My Best Life: un aiuto per vivere meglio

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Franco Battiato
"Ferro battuto"
Intervista
Le date del tour
l'intervista precedente
La recensione di "Fleurs"

Milano. Già dal nome che porta - nel nome il destino, si diceva un tempo - il Palazzo Irreale di via Vigevano è tutto un programma.
Se poi, in una tarda mattinata di gran sole attorno a Pasqua, da quelle parti

capita Franco Battiato, come sempre accompagnato dal fidatissimo filosofo-amico Manlio Sgalambro, allora la faccenda si fa ancora più impalpabile. Perché il nostro simpatico amico, proprio come il Bagatto dei Tarocchi, ha la straordinaria capacità di mutare pelle, musica e anche faccia, a seconda delle situazioni che intende investigare. E questa volta, per lanciare in tutto il mondo l'ultimo prodotto discografico del suo multiforme ingegno, ha deciso di inaugurarne una mai sperimentata in precedenza. E' la faccia alquanto ironica, per non dire sarcastica, che compare sulla cartellina-stampa, e che riprende la posa tipica degli "eroi" del realismo socialista tipo Kim Il Sung e Chen Po Ta: inquadrata da sinistra a destra, mentre osserva il sol dell'avvenir che splende alto nel cielo vermiglio. Ma ovviamente, giocando in detrazione, questa faccia non compare sulla copertina del disco: dove, davanti al medesimo sole, fa invece bella mostra di sè un poderoso operaio con una gran martello in mano, e una gigantesca incudine su cui giace un lingotto di metallo da forgiare. E infatti il disco in questione si chiama "Ferro battuto" (Columbia), ha i caratteri di un bel simil-cirillico, e pare davvero - dal punto di vista grafico - la riedizione delle riedizioni dei primi manifesti sovietici degli anni Trenta. Proprio da qui, allora, conviene cominciare...

Come mai questa scelta, Franco?

"E' semplice. Trovo che le icone dei regimi totalitari siano, da sempre, mostruose, ridicole e affascinanti al tempo stesso. Quindi, le ho volute caricare di segni ancor più paradossali, tanto per far capire fin da subito che questo è un album essenzialmente ludico. Un inno alla gioia di vivere, anche quando tocca le corde della malinconia".

La musica, invece, è l'esatto opposto. Dieci canzoni che sembrano una sequela di "pezzi unici", redatti nelle lingue più tipiche di oggi: la techno, la lounge, la ambient, la dance canonica...

"Eh, già... E' come quando cammini sul tapis roulant e ascolti la radio per mantenere il ritmo. E' un qualcosa di molto funzionale all'attività fisica, e mi piacerebbe proprio che questo presupposto venisse tenuto a mente. Molto spesso, infatti, si accusano le radio di essere troppo commerciali, e a volte questo è anche vero. Ma bisognerebbe pure ricordarsi che non tutta la "musica da tappezzeria", per dirla con Erik Satie, è uguale: ce n'è una che può andar bene quando guidi e un'altra, per estremizzare, molto più consigliabile quando leggi o quando mediti. Ecco, per dirla con una formuletta questo è un disco molto raccomandabile per l'accompagnamento esteriore. Non so se ho reso l'idea...".

Qualche curiosità spicciola, Franco. La prima riguarda "Sarcofagia", liberamente ispirata al trattato di Plutarco "Del cibarsi di carne"...
"Mi diverte molto, visto che sono vegetariano convinto...".

La seconda, invece, è la cover di "Hey Joe" di Jimi Hendrix...

"Beh, questo è un pezzo che eseguivo molto spesso quando avevo vent'anni, e andavo in giro per balere a suonare. Io non sono mai stato un hendrixiano doc, ma davanti al genio, qualunque esso sia, vado sempre in delirio. Dunque, rifare Hendrix mi andava bene, e in un primo momento avevo pensato a "Stone free". Ma poi mi sono reso conto che non era tanto adatto alle mie corde, e che anche una versione canonica di "Hey Joe" mi pareva deviante. Allora ho cambiato un paio di armonie, da maggiore a minore, ed eccola qua!".

L'altra curiosità - molto più rilevante, visto che hai sempre cordialmente detestato il jazz - riguarda invece la "piece" di Django Reinhardt e Stephane Grappelli che hai campionato in "Scherzo in minore". Che ne dici?

"Che quello non è certo jazz, ma soltanto divertimento ritmico. Swing allo stato puro. Proprio come l'orchestra travolgente di Benny Goodman con Gene Krupa alla batteria. O come certo rock di fine anni Cinquanta, scanzonato, galoppante e irresistibile. Sono questi i "modelli" che mi hanno guidato per dialogare a distanza con il "Minor swing" di Reinhardt e Grappelli".

Passiamo alle collaborazioni. Quella più eclatante riguarda Jim Kerr, il leader dei Simple Minds...

"A Jim era molto piaciuta la mia "Shock in my town", e mi ha chiesto l'autorizzazione di poterla campionare.Così è venuto a trovarmi in Sicilia, e l'ho trovato molto signorile, educato e umile... Collaborare con lui è stata una conseguenza naturale".

Poi, in un paio di canzoni, c'è la voce della grande Natacha Atlas...

"Già... In quelle due canzoni - "Personalità empirica" e "Il potere del canto" - mi serviva una voce "altra": di impostazione non anglo-americana, insomma. E quando un paio dei miei collaboratori abituali mi hanno suggerito, contemporaneamente, il nome di Natacha... ho pensato che due coincidenze erano francamente troppe per non essere anche significative. Così ho telefonato a Natacha, e sono molto contento di averlo fatto!".

L'ultima curiosità riguarda il tuo rapporto con Manlio Sgalambro. Ormai siete inseparabili...

"Così pare a tutti quanti, anche se vorrei precisare che la nostra è una collaborazione molto "sui generis". Infatti non lavoriamo mai a stretto contatto di gomito, ci limitiamo a mandarci reciprocamente dei fax. Poi, in una fase più avanzata della lavorazione, io mando una cassetta a Manlio con un abbozzo di musica, e lui me la rimanda con qualche idea di testo. Andiamo avanti così, con grande beneficio delle poste, fino a lavoro ultimato. E devo dire che continuiamo a divertirci un mondo!".

Le date del tour
l'intervista precedente
La recensione di "Fleurs"

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2016 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble