com'era da un'atmosfera magica, irreale", come ricordava Federico Fellini in un articolo pubblicato sul "Messaggero", tre giorni dopo la sua scomparsa; "quell'uomo di una bontà incredibile, di una civiltà rara, di una bravura musicale stupefacente", come dichiarò Ennio Morricone qualche tempo più tardi.
Non deve sorprendere una tale concordanza di giudizi: c'è infatti sempre, nella musica di Rota, un dato di "umanità" che trascende la forma. Lui stesso, nel corso di una delle sue ultime conversazioni telefoniche, ricordava con grande precisione la passione che lo muoveva a comporre: "Quando sono al pianoforte, quando cerco una musica, può essere che tendenzialmente io sia felice. Ma come uomo, come si fa a essere felici in mezzo all'infelicità degli altri? Questo è un dissidio che rimane sempre. E allora posso dire che il sentimento che anima la mia musica è teso a far sì che coloro che la ascoltano possano avere almeno un momento di serenità". Magistrale. Anche perchè, nella sua innata modestia, il Maestro dimenticava di annotare l'altra passione che non l'abbandonava mai, e che ancor oggi si può gustare nelle partiture realizzate soprattutto per i film di Fellini: un "sense of humour" discreto e garbato, che a volte sconfina nella clownerie e altre volte tocca le corde del grottesco e del "burlesque", come spesso accade a chi cerca riferimenti nella "musica reale" del quotidiano, e trae elementi di ispirazione indifferentemente dalla canzone melodica degli anni Trenta e dalle marcette circensi, dal musical di Broadway e dall'avanspettacolo nostrano.
Ma, pensandoci bene, è anche facile immaginare perchè mai Nino Rota si sia dimenticato di citare lo humour, fra le sue fonti originarie di ispirazione. Lui ne era talmente tanto provvisto, da potersi permettere di qualificare come "misfatti cinematografici" le sue inimitabili colonne sonore, e come "un po' di altra musica" le sue partiture sinfoniche e da camera. I suoi "critici", al contrario, accidiosi e accigliati come automobilisti immersi in un ingorgo da week-end, questo sublime moto dello spirito non sapevano neppure dove stesse di casa: e proprio per questo, spesso e volentieri, ne qualificavano la musica come "un qualcosa di terribilmente simile a una barzelletta oscena, raccontata da qualcuno che poi vuol vedere, ammiccando, quale effetto faccia sui suoi ascoltatori". E per un Fedele D'Amico che, correttamente, individuava nella "spontaneità l'elemento di massima discriminazione della musica di Nino rispetto alla musica dei contemporanei, per la maggior parte fatta di critica sulla musica, di virgolette, di citazioni, di ripensamenti, e non di gettiti spontanei", cento altri ce n'erano che, bene che andasse, lo accusavano di volgarità: se non di "furto" e di "plagio".
Quasi inutile dire che, di fronte ad accuse tanto ridicole (ma anche terribilmente efficaci: tanto che il Maestro dovette attendere il 1974, prima di conquistare un meritatissimo Oscar per le musiche del "Padrino II"), Rota non poteva esimersi dal fare spallucce. Lui, nel desiderio viscerale di farsi ascoltare, di comunicare in musica i suoi sentimenti, non aveva esitato un attimo a citare una frase dell'andante di una serenata di Dvoràk, inserendola nel tema conduttore del film "La strada"; e aveva avuto il coraggio di prendere un tema dalla sua "Sinfonia sopra una canzone d'amore" per intruderlo a viva forza nel "Gattopardo" (così come, con procedimento uguale e contrario, aveva fatto con il brano finale di "Le notti di Cabiria": che, vent'anni più tardi, sarebbe diventato il duetto "Villanova 'ncoppa Margellina" dell'opera "Napoli milionaria" di Eduardo). Questo perchè non si stancava di ripetere che, per lui, non esisteva alcuna differenza di valore gerarchico fra musica composta per il cinema, e musica composta per la scena o la sala da concerto. Per utilizzare le sue parole autografe: "Non credo a differenze di ceti e di livelli nella musica. Secondo me, la differenza di musica 'leggera', 'semileggera', 'seria', è del tutto fittizia. Gli spartiti di Offenbach, che ormai sono vicini ai 150 anni, saranno leggeri fin che si vuole, ma di una leggerezza che dura nel tempo e ha una formidabile vitalità. Mentre c'è molta musica della stessa epoca che, rispettabilissima, erudita e serissima, ci rompe le scatole e basta! Il termine 'musica leggera' si riferisce solo alla leggerezza di chi l'ascolta, non di chi l'ha scritta. E, in fondo, la leggerezza dell'ascolto è una specie di immolazione della propria presunzione a una facilità degli altri di ascoltare. Per questo non mi offendo, quando mi danno del 'cinematografaro': musica per film o altra musica, vi metto sempre lo stesso impegno. E' diverso soltanto il territorio tecnico in cui mi muovo".
E' dunque un vero peccato che nessuno, in Italia, abbia ancora pensato di dedicare una rassegna specifica a questo compositore geniale, prolifico, rapidissimo nella stesura (si narra che abbia scritto tutte le musiche di "Stella dell'India" durante il viaggio in treno da Milano a Londra, e che ancora meglio abbia fatto per le musiche di un film di Luigi Zampa: composte in un solo pomeriggio). Speriamo almeno che RaiUno mantenga ciò che ha solennemente promesso: e cioè diffondere in prima serata, entro metà giugno, il concerto ripreso nella "Sala delle Colonne" di Mosca il 4 maggio scorso. E speriamo anche che escano, quanto prima, l'home-video e il disco di quel memorabile evento, realizzati grazie alla dedizione delle formidabili orchestre sinfoniche del Bolshoi e di Gosteleradio. Sarebbe, se non altro, un omaggio tardivo a un genio troppo presto dimenticato.
(maggio 1991) 

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble